Home Staging, per mettere in evidenza i punti di forza.

Mettiamo che tu debba vendere un appartamento. Un intervento di home staging ti aiuterà a farlo sembrare più grande e luminoso. Così riuscirai a venderlo prima e senza dover negoziare sul prezzo.

L’home staging è una tecnica immobiliare ormai ampiamente diffusa negli USA e nei Paesi anglosassoni, ma da qualche anno sta prendendo piede anche in Italia. Sono ancora poche le agenzie specializzate in home staging, ma i trend di mercato suggeriscono un aumento nel prossimo futuro.

Quante volte ti è capitato di andare a visitare appartamenti o case, in  vendita o in affitto, e non riuscire a mettere a fuoco bene gli spazi, la capacità delle stanze di ospitare determinati elementi di arredo?

In effetti, per quanto possa essere utile avere un ambiente sgombro per apprezzare le finiture e la luminosità, è anche vero che noi in quella casa dobbiamo viverci, e per viverci abbiamo bisogno di mobili, complementi, accessori.

Chi può aiutarti a farlo? L’home stager, un professionista che unisce competenze di interior design e marketing immobiliare.

Quindi, un bravo home stager:
studia il mercato immobiliare e il target di riferimento (le sue esigenze, le sue necessità, i suoi gusti)
• tiene conto della zona in cui si trova l’immobile e del suo valore
limita il tempo in cui l’immobile non è sul mercato, per iniziare la vendita il prima possibile
rispetta il budget, che dev’essere in linea con il valore dell’intera operazione immobiliare.

Allestire l’immobile per i potenziali acquirenti serve ad aiutarli a farli “sentire a casa”. A vedere i pregi e a capire come minimizzare gli eventuali difetti. Se un immobile è poco luminoso, per esempio, l’home stager sceglierà i colori più adatti per pareti e arredi e studierà la giusta illuminazione.

I clienti comprano casa sull’onda dell’emozione, e l’home staging serve proprio a questo. A far provare emozioni positive ai possibili acquirenti, che quindi comprano prima e senza tirare sul prezzo.

Carta da parati: posti inusuali dove possiamo utilizzarla

Oggi, grazie all’utilizzo di materiali innovativi, puoi mettere la carta da parati anche in bagno perché è impermeabile, facile da pulire e super resistente. Perfetta, quindi, anche in un ambiente umido.

Vuoi rinnovare il bagno risparmiando, senza rimuovere il rivestimento ceramico esistente? Hai dovuto cambiare la vasca e non riesci più a trovare la continuazione del vecchio rivestimento ceramico? Risolvi il problema con una carta da parati ‘a prova d’acqua’, per dare vita a una parete decorativa, elegante e inusuale e che… non sembri un rattoppo!

Questo tipo di carta da parati si presta benissimo a lavori di Home Staging

La carta da parati in fibra di vetro è la più resistente all’acqua, proprio perché ricavata dal vetro e, una volta fissata al muro con l’apposito collante, si può anche dipingere, come una parete tradizionale. È ignifuga e inattaccabile da batteri e agenti chimici.

Le grafiche delle collezioni Inkiostro Bianco, ad eccezione della collezione Goldenwall, sono stampabili digitalmente su fibra di vetro come su vinile, mantenendo quindi un alto standard rispetto alla qualità di stampa e alla possibilità di personalizzazione offerta dal portfolio del brand.

Il sistema formato dalla fibra di vetro, il collante e la finitura forniti insieme ai parati, è completamente impermeabile, e questo rende il prodotto adatto all’applicazione su superfici a contatto diretto o indiretto con acqua e vapore.

Le elevate caratteristiche tecniche di questo tipo di materiale, consentono l’installazione su superfici che risulterebbero inaspettate per una normale carta da parati, come le pareti all’interno della doccia, il retro-fuochi della cucina e il pavimento di ambienti sia domestici sia ad alto calpestio.

La versatilità combinata con il potenziale decorativo apre nuove possibilità progettuali per questo tipo di superfici. Abbinare decori a pavimento con decori a parete, oppure creare effetti grafici combinati nella zona doccia e nelle altre pareti del bagno, sono solo alcune delle infinite soluzioni decorative possibili.

