Crea sito

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Ed ecco l’ultimo articolo, in cui ho realizzato una sorta di diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi, in cui vi racconto giorno per giorno tappe fatte, itinerari seguiti, luoghi d’interesse visti, cosa a mio avviso merita e cosa meno, dove mangiare e le cifre spese! Ovviamente tutto questo considerando la presenza di due bimbi, quindi tutto o quasi adeguato anche a loro!

Vi ricordo il primo in cui ho cercato di raggruppare una serie di informazioni utili per l’organizzazione, dalla prenotazione del volo e alloggio, ai trasporti e ai consigli su cosa mangiare e come vestirsi e lo trovate a questo link

Mentre nel secondo articolo trovate l’itinerario percorso in breve, se volete giusto un’idea di quali posti vedere in uno o più giorni, per ottimizzare i tempi e non perderli solo per gli spostamenti, e lo trovate a questo link

ITINERARIO (cliccando su ogni singolo giorno, automaticamente scenderete giù direttamente al diario del giorno relativo ad esso)

1° GIORNO Dalla Torre di Londra al Big Ben passando dal Towe Bridge e lo Shard

2° GIORNO Da Camden Town a Notting Hill passando dallo Zoo e da Little Venice

3°GIORNO Da Kensington Palace ai musei di storia naturale e scienze

4°GIORNO Da Westminster Abbey a Covent Garden passando da Buckingam palace

5°GIORNO St.Paul – Sky Garde e treno fino a Windsor

6°GIORNO Battello per Greenwich e pomeriggio di shopping ad Oxford Street e dintorni

 

1° GIORNO Dalla Torre di Londra al Big Ben passando dal Towe Bridge e lo Shard

Questo è sicuramente uno dei giorni in cui abbiamo camminato di più perchè non abbiamo preso quasi per niente i mezzi, se non per spostarci dall’appartamento al centro!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

La prima tappa di questa giornata è stata la Torre di Londra, luogo abbastanza interessante per i bambini, la cui visita completa richiede almeno un paio di ore se non ci sofferma troppo (e coi bambini è abbastanza probabile!), composto da una serie di edifici visitabili, arrivando all’ora di apertura non abbiamo trovato nessuna coda, solo una ma abbastanza breve e scorrevole ai gioielli della corona,  dove vi consiglio di recarvi come primo luogo da visitare, per non rischiare che la coda aumenti durante la giornata.

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Altri luoghi visitabili sono la White Tower, le mura, alcune torri e all’interno troveremo esposizioni di armi, armature, e alcuni strumenti di tortura.

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Alcuni di questi edifici sono stati usati come prigioni e qui sono avvenute esecuzioni di molti personaggi famosi, tra cui Anna Bolena.

Molto carino anche il palazzo medievale ricostruito dove viveva la monarchia nel medioevo.

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Durante questa visita all’esterno potrete incontrare i guardiani della Torre chiamati anche Beefeaters con le quali è d’obbligo una foto e i corvi che volano liberi, uno di questilo abbiamo trovato vicino il cannone in cortile, su di loro verte una la legenda che dice che se questi volano via la monarchia è destinata a cadere!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Uscendo dalla Torre di Londa proprio di fronte abbiamo la veduta fantastica del Tower Bridge.Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Oltre a fare delle foto meravigliose da questa posizione, controllate da questo sito https://www.towerbridge.org.uk/lift-times/ se nella giornata in cui siete da quelle parti ci saranno aperture del ponte, o meglio ancora come ho fatto io, organizzatevi di modo da capitare proprio quando verrà aperto! Difatti una volta usciti dalla Torre, abbiamo avuto il tempo di arrivare sul ponte, salire ed entrarci e vederlo apririsi da dentro in quanto i due corridoi che collegano il ponte nella parte superiore hanno i pavimenti trasparenti ed è stato un vero e proprio spettacolo unico nel suo genere! Inoltre se volete vederlo aprirsi anche da giù a distanza di qualche ora capita che si riapra, quindi fate anche in tempo a scendere e farvi un giro prima di rivederlo aprirsi ancora.

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Anche il panorama visto dal ponte merita qualche scatto

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Molto interessante anche la visita ai meccanismi antichi del ponte, quando funzionava a vapore, li trovate scendendo il ponte e proseguendo sulla sinistra, scendendo nei sotterranei.Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbiProseguendo per lo Shard abbiamo fatto una piccola deviazione al Borough Market, un mercato coperto dove c’è assolutamente di tutto per mangiare, street food proveniente da tutte le parti del mondo!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbiHo ritrovato persino dei dolci troppo buoni comprati anni fa in Bretagna, il Kouign amann!

