Pizza peperoni e olive light

La Pizza peperoni e olive è la prima di una serie di ricette con le quali sperimenterò varie combinazioni di ingredienti per creare delle farciture light per la pizza. Quando si è a dieta la pizza si può mangiare ma bisogna prendere degli accorgimenti altrimenti, in men che non si dica, si finisce con l’ingurgitare una quantità esagerata di calorie in pochi bocconi! Data la bontà della pizza che la porta ad essere un cibo desiderato da tante persone e sul quale è difficile contenersi… il mio consiglio è di evitarla nel periodo iniziale della dieta ed attendere un paio di mesi, il tempo che lo stomaco si sia un po’ “ristretto” e che quindi il terzo di teglia suggerito da me possa veramente essere soddisfacente!

Pizza peperoni e olive, ricetta facile, Mangia senza Pancia

Ovviamente, poiché io cucino per tutta la famiglia ed ognuno ha i suoi gusti riguardo cosa mettere sulla pizza, noterete che oltre alla farcitura versione light, nelle foto ci sono anche altre farciture per accontentare i miei boys: in linea di massima non usate quelle e attenetevi solo ai miei ingredienti!

Per la base bisogna preparare l’ Impasto per pizza a mani pulite, per fare un impasto veramente facile e con poca farina:

Impasto per pizza a mani pulite, ricetta facile, Mangia senza Pancia

Il risultato sarà una pizza leggera e sottile ma morbida dentro e croccante fuori. Certo non è come mangiare la pizza  Da Michele a Napoli ma vi prometto che quando si è a dieta e si vive lontano dalla città della pizza questa vi sembrerà paradisiaca!


Pizza peperoni e olive light – la ricetta


Informazioni

Tipo: Pizze
Porzioni: 3 (se a dieta ovviamente). 1/9 della teglia come pasto leggero
Preparazione: 10 min
Cottura: 5 per la pre-cottura e 15 per la cottura oltre ai tempi per l’impasto.
Difficoltà: facile
Punti Weight Watchers ProPoints per porzione = 14 (10 per l’impasto e 4 per la farcitura)


Ingredienti

Pizza peperoni e olive, ricetta facile, Mangia senza Pancia

N.B.: in foto gli ingredienti per la farcitura light e per quella più “grassosa”!

Per la pasta della pizza
Impasto per pizza a mani pulite preparato con 300 g di farina

Per la Salsa per pizza light
1 cucchiaino di olio extravergine di oliva
1 spicchio di aglio
300 g pomodoro a pezzettoni (freschi o lattina)
sale, basilico e origano q.b.

Per la farcitura
130 g mozzarella light oppure 60 g formaggio tipo Gouda
1 cucchiaio parmigiano grattugiato
3 peperoni grigliati senza olio
15 olive verdi
10 olive nere
10-15 capperi sotto sale
basilico e origano q.b.
sale e pepe q.b.


Procedimento

Innanzitutto preparare l’impasto seguendo la ricetta dell’ Impasto per pizza a mani pulite con 300 g di farina, lasciarlo lievitare ed effettuare la precottura suggerita nella ricetta.

Salsa per pizza light, ricetta base, Mangia senza Pancia

Preparare poi la Salsa per pizza light seguendo le istruzioni: deve risultare ben asciutta e ristretta! Se non si vuol preparare la salsa, scolare bene la lattina dei pomodori a pezzettoni per eliminare la parte acquosa e condire con il cucchiaino di olio, il sale e l’origano a crudo.

Pizza peperoni e olive, ricetta facile, Mangia senza Pancia

Una volta che la precottura dell’impasto è terminata, sfornare e staccare bene l’impasto dalla teglia con una spatola: questo renderà più semplice sformare la pizza su di un tagliere a cottura ultimata. A questo punto distribuire per bene la salsa di pomodoro sulla base della pizza.

Pizza peperoni e olive, ricetta facile, Mangia senza Pancia

Poi aggiungere i peperoni tagliati a striscioline, le olive (tagliate a metà se grandi), i capperi ben sciacquati e tagliuzzati, il basilico e il formaggio grattugiato o la mozzarella. Terminare con il parmigiano.