 

Colori, Colori, Colori! Esprimete la vostra personalità.

Basta palette pallide e colori piatti. Sbizzarritevi con le cromie più disparate, blu cobalto, Kelly Green o perfino viola melanzana, esprimete la vostra personalità. Le monocromie accese e sgargianti posso essere più eleganti di quanto pensiate.

Il blu è uno dei colori più classici e utilizzati nel campo dell’interior design. Si tratta di un colore estremamente versatile, che grazie alle sue molteplici sfumature si adatta a stili di arredamento diversi. Il blu cobalto é un azzurro intenso, caldo e rilassante che può essere usato in ogni zona della casa. Come colore d’arredo per pareti e accessori, è sempre più spesso la risposta “di carattere” a chi desidera un’alternativa alla tranquillità delle sfumature neutre.

Il blu non si adatta bene solo a pareti e arredi. In questo caso anche il parquet è stato caratterizzato da questa tinta.

Parliamo del color melanzana; del tocco squisitamente bohemien che questa tonalità di porpora tendente al marrone riesce ad infondere con naturalezza all’interno degli spazi abitativi. In particolare, il color melanzana sembra essere dotato di una personalità nobile che, soprattutto se inserita in un contesto living, riesce a catturare l’occhio e ammaliarlo senza stonare.

Elegante, raffinato e sempre attuale, il verde è un colore che può essere sfruttato nell’arredamento d’interni in moltissime maniere. Rimanda alla natura e più di altri riesce a trovare interessanti sviluppi nell’interior design, dando vita ad ambienti ricercati e particolari, mai sopra le righe. Questo colore, inoltre, non passa mai di moda, più che una tendenza momentanea, infatti, è considerato un must senza tempo, che può essere impiegato per rinnovare la zona giorno, in particolar modo se si scelgono nuance sature e scure.

Per la scelta dell’area da dipingere è preferibile concentrarsi solo su una parete, o lasciar correre il colore lungo una boiserie o dipingendo le pareti laterali, non a tutta altezza, lasciando il soffitto bianco per dare ariosità. Complementari saranno gli arredi come un divano, delle poltrone o i cuscini di un tono nella scala dei verdi o a contrasto (sempre armonioso) con la nuance scelta; oppure si può giocare direttamente sulla parete appendendo cornici e specchi in metalli luminosi come ottone o rame, seguendo degli schemi con un preciso fil rouge. Negli abbinamenti si consiglia, ad esempio, di non mixare troppe finiture di legno: meglio spezzare con un colore neutro o totalmente diverso.

 

Zona giorno con arredi Lago, dove spicca il divano Air in una bella tonalità di giallo.

 

Modern vintage. Lo stile che richiama il retrò

Il modern vintage è  uno stile che richiama il retrò; si concentra sul mescolare il vecchio con il nuovo. 

Il modern vintage è  uno stile che richiama il retrò; si concentra sul mescolare il vecchio con il nuovo. Il modern vintage è quindi uno stile ricreato utilizzando pezzi comprati da antiquari, rigattieri o scovati nei mercatini.

Arredare il bagno in stile vintage vi permetterà di rendere anche questa zona della casa originale e personale.

Se vuoi osare qualche pezzo vintage in casa tua potrai benissimo abbinarlo all’arredamento già esistente, seguendo qualche accorgimento di stile. Abbinare stili diversi è sicuramente sinonimo di creatività e personalità ma non sempre è facile.Bisogna intanto considerare l’arredamento attuale: se l’ambiente è molto pieno e saturo di mobili meglio non acquistare degli elementi vintage ingombranti. In questo caso punta sugli accessori.Se al contrario la tua casa è un po’ vuota e dalle linee molto essenziali potrai osare un grande comò dei tempi della nonna, un vecchio tavolo o una poltrona retrò: portano un po’ di calore in un ambiente altrimenti un po’ anonimo.Per fare la tua scelta considera anche i colori predominanti, i tessuti, gli accessori che nell’insieme danno carattere o meno alle varie stanze. Ad esempio, un elemento cruciale nel soggiorno è il tavolino d’appoggio che solitamente è posizionato difronte  al divano. La vostra scelta potrebbe ricadere su un  vecchio baule, riproposto come tavolino in contrapposizione visiva al divano dalle linee pulite ed essenziali.