La nostra scelta è ricaduta sul Venison Burger, ovvero Hamburger di carne di cervo! Inoltre questo stand lateralmente ha anche una pescheria che vende sia frutti di mare crudi, come ostriche e capesante giganti (infatti le vende al pezzo) che da cucinare al momento davanti ai vostri occhi!Tutto molto buono!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbiUscendo dal Borough market c’è un mc Donald take away, ovvero dove si ritira e basta e non ci si può sedere a mangiare, fatto soltanto di macchinette per ordinare e di un banco per il ritiro, lì abbiamo preso gli happy meal ai bambini!

Quindi abbiamo proseguito per lo Shard…meraviglioso sia la struttura che la veduta! Questo grattacielo ha la peculiarità di essere aperto sopra, come se fosse spezzato, infatti l’apertura è irregolare ed è ovviamente un’opera del genio indiscusso Renzo Piano, nostro orogoglio tutto italiano!

I piani visitabili sono gli ultimi due, il primo, ovvero il penultimo è al chiuso mentre il secondo si trova sulla cima e si può godere oltre che della fantastica veduta di Londra, anche della parte aperta del palazzo, che vista da vicino lascia a bocca aperta! Sembra quasi sia stato bombardato!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi
i

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbiProseguendo ancora abbiamo passeggiato lungo il tamigi, costeggiando lo Skakespeare Globe’s molto bello già esternamente, ma purtroppo non visitabile internamente in quel preciso momento, saremmo dovuti ritornare, ma non è stato possibile! Fortuntamente è solo una ricostruzione del vero teatro in cui recitava la compagnia di Shakespeare, per cui non ho sofferto molto il fatto di non poterlo vedere da dentro!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbiPoi ancora continuando sulla sinistra la Tate Modern mentre a destra il Millennium Bridge porta alla Chiesa St.Paul (dove si sono sposati Carlo e Diana), alla quale però dedicherò la visita successivamente e infatti non percorriamo il ponte e continuiamo sempre costeggiando il Tamigi sulla destra.

Anche per la Tate Modern niente visita, ho preferito rinunciare evitando posti ritenibili abbastanza seri e poco interessanti, per i bambini.

Continuando ancora si arriva al London Eye, con una coda davvero chilometrica, ma effettivamente non avevamo preventivato di salirci, altrimenti ci sarei andata all’apertura! Avendo preso il London pass (come detto in questo articolo) il biglietto del London Eye non era incluso e lo avremmo dovuto pagare a parte, ed onestamente avendo previsto già diverse visite su grattacieli con vedute stupende su Londra e avendo tempo abbastanza limitato, abbiamo deciso di rinunciare! Eventualmente se siete interessati c’è anche la possibilità di acquistare dei biglietti combinati con il Sea life ovvero l’acquario di Londra.

Di fronte al London Eye c’è un negozio di giocattoli molto interessante e siccome abbiamo promesso ai bimbi un premio al giorno se si fossero comportati bene, ci siamo fermati per farglielo riscuotere! 🙂

Superato il London Eye, abbiamo rubato qualche scatto con lo sfondo sulla destra del Big Ben purtroppo tutto “imballato” dalle impalcature, ed abbiamo imboccato il ponte di Westminster, dirigendoci verso di esso.

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Camminando su questo ponte è difficile decidere dove concentrare lo sguardo, se indietro ammirando il london Eye da un’altra prospettiva, al lato destro ammirando la sky line dei grattacieli, o davanti verso Westminster! E’ tutto un concentrato di meraviglie!

Siamo arrivati davanti al Big ben, abbiamo ammirato da vicino il palazzo del Parlamento e lì di fronte abbiamo preso la metro per tornare all’appartamento! Solitamente non tornavamo mai a casa prima delle 19, uscendo tutte le mattina alle 8-8.30 circa! Quindi praticamente ogni giorno facevamo circa 12 h di cammino!

2° GIORNO Da Camden Town a Notting Hill passando dallo Zoo e da Little Venice

Questo secondo giorno, nonostante i miei mille piani è andato leggermente storto nel senso che ho commesso un errore che ovviamente non voglio farvi rifare, per cui io sono andata di prima mattina prima a Camden Town dove i negozi non aprono prima delle 10 e prima è praticamente tutto deserto, quando avrei potuto fare il giro del battello partendo da Little Venice, e arrivando a Camden ad un orario decisamente migliore, infatti il primo battello parte alle 10 e in 50 minuti arriva a Camden! Ma pazienza, intanto a voi riporto l’itinerario corretto, per cui dirigetevi direttamente a Little Venice che si trova a Paddington, da qui partono molti battelli, ce n’è persino uno incluso nel London pass, ma l’ho scoperto aimè troppo tardi (con tutta l’organizzazione pre-viaggio, in questa giornata ho commesso due errori!).

