Salsa al cioccolato olandese “vla”

Quando sono arrivata in Olanda una delle prime cose che ha attirato la mia attenzione è stata, nel reparto frigo, una sezione dedicata a dei tetra-pack da mezzo e da 1 litro contenti una specie di salsa al cioccolato. Sopra ai pacchetti c’era scritto:  Chocolade Vla . Beh non c’era solo a cioccolato ma anche ad altri gusti però il mio occhio cade, ahimè, sempre sulla cioccolata! A onor del vero però su molti tetra-pack c’era anche scritto “scremato” o “0% grassi”: molto interessante!

Salsa al cioccolato vla, ricetta olandese, Mangia senza Pancia

Mangiandola ho scoperto di trovarmi davanti ad una buonissima crema un po’ “budinosa” e un po’ “yogurtosa”. In effetti è un prodotto a base di latte fresco che viene usato tantissimo qui nei Paesi Bassi, mangiato sia dai bambini che dagli adulti : basta guardare nei carrelli al supermercato. Oltre che al cioccolato esiste in tanti gusti: vaniglia, frutta e caramello. Volendo allontanarsi dalla dieta c’è la versione con la panna (slagroomvla) e persino la versione  dubbelvla : due gusti nella stessa confezione che quando si versano nel piatto, si mescolano l’uno con l’altro creando dei bellissimi colori! Sono tutte buone, lo posso dire per esperienza!

Salsa al cioccolato vla, ricetta olandese, Mangia senza Pancia

Io sono abbastanza testarda di natura e mi ero messa in testa di ricreare questa salsa al cioccolato per renderla ancora meno calorica e fondamentalmente per non ingerire conservanti, addensanti e schifezze varie sempre presenti nei prodotti da supermercato. Ho fatto delle prove e un giorno ho messo questa salsa al cioccolato davanti a mio figlio senza dirgli cos’era. Lui la assaggia e mi fa: “ma è la chocolade vla“. Evvai: esperimento riuscitissimo!


Salsa al cioccolato olandese “vla” – la ricetta


Informazioni

Tipo: Creme dolci, Dolci al cucchiaio
Porzioni: 2 se mangiata come dolce al cucchiaio, 3 se usata per accompagnare altri dolci
Preparazione: 5 min
Cottura: 5 min
Difficoltà: facile
Punti Weight Watchers ProPoints totali = 7 Punti
Punti Weight Watchers ProPoints per porzione come dolce al cucchiaio: 3
Punti Weight Watchers ProPoints per porzione come accompagnamento: 2  


Ingredienti

Salsa al cioccolato vla, ricetta olandese, Mangia senza Pancia - ingredienti

25 gr cioccolato fondente amaro
125 ml latte totalmente scremato
2 cucchaini di miele
2 cucchiaini di maizena o di fecola di patate


Procedimento

Sciogliere bene la maizena in una ciotola con 3 cucchiaini di latte freddo. Spezzettare il cioccolato e unirlo alla maizena. Versare il rimanente latte assieme al miele in un pentolino, mescolare bene e mettere sul fornello a fuoco medio. Appena inizia a bollire, versare il latte subito nella ciotola con il miscuglio di maizena e cioccolato: mescolare rapidamente per sciogliere bene il cioccolato. Rimettere tutto nel pentolino e far ritornare ad ebollizione mescolando continuamente. Appena la salsa comincia a solidificarsi, dare un’ultima mescolata e spegnere la fiamma.

Salsa al cioccolato vla, ricetta olandese, Mangia senza Pancia - preparazione

Versare la salsa in un contenitore freddo, mettere un foglio di pellicola appoggiato sulla superficie della crema così da non far formare la crosticina e lasciar raffreddare. Si può conservare in frigo per massimo due giorni. Ma se non riuscite a resistere è buona anche mangiata calda…

Salsa al cioccolato vla, ricetta olandese, Mangia senza Pancia

Questa salsa al cioccolato è veramente molto leggera dal punto di vista calorico e può essere servita con della frutta o anche con un dolcetto leggero senza farsi venire sensi di colpa!

Buona degustazione!

by Giovanna Buono 

segui Mangia senza Pancia su facebook la Newsletter di Mangia senza Pancia

45 comments on “Salsa al cioccolato olandese “vla””

  1. Scusa Giovanna, ti commento solo per segnalarti che il link IT IS FOOD porta ad un sito che vende scarpe da ginnastica..
    Ho provato .com ed il dominio è in vendita!
    Saluti e complimenti! Questo dolce è diventato un mio cavallo di battaglia!