Grandi credenze in legno sono perfette sia nel soggiorno che all’ingresso.

Ma se la frequentazione di mercatini ed antiquari, non fa a caso vostro, potete ricorrere a un modern vintage con elementi creati ad hoc da alcune aziende d’arredo.

Divanetto vintage marrone in cuoio 2 posti Maisons du monde

Aperitivo all’aperto: come creare lo scenario perfetto

Con la bella stagione gli spazi della nostra casa possono ampliarsi! Se avete un giardino, un terrazzo o anche solo un balcone, basterà aprire le finestre per riappropriarsi dello spazio all’aperto.

Con la bella stagione gli spazi della nostra casa possono ampliarsi! Se avete un giardino, un terrazzo o anche solo un balcone, basterà aprire le finestre per riappropriarsi dello spazio all’aperto, arredarlo e trasferire qui tutta una serie di piacevoli attività che quando fa freddo si è costretti a svolgere in casa.

Aperitivo al tramonto, compleanni, nozze o una cena estiva: alcuni spunti per creare lo scenario perfetto per rendere indimenticabili le occasioni speciali.

Che sia un aperitivo romantico oppure divertente con tanti amici, organizzate la tavola in modo semplice e informale, preparate qualcosa di gustoso e godetevi qualche momento di pieno relax.

 

aperitivo
La tavola si anima di contrasti. Delicate nuance rosate e crema e i luccicanti accenti dorati trasmettono raffinatezza anche al legno rustico del tavolo. (WestwingNow)


I delicati toni rosa e crema danno un tocco femminile e romantico all’ambiente outdoor.aperitivo

A seconda dello spazio sono perfetti anche panche, sgabelli e cuscini da poggiare ovunque per fare posto un po’ a tutti.

La luce trasformerà il vostro spazio esterno in un posto magico e dall’atmosfera sognante. Con la luce giusta tutto sembrerà più bello! Mixate catene di lucine e lanterne colorate, candele profumate e lampade a batteria.

Per immergersi appieno nella natura e creare un effetto jungle non possono mancare le piante! Siepi per schermarsi dall’esterno e creare maggiore privacy, fiori per dare colore, profumo e richiamare le farfalle, spezie e piccoli frutti da usare in cucina per finger food e cocktail.aperitivo

Per un effetto ancora più bello, inserite le piante all’interno di portavasi, potrete utilizzare qualsiasi contenitore, ma ceste e borse da spiaggia quest’anno sono un vero must!

 

I colori del 2019 per le pareti di casa.

Vibranti ed estrosi, affascinanti e audaci, dal soggiorno alla camera da letto, ecco i colori migliori del 2019 per le pareti di casa.

Vibranti ed estrosi, affascinanti e audaci, dal soggiorno alla camera da letto, ecco i colori migliori del 2019 per le pareti di casa.

In grado di accendere letteralmente gli ambienti di casa, garantendo a ogni stanza, un’energia impareggiabile.

Fiordaliso o avio? Opaco o brillante? La palette del blu irrompe con forza nelle tendenze colori per pareti 2019 scalando la classifica e giungendo sul podio. Un risultato meritato per via delle sue molteplici varianti, tutte adattissime a caratterizzare gli interni più attenti, da quelli che strizzano l’occhio ai trend del momento a quelli che, al contrario, mirano a divenire veri e propri evergreen.

Il potere rilassante e penetrante del blu lo rende infatti un colore perfetto per chi vuole andare sul sicuro seppur con un pizzico di energia in più.

A giovare di queste nuance fredde ma estremamente affascinanti potrebbero essere anche una o più pareti dell’area studio o, ancora, quelle di corridoi e disimpegni.

Persino pareti attrezzate e armadiature a muro non rimangono escluse dall’eventualità, seguite dalle superfici di volumi contenitori di gran voga soprattutto in appartamenti di piccola taglia.

