Calamarata

La Calamarata è un piatto tipico partenopeo che fonde assieme il gusto del mare, tramite i calamari tagliati a rondelle, e della pasta di semola di grano duro, un tipo speciale a forma proprio di anelli di calamaro! In questo modo pasta e pesce si confondono nel piatto, creando un look molto sfizioso.

Calamarata, ricetta napoletana, Mangia senza Pancia

Era da tempo che volevo sperimentare questa ricetta in versione light per il blog e l’ultima volta che sono venuta in Italia mi sono ricordata di portarmi un pacco di pasta per la calamarata. Peccato che ne ho portato solo uno… questa versione leggera è venuta squisita e adesso devo aspettare di tornare in Italia prima di prepararla ancora…


Calamarata – la ricetta


Informazioni

Tipo: Primi Piatti
Porzioni: 2
Preparazione: 10 min
Cottura: 30 min
Difficoltà: facile
Punti Weight Watchers ProPoints per porzione = 13


Ingredienti

180 g di pasta tipo anelli grandi per calamarata
250 g di calamari già puliti, freschi o decongelati
8-10 gamberi sgusciati, freschi o decongelati
1 cucchiaino di olio extravergine di oliva
2 spicchi di aglio
1 peperoncino rosso (facoltativo)
1 lattina di pomodorini in scatola
2 cucchiai di vino bianco secco
1 mazzetto di prezzemolo fresco
sale e pepe q.b.


Procedimento

Se si usano prodotti surgelati, far scongelare completamente i calamari e i gamberi tenendo da parte l’eventuale brodetto che viene rilasciato durante il decongelamento. Tagliare a pezzetti i gamberi e ad anelli larghi i calamari.

Calamarata, ricetta napoletana, Mangia senza Pancia

Mettere in un’ampia padella antiaderente l’aglio e il peperoncino tagliati a fettine assieme ad 1 cucchiaino di olio. Far soffriggere lentamente e appena l’aglio è leggermente dorato aggiungere gamberi e calamari ben scolati, farli insaporire mescolando per un paio di minuti e poi cuocere a fiamma moderata per circa 5 minuti. Versare il vino e far evaporare a fiamma vivace. Quando il vino è evaporato aggiungere i pomodorini ben scolati dal sugo di conservazione e schiacciarli con la cucchiarella in modo che i pomodorini rilascino il loro succo. Coprire e far cuocere a fiamma bassa.

Calamarata, ricetta napoletana, Mangia senza Pancia

Intanto che il sugo cuoce mettere a fare la pasta. Se i frutti di mare si dovessero asciugare troppo aggiungere poca acqua: o quella rilasciata durante la decongelazione oppure quella della cottura della pasta. Quando il sugo si è ben ristretto, dopo circa 10-15 minuti, assaggiare e aggiustare di sale.

Calamarata, ricetta napoletana, Mangia senza Pancia

Quando la pasta è cotta, scolarla e versarla nella padella con il sugo. Aggiungere il prezzemolo e una spolverata di pepe macinato fresco se gradito. Mescolare bene e servire la calamarata nel piatto di portata.

Calamarata, ricetta napoletana, Mangia senza Pancia

Basta aggiungere un’insalata verde da mangiare magari come antipasto o da piluccare mentre si gusta la pasta ed ecco un pasto “a pancia piena” completo e nutriente!

Buon appetito a tutti!

by Giovanna Buono 

segui Mangia senza Pancia su facebook la Newsletter di Mangia senza Pancia

14 Commenti su Calamarata

  1. Buonissima , solo che dalle volte ho ancora fame .
    Se aggiungo ancora dei calamari posso ? È lì contabilizzo in più come sazietà giusto ????

  2. ottima! Io vivo in Belgio e il formato di pasta “calamarata” non l’ho mai trovato. Ma si trovano abbastanza facilmente i paccheri..quindi quando finisco le scorte di calamarata portate dall’Italia faccio questa ricetta con i paccheri..e viene comunque buonissima 🙂

    • dai che bello mi fa tantissimo piacere Leorena! grazie per avermelo fatto sapere….
      e se ti va l’idea, sulla mia pagina facebook puoi mettere le foto delle ricette mie che fai tu e io le condivido con tutti 😀

    • No Arlyne, la calamarata si fa con quella pasta lì, altrimenti non è più calamarata! Ma tu la trovi di sicuro, Conad, Coop, ce l’hanno tutte… sono io quella che qui in Olanda non la trova! 🙂

        • Alla Coop guarda la linea di prodotti, nn ricordo come si chiama, ma quella rosso scuro dei prodotti di qualità superiore a marchio coop. C’è di sicuro!
          Eh no non me la faccio spedire altrimenti poi vale oro 😀 Appena scendo in Italia ne faccio provvista, no problem 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.