Pizza peperoni e olive, ricetta facile, Mangia senza Pancia

Ecco la teglia completa farcita per un terzo (a destra) con gli ingredienti light e il resto, a sinistra, con ingredienti meno light (acciughe sottolio, molto più formaggio e olive). In mezzo la strisciolina di peperoni da “divorzio”!  Ha Ha

Re-infornare la teglia a 225° per circa altri 10 minuti (forno ventilato), poi girare la teglia per favorire una cottura uniforme e rimettere in forno a 250° per gli ultimi 5 minuti o finché si arrivi al punto di cottura desiderato.

Pizza peperoni e olive, ricetta facile, Mangia senza Pancia

Ed ecco la pizza appena sfornata!

Pizza peperoni e olive, ricetta facile, Mangia senza Pancia

Ecco invece in questa foto una sezione della pizza per dare un’idea di come si presenta l’impasto dopo la cottura.

Pizza peperoni e olive, oltre la dieta: il diario - 2 marzo 2014, Mangia senza Pancia

Un terzo di pizza è veramente riempitivo e si può tagliare in 3 pezzi, così da potersi servire più volte! Basta aggiungervi un’insalata per avere un pasto completo e delizioso…

Pizza peperoni e olive, ricetta facile, Mangia senza Pancia

Enjoy!

by Giovanna Buono 

segui Mangia senza Pancia su facebook la Newsletter di Mangia senza Pancia

45 Commenti su Pizza peperoni e olive light

  1. Ciao! Spero di non ripetere qualcosa che è già stato chiesto, ma ho provato a guardare e non l’ho trovato…
    Io vorrei fare delle mono-porzioncine di pizza da surgelare così da essere pronte da mettere in forno quando torno a casa. Secondo te una volta pronto l’impasto e data la prima scottata posso già riporle in freezer oppure è meglio che siano già “farcite” e cotte prima di surgelarle?

  2. Ciao carissima spettacolo questo impasto per pizza. Io ho usato farina di kamut e l’ho fatta lievitare solo un paio di ore x mancanza di tempo. … vediamo. …

      • ma ciao
        guarda l’ho lasciata su qualche minuto in meno perchè ho visto che sui bordi iniziava a essere troppo dorata solo che l’interno non era crudo però era come dire molto morbido forse mancava un pò di cottura ….forse perchè ho usato farina di kamut???? inoltre tu come stendi l’impasto sulla teglia del forno? io ho messo carta forno infatti si è staccata benissimo ma per stenderla c’erano buchi qua e là e alcuni punti erano più alti di altri….volevo usare mattarello ma avevo paura di fare un disastro perchè appiccicava molto….

        • Sonia forse è la farina di kamut ma mi sorprende… non è che l’impasto è lievitato oltre il suo tempo massimo? Perchè si ci vuole pazienza ma piano piano si riesce a stenderlo… se ti ha fatto i buchi mi sa che hai fatto troppo in fretta e l’hai “stracciato”…

          • l’ho fatta lievitare un paio d’ore….perchè appunto non avevo tempo…ma presto riproverò…..e ti farò sapere….comunque è troppo una cosa fantastica questa ricetta….si sporca poco e il risultato è ottimo devo solo ….sistemare un paio di cose… 🙂

  3. Ciao Giovanna noi la pizza la faremo domani sera visto il successo e la velocita’faro’la tua ricetta . Questa sera troppo stanca e’stata una settimana faticosa pocp sonno poca acqua ecc.innegozio sta arrivando tutto il cioccolato fresco che tentazione e’la cosa che mi piace di piu’ buona notte !!!!spero

  4. Io invece la mangio ogni fine settimana,però evito la pasta quel giorno che so che mangio la pizza così non mangio assai carboidrati,essendo che anche io sono a dieta,però la mia è pizza in bianco con mozzarella,wustel e prosciutto cotto/crudo,oppure mozzarella tonno e cipolla,o ancora con mozzarella e bietola già sbollentata con l’aglio,è per me buonissima e nn mi fa ingrassare non so se sbaglio,anche se questa con i peperoni la proverò sarà altrettanto buona,grazie dei tuoi consigli ti seguo sempre….