L’importante è saper individuare la declinazione di blu che meglio si addice alle pareti della propria casa. Tra quelle più gettonate per il 2019 si contano il ceruleo, che evoca cieli sereni e monodimensionali, il lapis che attinge al contempo dal mondo high-tech e dall’originaria pietra, e il blu crepuscolo.

Ma il blu può diventare anche cupo, come una notte buia.
Aggiungendo alle pareti un blu con molto pigmento nero, ottengo l’effetto di un mare in tempesta. Questo colore è adatto per chi apprezza lo stile abitativo dark, ricco di sensazioni forti. Il blu scuro alle pareti aggiunge mistero alla stanza; una gradazione di blu, che abbinato ai cipria e grigio chiaro, diventa l’ideale per un soggiorno elegante.

Se non volete osare troppo, e il blu scuro alle pareti vi sembra opprimente, la scelta è: mantenete le pareti chiare e scegliete l’arredamento del salotto nei toni del blu.

Permette di dare vita a composizioni personalizzate Asami di Colico Design grazie ai moduli sfoderabili rivestiti in puro cotone; la struttura è realizzata in metacrilato trasparente e i piedini sono in acciaio cromato. Misura L 400 x P 100 x H 63 cm. Prezzo del singolo modulo (L 102 x P 100 x H 63 cm) nella versione base 1.700 euro. www.colico.com

 

 

 

 

 

Tendenze Colori interiors 2019

La guida PANTONEVIEW home + interiors 2019 contiene le indicazioni sulle 72 Tendenze Colori, divisi in 8 temi, corredate di immagini e grafiche cui ispirarsi per gli accostamenti più armoniosi.

Scopriamo insieme quali sono le prime 3 palette di colore svelate da Pantone per il 2019.

LA PALETTE CRAVINGS, LE TONALITÀ ISPIRATE AL CIBO
Il nome di questa palette (letteralmente voglia, desiderio), dovrebbe generare la stessa tentazione che si prova di fronte a del buon cibo.

I rossi dovrebbero quindi richiamare le spezie orientali e piccanti, i ricchi viola e rosa portano alla mente immagini di dolci prelibati, mentre i neutri Butterum e Cappuccino introducono i toni più caldi. Il verde infine rappresenta la nota più fredda di questa palette.

CLASSICO, LA PALETTE DAI COLORI SENZA TEMPO
Come suggerisce il nome stesso, la palette Classico contiene tonalità eleganti e intramontabili che fanno parte di un fascino senza tempo.

I colori inclusi nella palette Classico sono: Camel, Deep Teal, Apricot Brandy, Gray Flannel, White Swan e Caviar.

In questa gamma cromatica colori delicati come il “bianco cigno” e il “caramello” si accostano perfettamente con colori più decisi come il grigio metallico, il verde acqua profondo e il nero. Completa questa palette, che si adatta facilmente a gusti e situazioni molto diverse tra loro, un raffinato color albicocca.

MEANDERINGS, LA PALETTE  INFLUENZATA DALLA GLOBALIZZAZIONE

Una raccolta di viaggi, sensazioni ed emozioni che Pantone celebra attraverso una palette di colori globalizzata, che punta a tutte le sfaccettature cromatiche delle culture del mondo.

Che si tratti di viaggi reali o immaginari verso mete note o ignote, Meanderings suggerisce un percorso sinuoso intrapreso senza fretta che spesso rivela tesori e piaceri inattesi. Rievocando vari porti di scalo, i colori messi in evidenza includono i tropicali Island Green, Brilliant Blue e Wild Orchid, un composto Canal Blue unito a un solido rosso Cabernet, un’esotica tonalità rossastra chiamata Spice Route addolcita da un mielato Chai Tea e Aurora Red, un’intensa tonalità di rosso tipica dell’aurora boreale visibile nelle regioni del Nord.

 

 

 

Arredare casa con stile e personalità

Arredare casa con stile è il desiderio, e bisogno, di tutti. Ma farlo può essere un arduo compito, poiché living room, zona notte, bagni e ingressi sono ambienti molto diversi tra loro, che presentano strutture ed esigenze funzionali differenti.