Noi abbiamo quindi scelto il London Waterbus al costo di 33£ per tutti e 4, per cui percorrere con uno di questi tutto il Rengent’s Canal, ammirando le numerose e carinissime House-Boat che popolano questo canale, passerete da una galleria, e da ambienti davvero spettacolari immersi nella natura, magari i bimbi qui potrebbero un po’ annoiarsi perchè è una gita abbastanza rilassante, quindi occorre munirsi di pazienza e nei casi estremi anche di un telefono con video pre-caricati! E’ un’esperienza secondo me da fare, perchè insolita, ma se proprio non amate il genere a quel punto vi consiglio di recarvi direttamente a Camden non prima delle 10 e nemmeno troppo tardi perchè poi si riempie così tanto che in alcuni punti è anche difficile camminare, direi massimo 10.30!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Finito il giro in battello, siamo scesi a Camden Town ed è davvero un posto speciale, unico nel suo genere, un insieme di negozi e gente molto particolare, sarebbero da visitare e fotografare tutti! Alcuni di questi negozi, hanno come delle sculture in cartapesta al posto delle insegne, davvero dei capolavori, molti fanno tatuaggi, e altri vendono souvenir! Consiglio di visitare Cyber dog, un negozio davvero fichissimo!

E poi una cappatina davanti alla statua di Amy Whinehouse che ha lavorato qui, quando non era ancora famosa!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

In questa zona potete anche mangiare perchè ci sono tantissime bancarelle di Street food, ma noi avevamo fretta perchè dovevamo dirigerci al London Zoo promesso ai bimbi, per cui siccome alla fine coi mezzi ci volevano poche fermate, abbiamo preferito farci una bella camminata a piedi e arrivarci direttamente! Il biglietto a Cristian lo abbiamo pagato a parte perchè a noi era incluso nel London pass, mentre a lui non avendolo fatto era appunto a parte.

Abbiamo iniziato il giro e in men che non si dica sono arrivate le 15, ci siamo fermati nell’unico centro dove si poteva mangiare nello zoo ed era un posto tipo mensa, all’interno del quale si poteva scegliere singolarmente cosa mangiare passando con un vassoio e poi alla fine pagare tutto alla cassa.

La particolarità di questo zoo, è che c’è una strada che lo divide in due, per cui per passare da una parte all’altra c’è un sottopassaggio, quindi per arrivare alla mensa-ristorante, abbiamo dovuto percorrerlo per poi tornare indietro e riprendere da dove avevamo interrotto.

Qui per pranzo abbiamo provato i famosissimi Fish&Chips per i bambini, molto buoni, mentre per noi abbiamo provato il battered fish, praticamente un filetto di pese passato prima nel burro e poi fritto, una squisitezza calorica!!! E comunque qui per il pranzo abbiamo speso circa 40£ in 4, quindi sicuramente poco economico!

Lo zoo onestamente non ha nulla di particolare o degno di nota, alcuni animali nemmeno si vedevano bene, altri non c’erano proprio, i gorilla erano davvero tristissimi e i leoni completamente addormentati! Una delle cose che ci è piaciuta di più è stato un capannone delle farfalle, all’interno del quale ci volavano intorno farfalle di ogni tipo e su alcune piante abbiamo ammirato i bruchi, mentre su altre c’erano i bozzoli abbandonati, da cui erano nate le farfalle! Questo ambiente era completamente umido e con aria abbastanza soffocante, quindi non è possibile sostarci molto!

Altra zona che ci è piaciuta è stata quella della fattoria, dove i bambini potevano entrare e accarezzare gli animali! E poi uscendo c’erano anche dei mini lavandini della misura dei bimbi con la scritta in inglese di non dimenticare di lavare le mani dopo aver toccato gli animali!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Ultima tappa di questa giornata è stata Notting Hill, uno dei miei sogni, perchè adoro il film omonimo e quindi non vedevo l’ora di farmi la foto nei posti dove sono state girate le scene più importanti!

In questa giornata ovvero di sabato c’è anche un mercato famosissimo, a Portobello Road è grande ed ha bancarelle di ogni genere, con souvenirs a bassissimo costo! Noi lo abbiamo soltanto visto passando, non ci siamo soffermati, perchè per me contavano di più i luoghi magici del film e perchè eravamo arrivati comunque verso l’orario di chiusura, ovvero nel pomeriggio verso le 17, però se avete tempo, vale assolutamente la visita, magari andandoci la mattina sempre del sabato, piuttosto che il pomeriggio.

Così abbiamo fatto tappa davanti la libreria che ha dato il nome al film, quella originale dove invece è stato girato, è diventato un negozio di abbigliamento! E poi il famosissimo portone dove abitava il meraviglioso Hugh Grant che interpretava un ragazzo timido e riservato di nome William Thacker! Anche il quartiere è davvero meraviglioso, una piccola bomboniera, case lussuose tutte a schiera e colorate di tinte pastello, oguna un colore diverso!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

E anche queste seconda giornata è terminata dopo circa altre 12 h di cammino da Notting hill stessa abbiamo preso la metro per il nostro appartamento!

