Non riesco ad avere rapporti con il mio ragazzo

Buonasera, sto frequentando un ragazzo da quasi tre mesi e ancora non riusciamo a farlo. Con lui sta emergendo un problema che non ho mai avuto con nessuno prima d’ora: non riesce letteralmente a penetrarmi, anche se molto eccitato e con l’erezione.

Abbiamo provato in molte posizioni ma lui prova quasi dolore perché la mia apertura è molto stretta. La cosa strana è che questa cosa non ha mai dato fastidio a nessun ragazzo da quando ho rapporti sessuali ma a lui procura dolore e stress. In più c’è stata anche molta difficoltà a trovare la posizione giusta perché lui ha il pene leggermente curvo verso il basso e questo è un motivo in più della sua difficoltà nel penetrare una vagina stretta. È riuscito ad entrare pochissimo solo una volta: io mi ero messa sopra a lui, rivolta di spalle (credevo che in base alla sua curvatura quella fosse la posizione più agevole) ma niente da fare: non è entrato neanche a metà e gli faceva anche male. A tutto ciò si aggiunge il fatto che con i preliminari mi bagno molto Ma altrettanto in fretta mi si secca (giusto per lui il tempo di alzarsi e provare a penetrarmi). Queste problematiche hanno aggiunto tra l’altro al nostro

rapporto una sorta di disagio psicologico e ansia, mancanza di spontaneità che mi preoccupano in quanto se non fosse per le ansie procurate dalla nostra intimità abbiamo davvero un bel rapporto e teniamo entrambi l’uno all’altra… Vorrei avere qualche consiglio in merito perché non ho mai avuto problemi di questo genere. Grazie in anticipo

Per fare la tua domanda manda una mail a girlpower@banzaimedia.it

Gentilissima, le cause legate alla dispareunia maschile possono essere varie: infiammazioni delle mucosa del glande (di origine microbica), il frenulo breve, la fimosi e la malattia di Peyronie. Oltre a fattori dipendenti dalla partner quali in vaginismo o scarsa lubrificazione. Per dare una valutazione specifica ed effettuare una diagnosi bisogna prima consultare un medico esperto in tale settore. Se il
dolore durante il coito è associato alla Peyronie si può seguire un programma trattamentale per favorirne la cura. In questo modo la coppia può recuperare anche la dimensione intima della relazione affettiva. Un cordiale saluto

Precedente Mi sento brutta e mi odio Successivo Ho un fidanzato modello ma mi piace un altro: chi scegliere?