Materiali innovativi per le cucine

La ricerca su materiali e finiture non si ferma, a maggior ragione per un settore come quello delle cucine, in cui estetica e utilizzo si intrecciano indissolubilmente.

La scelta dei materiali per le ante e i piani di lavoro delle cucine è determinante dal punto di vista estetico, ma soprattutto funzionale. I materiali più innovativi offrono elevate prestazioni, quali durevolezza, resistenza alle macchie e al calore.

Il FENIX, un materiale innovativo e intelligente ideale per la cucina

Molti sono i materiali per la cucina dotati di ottime caratteristiche, tuttavia il Fenix è fra quelli più innovativi. Sviluppato da Arpa Industriale, il FENIX NTM® è un materiale nanotech che si presenta come super opaco e morbido al tocco.

Il suo nome rimanda al mito della Fenice (dal greco Phòinix), un riferimento dovuto alla straordinaria proprietà di rigenerarsi da eventuali micrograffi superficiali grazie alla termoriparabilità, ottenuta con l’ausilio di nano tecnologie. Il procedimento di riparazione è facile e intuitivo, basta inumidire la superficie del piano con un panno e passarci sopra per qualche secondo il ferro da stiro, per eliminare tutti i piccoli graffi e le abrasioni.

Idro repellente e antimuffa, il piano in Fenix non attira la polvere, per le sue proprietà antistatiche, e possiede un’elevata attività di abbattimento della carica batterica. Le sue straordinarie qualità sono ottenute attraverso l’impiego di nanotecnologie e trattamenti con resine acriliche di nuova generazione, indurite e fissate attraverso il processo di Electron Beam Curing.

Un piano cucina in Fenix garantisce sicurezza, igiene, resistenza e una grande longevità ideato per lavorare gli alimenti in totale sicurezza e dotato di un’eleganza che dona un tocco personale a tutto l’ambiente cucina.

FENIX NTM è un materiale super opaco per interior design che offre prestazioni tecnologiche all’avanguardia grazie alle sue caratteristiche superficiali.

I vantaggi del Gres in cucina

Fra i materiali maggiormente di tendenza nelle case moderne troviamo certamente il Gres porcellanato, un composto moderno e innovativo estremamente duttile e resistente. Il Gres è una ceramica a pasta compatta e dura, colorata, non porosa. La parola da cui prende il nome “gres” sta proprio a significare la massa ceramica molto “greificata” ovvero compatta, da cui l’eccezionale resistenza.

Molti sono i vantaggi del Gres in cucina a differenza del legno, è un materiale resistente all’abrasione, agli agenti chimici, all’usura, alla scalfittura derivante da oggetti come coltelli e forchette. Inoltre è facile da pulire e non trattiene l’acqua grazie alla bassa porosità con conseguente assenza d’infiltrazioni o macchie d’umidità. Anche dal punto di vista estetico e stilistico il Gres si presenta come ottima soluzione per donare lucidità e luminosità a tutto l’ambiente cucina.La versatilità delle nuove finiture cementizie

Hanno l’aspetto del cemento e della terra e sono impiegate sia per le ante sia per i top. Sono le nuove finiture cementizie, che conferiscono alle cucine un raffinato look industrial Si chiamano ecomalta, terra, ecocemento e sono finiture a base di inerti che si applicano su supporti lignei o in Mdf per realizzare ante e top per cucina, e che restituiscono l’aspetto leggermente grezzo e “industrial” del cemento a vista. Lanciate nell’arredamento per cucina nel 2012, oggi le cosiddette finiture cementizie si sono evolute, e le aziende che le producono si sono moltiplicate mettendo a disposizione dei produttori di cucine e di arredi, e anche di abili artigiani, un ventaglio di proposte tra le più varie e versatili. Più o meno scabre, le superfici cementizie di ante e top vengono realizzate secondo un processo che prevede spesso un intervento manuale ed offrono una gamma di nuance naturali che vanno da quelle più chiare della malta a quelle più intense del cemento fino alle tonalità calde della terra e dell’argilla. Rendendo le cucine elementi che appartengono più allo spazio architettonico che all’arredo. La resina di cemento è un materiale altamente compatto, resistente e dalla straordinaria impermeabilità, caratteristiche che consentono di utilizzarlo anche in spessori molto sottili. materiali

Ceramica sottile per ristrutturazioni e restyling.

L’industria sta dedicando sempre più spazio alla produzione della ceramica sottile e quasi tutti i marchi, indirizzano almeno una collezione, a questo nuovo prodotto.ceramica sottile

Con l’utilizzo della ceramica sottile, è possibile risolvere numerosi aspetti e problematiche legati alla ristrutturazione o semplicemente alla volontà di rimodernare i propri ambienti.