  2. buonissima e cioccolatosa, però ne viene poca!
    rispetto all’altra crema al cioccolato light le porzioni sono ridottissime 🙁

    • Ciao Elena… beh si le quantità di latte delle due ricette infatti prevedono una il doppio del latte dell’altra. Come punti beh… se tu vai a raddoppiare la vla, così da avere la stessa quantità di latte della crema, i punti totali della vla diventano 14 contro gli 11 della crema, quindi poi non è che la differenza sia chissà quanto no? Ti ritrovi? 😉

    • si proprio oper questo ho lasciato il punteggio totale, nella ProPoints non si usano i mezzi punti. Io ne do’ un pochino di piú a mio figlio e conto 3 punti per me 🙂

  3. Ciao!
    Sono arrivata qui proprio cercando ricette tipiche olandesi, per la raccolta che sto curando insieme ad un altro foltissimo gruppo di amiche blogger, tutta dedicata alle ricette dei paesi d’Europa (Abbecedario Culinario D’Europa)…
    Posso invitarti a partecipare con questa ricetta? 🙂
    Se non ti va o se per qualsiasi motivo non ti piace partecipare a raccolte & C., posso riproporla io? ovviamente col link alla tua pagina! ^^
    Grazie 1000 e buona giornata 🙂

    • siii ho visto la tua Appeltaart! Che bel blog che hai, io sono amica di Paola, del blog Nastro di Raso quindi sapevo dell’abbecedario!
      Stai tranquilla e riproponila pure se ti va, mi fa piacere se metti il link al mio blog. Io ora ho poco tempo e magari tu ne fai una versione più vicina all’originale mentre io devo tenermi con zucchero e grassi altrimenti non va bene per la dieta! Fammi sapere 🙂

      • FATTA! ^_____________^

        ma è una cosa stratosferica da quant’è buona!!! :P***

        io ho usato il latte di soya perchè il latte normale non posso consumarlo (mi dà problemini come dire… secondari, di non poco conto… ehemmm :DDD ) ma è comunque BUONISSIMO!!!!!

        Sai, ha lo stesso sapore del budino di soya “Provamel” che compro al supermercato! Incredibile!

        Mi sa che d’ora in poi non lo compro più e mi faccio questa come merenda quando ho voglia di qualcosa di dolce ;P

        Grazie ancora e un abbraccione!!!!

        • mi fa piacere che ti è piaciuta. Qui in Olanda, come avrai letto nella mia ricetta, si trova in tanti gusti diversi ed è veramente una buona idea per la dieta, sempre senza esagerare. Ma se vedi io ho anche fatto gli spiedini di frutta e poi intinti in poca “vla”… buonissimi!
          Se metterai anche tu la tua ricetta della vla fammi sapere 🙂
          Un abbraccione anche a te 🙂
          ps: ti ho scritto sul blog del tuo diario!!!

  4. cara Giovanna, mi sono iscritta al tuo blog da pochi giorni, e ti leggo molto molto volentieri!! Io sono una perennemente a dieta, recentemente ho rispolverato l’ultima dieta weight watchers che ho seguito, la dieta punti. Come forse sai, qui in italia la weight watchers ha chiuso da diversi anni, quindi rivolgo a te la domanda: come si differenziano i punti della prima dieta con i points, della generazione successiva??
    un abbraccio

    • Ciao Valeria! Mi fa molto piacere che segui il mio blog, ci possiamo aiutare a vicenda: benvenuta!
      Io non ho mai fatto la WW in Italia, solo a Londra e adesso qui in Olanda. La differenza dalla prima volta che seguii le riunioni è che prima per trovare i punti si dovevano immettere i valori delle calorie, grassi e fibre, mentre ora carboidrati, proteine, grassi e fibre.
      Comunque sono certa che i punti sono cambiati da quando la WW International è sparita dall’Italia. Al momento sto pensando come mettere dei calcolatori sul blog e aiutare chi in Italia vuole calcolare i punti, ma non vorrei che poi la WW mi sgridasse, vorrei fare le cose per bene insomma! E ci vuol tempo, sto anche cercando di prendere contatto con la casa madre etc… Magari ci riuscirò ma non a breve scadenza.
      In ogni una cosina sul blog c’è 🙂 Guarda in una qualsiasi pagina del mio blog, in basso a tutta la pagina a destra: c’è un calcolatore per i punti Weight Watchers aggiornato a quello che viene usato correntemente! Però funziona solo per calcolare i cibi solidi per 100 grammi, come da confezione. Quindi è un po’ primitivo ma provalo con alcuni cibi e vedi come ti trovi, magari riesci a confrontare con i punti come eri abituata tu a calcolarli e trovi modo di rimetterti in carreggiata con la dieta.
      Se vuoi altre informazioni chiedimi pure o qui o anche sulla pagina facebook di Mangia senza Pancia e se posso, ti aiuto volentieri 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.