Arredare casa con stile è il desiderio, e bisogno, di tutti. Ma farlo può essere un arduo compito, poiché living room, zona notte, bagni e ingressi sono ambienti molto diversi tra loro, che presentano strutture ed esigenze funzionali differenti.

L’arredamento di alcune aziende del settore, come Lago e Zero.16 di Devina Nais, è stato concepito con l’intento di creare uno stile per arredare tutta la casa, dal soggiorno alla camera da letto e l’ambiente bagno. L’intera e vasta gamma di prodotti è contraddistinta da una forte matericità, evidenti asimmetrie grafiche e altri giochi di grafismi decorativi che, accostati tra loro, determinano uno stile d’arredamento originale e unico nel suo genere.

In effetti, dare un tono preciso a tutte le stanze di un’abitazione può risultare difficile, in quanto il mobilio si diversifica e non sempre si trovano disponibili complementi d’arredo appartenenti allo stesso stile decor. L’importante, per ottenere un risultato armonioso di ambienti omogenei tra loro, è mantenere anzitutto lo stesso materiale portante per tutti i mobili della casa.

Ciò che li accomuna questi due marchi, è una collezione creativa, giovane e moderna, concepita secondo le nuove tendenze d’arredo che propongono il dialogo tra i diversi ambienti della casa e una elevata versatilità funzionale.

L’impronta estetica è fatta di linearità e ricerca di soluzioni decorative, di stile inequivocabilmente contemporaneo.

L’aspetto più importante e caratteristico della collezione Zero.16 e di Devina Nais è la personalizzazione e customizzazione di ogni prodotto. Il brand, infatti, offre un raffinato servizio di sartorialità bespoke, ossia fatta su misura, per incontrare tutte le esigenze e desideri del cliente. In questo modo, l’arredo casa non sarà solo omogeneo e armonioso in fatto di tendenze arredo, bensì avrà anche delle caratteristiche stilistiche uniche per tutti i complementi d’arredo scelti.

Lago è la capacità di realizzare un design senza tempo, svincolato dalle mode del momento, senza ostacoli e vincoli tra i diversi ambienti della casa. La parola d’ordine è “Play the change”, perché per Lago il design è un gioco serio, tessuti di manifattura italiana, lavorazione innovativa del vetro e dei metalli, ma anche materiali elastici, ecopelle, feltro e laminati per infinite composizioni. Lago è Object, Bathroom, Air Catalog, Bedroom, Kitchen, Living, Elements, Interior.

Continua a Leggere “Arredare casa con stile e personalità”

Pareti da valorizzare con i colori

Il grigio si abbina facilmente ad altri colori e si adatta facilmente a qualsiasi tipologia di ambiente. Può essere declinato in varie sfumature, dal perla al fumo, dal metallico al tortora, per cui è impossibile non trovare la tonalità giusta.

L’estate 2018 si contraddistingue per una palette di colori da parete MOLTO accesa.

Palette colori Sikkens Heart-Wood

 

Ma se non amate esagerare con i colori, l’indiscusso protagonista degli ultimi anni, il grigio, si riconferma di gran moda anche nel 2018. Il motivo? Valorizza l’arredamento ed è, senza ombra di dubbio, molto elegante. Inoltre si abbina facilmente ad altri colori e si adatta facilmente a qualsiasi tipologia di ambiente. Può essere declinato in varie sfumature, dal perla al fumo, dal metallico al tortora, per cui è impossibile non trovare la tonalità giusta.

Invece, per chi vuole osare, ecco gli 11 colori per pareti della tavolozza di quest’estate, che si illumina con la bella stagione mentre guarda già alle tendenze del 2019:

Senape
Verde Salvia
Nero caviale
Turchese
Prugna
Giallo oro
Verde oliva
Rosa cipria
Blu oltremare
Rosso lacca
Lilla

Ma è proprio del rosa che voglio trattare in questo articolo!