Il gres porcellanato ultrasottile, non necessita della rimozione di rivestimenti o di pavimenti preesistenti, facendo così risparmiare tempo e i costi della manodopera. Ristrutturare appartamenti o, semplicemente cambiare le piastrelle in bagno o in cucina, dando così un nuovo look agli ambienti domestici, sta diventando sempre più rapido e veloce, grazie all’uso dei rivestimenti ceramici ultrasottili.ceramica sottile

Usare gres porcellanato a basso spessore infatti, permette di risparmiare i tempi, e i costi della manodopera, poiché la loro posa non necessita della rimozione di vecchi rivestimenti o pavimenti.

La particolarità della ceramica ultrasottile, infatti, è proprio quella di poter essere impiegata direttamente sulle preesistenze, sia su elementi ceramici che su pietra naturale o marmo.ceramica sottile

I vantaggi che derivano dall’impiego di materiali ceramici sottili, cioè a ridotto spessore, possono essere di varia natura, legati sia ai costi che alla manutenzione.

– considerevole riduzione dei tempi di lavorazione e di posa in opera;
– abbattimento dei costi di ristrutturazione;
– riduzione dei costi di trasporto a discarica;
– facilità di posa su pavimento e/o rivestimento esistente;
– eliminazione del disagio provocato dalla demolizione di pavimenti;
– facilità di lavorazione, di taglio e trasporto;
– prodotti altamente performanti;
– semplicità di manutenzione.ceramica sottileInnanzi tutto è possibile riutilizzare le finestre e le porte già presenti nell’appartamento.
Da non sottovalutare anche il peso che, essendo dimezzato rispetto ai classici materiali ceramici, contribuisce all’alleggerimento delle strutture portanti, gravando meno su di esse ed inoltre, vengono sensibilmente contenuti i costi per il trasporto al piano dove è ubicato il cantiere.

Infine, la disponibilità in commercio di varie dimensioni e spessori ultrasottili, variabili dai 3 a 4,8 mm, da impiegare a seconda del prodotto scelto, e dalle caratteristiche tecniche richieste da progetto.

LAMINAM presenta Linfa. . Una lastra-listone da accostare liberamente anche grazie a un nuovo formato dedicato, nella misura di 143x1500 mm, che si affianca alle tradizionali misure 1x3m, utilizzabile non solo dal mondo dell’industria e dei produttori di arredo e di finiture d’interni ma anche in ambiti residenziali, ad esempio per applicazioni a pavimento, con caratteristiche tecniche inalterate. Per rispondere con la massima versatilità alle diverse esigenze, è possibile inoltre ottenere un listone “personalizzato”, fino a 3m di lunghezza, tagliando dalla lastra la misura desiderata e mantenendo sempre l’estrema sottigliezza (3mm), elemento distintivo di Laminam.
LAMINAM presenta Linfa. Una lastra-listone da accostare liberamente anche grazie a un nuovo formato dedicato, nella misura di 143×1500 mm, che si affianca alle tradizionali misure 1x3m, utilizzabile non solo dal mondo dell’industria e dei produttori di arredo e di finiture d’interni ma anche in ambiti residenziali, ad esempio per applicazioni a pavimento, con caratteristiche tecniche inalterate. Per rispondere con la massima versatilità alle diverse esigenze, è possibile inoltre ottenere un listone “personalizzato”, fino a 3m di lunghezza, tagliando dalla lastra la misura desiderata e mantenendo sempre l’estrema sottigliezza (3mm), elemento distintivo di Laminam.

 

ceramica sottile
Kerlite di Cotto D’Este fa della versatilità e della facilità di impiego i suoi punti di forza: Kerlite è estremamente leggero, facile da tagliare e da posare. Le lastre sono altamente resistenti e facilmente igienizzabili. Kerlite infatti resiste al gelo, non si impregna di odori e non assorbe liquidi, è facile da pulire ed è più leggero delle piastrelle in ceramica e della ceramica tradizionale. Per queste sue caretteristiche, questo materiale trova impiego anche nella realizzazione di arredobagno e cucine.
ceramica sottile
Questa cucina è interamente costituita da Kerlite e il prestigioso materiale riveste, in maniera assolutamente inusuale, anche pensili e ante. L’utilizzo della kerlite per tutti i rivestimenti, compresi i lavabi, fanno del mondo delle cucine una scelta di stile ma anche di estrema comodità.