Il pergolato: modelli e soluzioni.

9c2f1737ac20aecc01ac30780b797056Il pergolato rappresenta un’ottima soluzione di arredo per il proprio giardino, con funzioni che possono essere diverse a seconda delle esigenze. Nella maggior parte dei casi il pergolato viene costruito come “appoggio” per le piante rampicanti, a mo’ di struttura di sostegno ove le piante possono trovare agganci artificiali per la crescita.11130293_957176647626774_8259237945792392538_n

Questo elemento, caratteristico dei giardini italiani era inizialmente destinato a proteggere dal sole e quindi ad essere ricoperto da piante rampicanti. Ovviamente pergolati di questo tipo non ripareranno dalla pioggia, ma potranno offrire una gradevole ombra nelle giornate calde e assolate e la vegetazione collegherà in modo gradevole la casa al giardino. Per ovviare al problema della pioggia si potrebbe optare per l’installazione di una copertura impermeabile. La soluzione migliore consiste senza dubbio nell’utilizzare lastre di poliestere trasparenti o translucide, che presentano il vantaggio di non oscurare la terrazza o comunque lo spazio sottostante. Se invece l’intenzione è quella di utilizzare il pergolato solo come ombreggiante, si può optare per una copertura a teli, solidamente ancorati o del cannucciato che però si presta ad ambienti più informali.81b54959069e5a7a00e1d65bb7776abb357e59c502617e26d31522b0e757f8f6I pergolati si distinguono in autoportanti e addossati, a seconda della struttura di costruzione rispetto all’ambiente circostante. Il pergolato di tipo addossato è utile soprattutto per aumentare la disponibilità di spazio “coperto” nei pressi della casa. La sua costruzione non prevede una difficoltà eccessiva, poiché una parte della struttura va a poggiare su un sostegno fisso, quale può essere il muro di una casa o un muro di contenimento ad esempio.

Il pergolato di tipo autoportante, invece, è assolutamente indipendente e può essere costruito in qualunque zona del giardino, sia nei pressi della casa che lontano da essa. La sua costruzione richiede una difficoltà maggiore rispetto a quella del pergolato addossato, poiché occorre assicurarsi che le fondamenta della struttura siano solide e ben piantate nel terreno.db3a85b35e9b7766983d850cc1da06cdOltre al tradizionale pergolato in legno, oggi troviamo in commercio moltissime alternative che si adattano alla perfezione alle diverse tipologie di abitazione. Per case di campagna dalle finiture rustiche, si potrà quindi preferire un pergolato in ferro, dalle linee morbide e dall’aspetto classico.986ab93e6c2a3fbf78082af78dd88edcDa accostare ad ambienti moderni, si potrà optare per un pergolato con struttura in alluminio, linee sobrie e coperture più tecnologiche. Lamelle in alluminio motorizzate offriranno protezione contro il sole e la pioggia (le lamelle a rotazione fino a 160° permettono il controllo di areazione e ombra). Aluminum pergola (mobile slats)In fine l’aggiunta di alcuni optional al pergolato in alluminio, ne permetterà l’utilizzo anche nei mesi meno caldi.  Tende a rullo permetteranno la chiusura dei lati aperti con teli opachi, trasparenti o zanzariere. L’ illuminazione a LED che può essere montata sulle lamelle o sul telaio, renderà utilizzabile l’ambiente anche in mancanza del sole.  Con l’opzione del riscaldamento, potrete tranquillamente godere di un ambiente esterno anche ai primi freddi.

Pergolato in alluminio con copertura scorrevole TECNIC REVERSE - PRATIC
Pergolato in alluminio con copertura scorrevole TECNIC REVERSE – PRATIC

 

Precedente Mobili Outdoor, veri e propri oggetti di design. Successivo MASSERIE. Antiche dimore.

4 commenti su “Il pergolato: modelli e soluzioni.

  1. Secondo me per arredare un giardino le pompeiane in legno sono sempre una soluzione semplice ed elegante al tempo stesso!

    • L’unico inconveniente, a mio avviso è la manutenzione. Il legno richiede un costante trattamento se non si vuole che col tempo, si deteriori. Altrimenti bisogna necessariamente scendere a qualche compromesso estetico: crepe, screpolature, muffe ecc. Ciò non toglie che anch’io la trovi un’ottima soluzione sia in contesti classici che moderni!

      • Ottima obiezione, però sono talmente belle che il gioco vale la candela. Ogni quanto si consiglia di fare la manutenzione del legno?

        • La manutenzione dipende da molti fattori: l’esposizione del pergolato è uno di questi; se è a nord, sarà più soggetto a muffe, muschi ed in caso di pioggia, rimarrà più a lungo impregnato d’acqua. A sud, nella stagione estiva, la lunga esposizione al sole tenderà a seccare il legno e creare spaccature. Altro fattore determinante è la finitura del legno, il più semplice da mantenere è il legno trattato con impregnanti naturali se invece, come le ultime tendenze dell’out-door propongono, il legno è sbiancato o tinto, avrà altre problematiche. In conclusione per mantenere in buone condizioni il legno, dovremmo provvedere ad una manutenzione regolare almeno una volta all’anno, ad ogni inizio della bella stagione!

I commenti sono chiusi.