E’ il colore amato dai più giovani e troppo spesso relegato alle camerette delle bambine. Il rosa, è quel che serve per chi è alla ricerca dello stile scandinavo, minimal e senza troppi fronzoli. Heart wood è il colore dell’anno 2018: si può definire come un rosa, ma con nuance che ricordano il grigio, il malva e il cioccolato. Caldo come il legno e delicato come la pelle, che trasmette serenità e armonia.

Heart Wood è l’ equivalente italiano di “cuore del legno”. Questo è il pensiero dell’azienda Sikkens, che esprime benissimo le motivazioni che hanno decretato la scelta del colore heart wood come colore dell’anno:

<< In tutto il mondo c’è un crescente senso di instabilità. Per contrastare questo fenomeno, oggi più che mai l’essere umano ha bisogno della propria casa per ritrovare un senso di sicurezza, uno spazio che lo protegga e dove si senta a proprio agio e, quando necessario, recuperare energia. L’uomo ha bisogno di “una casa di benvenuto”, a Welcome Home.>>

La casa infatti è il luogo che ci fa sentire al sicuro, protetti e accolti ed Il colore è una componente fondamentale del design d’interni, che coadiuva il benessere psicofisico del vivere all’interno degli ambienti. Trasmette emozioni e rappresenta la personalità di ognuno.

colori
In cucina sarà quel tocco divertente e senza impegno che non deve mai mancare.

 

 

Cucina senza pensili. Spazio alla creatività.

Immaginare una cucina senza pensili è insolito, ma il risultato può essere molto gratificante, più di quanto ci si possa aspettare.

Immaginare una cucina senza pensili è insolito, ma il risultato può essere molto gratificante, più di quanto ci si possa aspettare. Cucina senza pensili

Cucina senza pensili.

La parete dietro il piano di lavoro si libera, dando spazio all’espressione della propria creatività: piastrelle, colori, lavagne, materiali, quadri, decori o più semplicemente finestre che si aprono sul paesaggio.

A volte invece, la scelta è dettata dalla necessità, dovendo sfruttare uno spazio sottotetto.

La prima cosa da fare è scegliere mobili base capienti, che offrano la possibilità di stivare piatti, bicchieri e pentole in modo appropriato.

Non è detto che i mobili sottopiano di una cucina debbano essere profondi 60 cm, in commercio infatti è possibile trovarne di ben più profondi. Quando le stoviglie da conservare sono tante o vi piace avere una piccola dispensa sempre a portata di mano, potete pensare di liberare una sola parete sfruttando l’altra per concentrare tutti gli oggetti. L’ideale sarebbe inserire all’interno di questa composizione anche il frigorifero per non avere ulteriori sporgenze o ingombri.

Se lo spazio non è sufficiente potete anche prevedere colonne meno profonde del frigorifero. Chi progetta una cucina senza pensili, deve comunque considerare che ci sono degli elementi indispensabili che, nostro malgrado, devono essere presenti.

Uno di questi è la cappa di aspirazione che toglie i fumi e i vapori legati alla cottura. In questo caso la soluzione potrebbe essere esasperarne il ruolo e la dimensione, lasciandola come unico elemento appeso alla parete.

Oppure si può ricorrere a qualche escamotage, come scegliere una cappa ad incasso e inserirla all’interno di un controsoffitto, in modo che sparisca il più possibile.

O ancora, optare per una cappa a scomparsa o integrata, come ci offrono le ultime proposte del mercato.Cruccio di molte persone, lo scolapiatti che a mio parere, è un problema facilmente risolvibile. La prima e più semplice possibilità, è quella di sceglierne uno pieghevole, che all’occorrenza si appoggia sul lavandino e si toglie quando non serve. Oppure si trovano lavelli, con la predisposizione per piccole griglie scolapiatti.Altrimenti, se lo spazio consente la possibilità di un piano profondo almeno 80 centimetri, si può inserire un canale attrezzato.Alcune cucine offrono anche la possibilità di metterlo sotto il lavabo. In questo caso va ben studiato, per non intralciare le altre necessità, come il vano porta detersivi o la spazzatura.cucina senza pensili