  5. Io intanto mi complimento per il tuo blog che è per me un servizio sociale visto che aiuta chi come me deve stare a dieta e lo può fare senza tristezza!
    Io proverò questa bellissima pizza che da quando sono a dieta non ho potuto più gustare e vorrei darti delle idee per le farcie light che si usano dalle mie parti dove la pizza è molto rinomata (Sicilia) una delle mie preferite quando andavo in pizzeria era quella con pomodoro mozzarella bresaola funghi freschi rucola e scaglie di grana.Un’altra è quella con pomodoro cipolla e tonno. Poi c’è quella con stracchino, mais, rucola. Un’altra con un condimento che si fa preparando alcune ore prima ciliegino, aglio,olio e basilico che si mette sulla mozzarella della pizza (senza salsa) e c’è ne sono molti altri…. Sono contenta di averti trovata a presto un bacio!

    • Ciao Giusy e benvenuta 🙂 Che buone idee di pizze che mi hai dato! Io finisco col fare sempre questa qui perchè adoro i peperoni ma effettivamente dovrei variare anche per avere qualche altra ricettina per il blog ^_^ Domenica provo a cambiare, ho appunto della bresaola, stracchino qui in Olanda non ne trovo, ma anche quella col tonno mmmmm buona 😀
      Grazie dei complimenti, sei molto gentile spero di rileggerti presto 🙂

  6. Ciao Gio,
    posso chiederti quanto è grande la tua teglia? perchè noi abbiamo uno di quei fornetti piccolini e noi ci sbafiamo mezza teglia…quindi meglio essere precisi per regolarsi!

    • ciao Cicipoci! 🙂
      Innanzitutto la misura della teglia c’è… ma nella ricetta dell’impasto: Impasto per pizza “a mani pulite” e la mia è di 41×28 cm. Comunque tu devi regolarti di impasto, di farina insomma. Prova a fare la dose che ho indicato io e se la tua teglia è molto più piccola della mia come area, dividi l’impasto in 2 pezzi prima di farlo lievitare. E poi fai pre-cuocere due teglie semmai. Io qui a casa faccio così perchè i “boys” hanno fame.. e mentre mangiamo la prima le seconda cuoce, avendo precotto le basi poi in 15 minuti cuoce del tutto con la farcitura sopra. Comunque anche io ho un forno piccolo… il discorso che tu devi guardare è la tua porzione però: 1/3 della teglia è quella indicata con i punti WW ovvero 100 g di farina e 1 cc di olio 🙂
      Fammi sapere se ti è chiaro! 🙂

      • Chiarissimo, ammetto che finora non ho mai pesato la farina e sono sempre andata ad occhio, E ieri che volevo fare la pizza…non avevo salsa di pomodoro! che testa, la prossima settimana mi cimento 🙂
        Grazie mille e buona domenica

        • bene, inoltre ho da aggiornare il post dell’impasto… ho provato a stenderlo su carta forno, solo per la precottura però, dopo l’ho tolta… e viene molto molto più facile sia da stendere che per il fatto che non si attacca!!! Se riesco metto le foto nella ricetta, prima di partire a farlo, riguardala! 🙂

          • Ti dirò la verità anche io ho un sacco di problemi a stendere se lascio lievitare così tante ore, è talmente collosa. Preferisco lievitare meno…e ho l’impressione che venga buona uguale…

          • eh ma se lievita tanto poi resta friabile, morbida dentro e croccante fuori… non so se lievita meno cosa succede ma se tu dici che è buona uguale ti credo 🙂

          • si beh è vero che a me non piace troppo troppo croccante…quindi non so. Bisogna provare 🙂

  7. Ciao Giovanna,
    Ti seguo da qualche settimana e francamente ho scoperto il tuo blog con immenso piacere ! Dimagrire mangiando sano e gustoso.. un sogno ! Ormai sono torta di mele alla cannella-dipendente e ieri sera ho provato per la prima volta la tua pizza..ottima ! Non ha veramente niente da invidiare alla pizza tradizionale ! L’impasto è croccante fuori e morbido dentro..peccato perché si è attaccato un po’ alla pre-cottura ma sono riuscita a recuperarlo !

    Tanti complimenti per la tua costanza e la tua creatività ! Fare la dieta seguendo le tue ricette è un piacere !

