Il mio ragazzo non sopporta il mio passato

Buongiorno io ho un grosso problema… ho conosciuto un ragazzo e dal primo momento che mi ha vista mi ha chiesto solo una cosa … essere sincera con lui visto che usciva da un tradimento. Mi inizia a chiedere del passato e io gli raccontavo solo le cose che mi facevano comodo.

Mi sono descritta come una persona che non aveva fatto nulla di male che era stata solo con poche persone nella sua vita mi sono dipinta come una persona casa e chiesa L’ho fatto innamorare di una persona che si è descritta in maniera diversa di quello che era stato. Lui inizia a scoprire la verità è ogni qualvolta mi chiedeva se c’era altro io dicevo che non c’era nient’altro da sapere e poi puntualmente usciva sempre qualcosa. Io di questa persona ne sono profondamente innamorata non mi sono concessa a lui subito (magari come avevo fatto in passato) e ho distrutto un rapporto stupendo che era nato… lui mi chiede il perché di questo avendo scoperto le precedenti storie…per assurdo io non mi riconosco nemmeno in quella persona che sono stata, lui ha la completa sfiducia in me non crede più nemmeno a quello che è lui per me e quanto importante possa essere … non riesco ad esternare i miei sentimenti non riesco a dare una spiegazione al comportamento che ho avuto, perché sono stata una persona che ha calpestato la sua dignità di donna … lui pensa che io stia con lui solo per il fatto che io vorrei crearmi una famiglia avere dei figli e che al momento io mi sto solo accontentando di lui. Mi aiutate a capire come poter superare tutto questo visto che con lui io non capisco il perché non riesco a parlare in maniera totalmente sincera? È possibile conoscere una persona diversa (rispetto quelle conosciute in precedenza) con forti principi riesca a non farmi riconoscere in quella persona che sono stata? Il passato di una persona conta? Se una persona in passato si è concessa facilmente senza capirne il motivo per la quale lo stesse facendo può causare problemi in un futuro pur dando un forte valore alla famiglia ? Spero che possiate aiutarmi ….

Per fare la tua domanda manda una mail a girlpower@banzaimedia.it

Gentilissima,

ogni individuo ha un passato e, soprattutto nelle relazioni che nascono in età adulta, questo è più pressante che in altre. Ciò non significa che sia necessariamente condizionante. Ognuno, in base alle esperienze che ha avuto, può imparare dai propri errori e ‘modificare’ il proprio comportamento specialmente se ha voglia di cambiare e realizzare qualcosa di importante.

Quando ci si incontra, la conoscenza reciproca porta gli individui ad innamorarsi e ad unirsi perché si sta bene assieme, perché c’è la condivisione di valori, di intenti e di interessi. Il passato è il racconto di un’interpretazione di chi lo ha vissuto e l’altro percepisce solo questa. Sta di fatto che ci si innamora del presente e di ciò che invece l’altro inizia a conoscere del proprio partner.

La difficoltà nell’accettare un comportamento diverso da quello che si ha in mente è legata semplicemente ad un pregiudizio, ad un insano modo di percepire l’altro nel quale si ha necessità di cercare qualcosa che non va perché forse non si è pienamente ‘convinti’, perché si ha ‘paura’ che possa realmente funzionare. È una difesa.

Ci si innamora di tutto, anche del passato dell’altro. Senza giudizio, senza pretese. Ognuno vive le proprie esperienze, in un determinato periodo della vita, soddisfacendo bisogni ed esigenze che risultano diverse da quelle presenti nel ‘qui ed ora’.

Il tradimento è sicuramente traumatico ma, in questo caso, è anch’esso legato ‘apparentemente’ al passato. Apparentemente perché risulta essere molto presente tanto da impedire alla vostra relazione di funzionare? Non è esso stesso un tradimento?

Precedente Non riesco a smettere di litigare con il mio fidanzato Successivo Una grande rabbia contro i miei genitori