    Stefania

    • tornare a casa e trovare un messaggio così… non c’è prezzo 🙂 🙂
      Grazie Stefania… che belle parole, quanti complimenti… ti posso solo ringraziare tantissimo e augurarti una sana e rapida perdita di “pancia” e se sarà anche grazie alle mie ricette ne sarò lusingata! Spero di rileggerti presto, un abbraccio! 🙂

      ps: ah ho un trucchetto nuovo sperimentato la scorsa settimana per non far attaccare l’impasto… appena posso lo metto online con le foto!!!

  8. gio dimmi una cosa,le olive mi piacciono ma son davvero tante qui,se ne metto giusto un paio nella mia parte e non metto l’olio nel pomodoro dici che un paio di punti in meno posso calcolarli?

    • allora, 10 olive nere sono 3 punti e 15 verdi sono 2 (si è così e non so perchè ma è così)… quindi regolati a toglierne un po’ e tagliale a pezzettini così le moltiplichi 😀
      E per l’olio certo se fai la salsina senza olio va bene, magari usi lo spruzzino per far imbiondire l’aglio, ma falla la salsina, è più buona, aromatica e poi così si asciuga l’acqua del pomodoro e non ti lascia la pizza acquosa in superficie! 🙂

  9. ma questo impasto è spettacolare!cioè la pasta era fantastica!e considera che l’ho fatta lievitare solo un’ora e mezza perchè ho iniziato tardi i preparativi ma era divina!e davvero saziante! e pensare che io impastavo tantissimo perchè credevo che così venisse buona! la prossima gli metto le melanzane grigliate al posto dei peperoni e senza olive le sostituisco con un pochino di formaggo in più!grazie gio questo impasto non lo lo lascio più

    • mamma mia che piacere che mi hai dato Manu!!! Sono contentissima che ti sia piaciuto questo impasto… a casa mia va alla grande e non ti dico a Napoli da mio fratello, gli amici del figlio fanno la coda per la pizza di mia cognata. Pensa che mio nipote più piccolo ci va talmente pazzo che ha istituito un messaggio standard per facebook ogni volta che la mamma fa la pizza… comincia a scrivere non stop “pizzemammà” ovvero pizza di mia madre in napoletano e adesso anche tutti i cuoi amici la chiamano così 😀
      Vabbè come al solito divago! Sono proprio contenta, se la fai con un topping diverso dai miei mettimi la foto da qualche parte, su facebook, me la mandi per email, sarebbe carino 🙂

        • siiiiii io poi ho in mente un progettino per mettere da qualche parte le foto vostre, di chi come te fa le ricette del blog. O faccio una sezione apposita o le aggiungerò sotto alle ricette, non so ancora 😀

  10. ciao Gio! vedere la tua pizza a quest’ora……mi viene già fame!!! Sinceramente devo dire che a me piace di più il tuo terzo light che non il resto, sia a colpo d’occhio che probabilmente se avessi avuto la fortuna di assaggiarla ahahaha
    a proposito della questione della pizza che si attacca alla teglia, io uso la carta forno e mi viene benissimo.
    saluti a tutti
    v.

    • ahah Valeria… anche a me le acciughe così non piacciono molto perchè si sentono troppo, per questo ho fatto il “divorzio” con la striscia di peperoni 😀
      Riguardo la carta forno per me non si riesce a stendere l’impasto della pizza, già ci vuole abbastanza pazienza così. E non i usate il matterello per favoreeee… la pasta della pizza si deve spingere e non appiattire!!!! 🙂
      Comunque Valeria seguiranno altre farciture… a te come piace? Datemi suggerimenti per farciture light, please. Thanks 😀

      • nooooooooooo il mattarello no!!!! però se l’impasto è abbastanza morbido io non ho problemi a stenderlo sulla carta. al massimo si forma qualche grinza, ma tanto nessuno va a guardare il fondo!!
        Io confesso che amo la margherita, ma qui a milano il basilico lo devi chiedere, perchè anche se c’è nel menù, poi non ce lo mettono mai.
        E poi….la marinara, con tanto tanto aglio!!!!

        • il mio, se provi vedrai, viene abbastanza elastico quindi tu lo spingi e lui torna indietro, l’infingardo 😀
          Per questo con la carta forno ci sarebbe da ammattire secondo me! Anche a me piacciono margherita e marinara ma così non mi dai mica tanto spunto eh? Vabbè comunque le farò, man mano che passano le settimane, magari ne sperimento una a settimana! Ho la fortuna che a mio figlio piace con poca mozzarella, all’olandese piace l’aglio… ecco già trovata la prossima teglia e due ricette in una 🙂
          Grazie!

          • ciao Gio, ho guardato la ricetta dell’impasto. Sarebbe a mani pulite perchè lo fai esclusivamente con la spatola? ma le mani, neanche una impastatina? io…..sono peggio ancora, lo faccio nel robot!!! però non uso la manitoba, uso la farina a un solo zero, e non ho quell’effetto di ritorno. Recentemente, in un attacco di voglia di pizza, per sfruttare il forno acceso l’ho fatta addirittura col lievito chimico, ma mi è venuta benissimo!!! lo so che è quasi un sacrilegio, ma per una volta…..
            bacioni

          • Valeria si, “a mani pulite” non è niente di camorristico 😀 ma è perchè non tocco proprio l’impasto con le mani se non per stenderlo nella teglia dopo la lievitazione! Anche io, se non mi trovo la manitoba, uso la zero (uno solo 🙂 ) ma il robot no, non mi piace come viene col robot, troppo soda!. Per lievito chimico cosa intendi? Io intenderei quello per i dolci 😀
            Bacioni 🙂

  11. Fantastica…un tripudio di colori davvero bellissimo! Guardando bene le foto ho un paio di osservazioni in relazione al problema di cui ti parlavo su Facebook, ossia il fatto che la pizza tenda ad attaccarsi alla teglia:
    1) non ho pensato di passare la spatola sotto la teglia al termine della precottura; sabato proverò e ti farò sapere…
    2) la teglia forata evita il problema o serve solo per migliorare la cottura?

    • Ahhh Damiano ero in attesa del tuo commento 😀
      Dunque io non so se siano i buchini o la passata di spatola a non far attaccare. A dire il vero è la prima volta che faccio la pizza light, in genere ho sempre messo tanto olio quindi non si sarebbe attaccata manco con un miracolo 😀
      In effetti stendendola si era attaccata molto proprio perchè ci sono i buchini, quindi io direi che i buchini non aiutano a farla staccare, semmai il contrario, mentre però sicuramente favoriscono la cottura. Per concludere io tenderei a dire che la precottura e il fatto di staccare subito dopo i primi 5 min la pizza dalla teglia sono le ragioni per le quali la pizza non si attacca più di tanto!
      Quando provi mi fai sapere eh! Magari anche una foto su facebook sarebbe graditissima! 🙂

      • Ok, il dubbio sulla “bontà” della teglia forata per evitare che la pizza si attaccasse era lecito nel senso che, non avendola, avrei dovuto procurarmela…tra l’altro l’ho anche vista di sfuggita al mercato in cui mi rifornisco di frutta e verdura, ovviamente nella sezione dedicata ai casalinghi 🙂
        Posso sapere in linea di massima le dimensioni della teglia che hai usato? Te lo chiedo perchè io devo preparare la pizza solo per me ed ho visto che, con la teglia in tuo possesso, le dosi vanno bene per 3 persone (immagino tu, il tuo compagno e i tuo figlio)…a colpo d’occhio direi che la mia teglia (ne ho due, una tonda e una rettangolare nuova nuova che non ho mai usato e che “battezzerò” utilizzando la tua ricetta) è più piccola della tua (se riesco stasera prendo le misure e te le indico) quindi vorrei evitare di cucinare troppa pizza e poi doverla gettare…grazie Giovanna e buona giornata!! 😀

        • Buongiorno! 🙂
          Hai ragione, per pigrizia (dovevo cercare un metro in casa) non l’avevo misurata e scritto le misure nella ricetta… provvederò a metterle anche lì’ comunque è: 41 x 28 cm, ma come si vede dalle foto non ero proprio arrivata al bordo!
          Di quella teglia io ne ho mangiato 1/3 e il resto il mio compagno… per un boy ce ne vuole di più e poi lui non è a dieta. Non so tu come ti regoli con i carboidrati, forse andrebbe bene la metà dose solo per te e provare a stenderla nella teglia tonda… tanto anche se non arriva ai bordi della teglia non fa niente no? Melius abundare… 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.