3°GIORNO Da Kensington Palace ai musei di storia naturale e scienze

Anche questa giornata usciti di casa presto, e dopo la colazione sempre poco soddisfacente, ci siamo diretti verso Kensington Palace, dove hanno vissuto Carlo e Diana fino alla morte di lei e anche William e Kate fino alla nascita di Charlotte! La visita di questo palazzo non è proprio l’ideale per i bambini, quindi anche qui un po’ di pazienza con loro, telefono alla mano con i loro video preferiti e la promessa non appena finito di andare a dare da mangiare agli scoiattoli nel meraviglioso Hyde Park! Prima però abbiamo fatto un breve giro nei Kensington Gardens, anche qui nulla di eccezionale, giardini e fiori curati come in ogni angolo di questa meravigliosa città ma d’altronde in posti come questi dove vivono i reali è abbastanza scontato!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

E quindi ecco finalmente la tappa tanto attesa dai bimbi ovvero Hyde Park in cui siamo andati alla ricerca degli scoiattoli che ci abbiamo messo anche parecchio a trovare, ma per fortuna non erano i soli animaletti a popolare questo immenso parco che mi ricorda tantissimo il Central Park di New York!Infatti entrambi al loro interno hanno pure dei laghetti! Ad Hyde Park abbiamo dato da mangiare a cigni e papere, quindi portatevi merendine oppure molliche di pane, inoltre da visitare un albero grandissimo recintato pieno di corvi e pappagallini che si avvicinano, salgono proprio sulla mano o sulla schiena e vogliono mangiare, ci sono mele intere a terra che si possono far beccare loro, oppure nel caso portatevene una nello zaino!

All’interno del parco c’è anche una struttura per far giocare i bambini dedicata a Diana, ovvero il Diana Memorial Playgrounde poi da vedere la statua di Peter Pan!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Uscendo dal parco, costeggiando sulla sinista l’Albert Memorial,  arriviamo alla Royal Albert Hall dove si tengono parecchi concerti di cantanti famosi!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Proseguiamo verso South Kensington una zona abbastanza lussuosa, lo notiamo soprattutto dalle auto, ma molto turistica, infatti non mancano i luoghi per pranzare con un panino! E infatti ci siamo fermati da Viandas che fa baguette con Jamon Spagnolo (ovvero prosciutto crudo di qualità appena affettato), mentre per i bambini Hot dog da un negozio accanto all’ingresso della South Kensington Station

Dopo pranzo abbiamo risalito la Exhibition Road dove si trovano i famosissimi musei di Storia naturale, altra tappa importantissima per i miei bimbi e quello di scienze! L’ingresso ai musei è gratuito, volendo potete comunque fare una libera offerta!

Il museo di storia naturale lascia a bocca aperta già dall’esterno! Un’edificio davvero imponente e gli interni non sono da meno! Non appena si entra ci appare davanti uno scheletro di balena appeso al centro del salone principale, da dove parte un’enorme scalinata stupenda che porta ai piani superiori, anche qui vagamente mi ricorda quello di New York! Il museo si divide in settori, ognuno con un proprio colore a seconda della tipologia di ciò che è esposto, noi ad esempio eravamo particolarmente interessati alla blu ovvero ai dinosauri per cui soprattutto Gabriel va letteralmente pazzo da almeno 3-4 anni! Così abbiamo girato tutto il piano facendo foto dovunque, ci sono scheletri, uova di dinosauri riprodotti, e poi nelle teche ci sono veri resti e fossili. Abbiamo trovato anche un T-rex che si muove e fa un verso particolarmente realistico!

A questo stesso piano c’era anche una mostra temporanea della Luna, per la gioia di mio figlio piccolino, particolarmente innamorato di essa!

Alla fine della visita di questo piano c’è un enorme shop tutto riservato ai dinosauri quindi se non avete intenzione di tornare di qui e volete prendere un souvenir a tema ai vostri bimbi, fatelo in questo momento altrimenti il rischio capriccio durante il resto della visita sarà davvero alto!

Per il resto del museo abbiamo fatto un giro più veloce, vedendo tanti esemplari di animali imbalsamati, ed infine abbiamo fatto una panoramica veloce alle altre zone meno interessanti, salendo fino all’ultimo piano.

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Abbiamo dedicato l’ultima parte del pomeriggio al museo della scienza, in pratica fino alla sua chiusura, ovvero circa un paio d’ore che si sono rivelate sufficienti perchè non ci ha colpito granchè! A parte una mostra di vecchi mezzi di trasporto, la cosa che più mi ha entusiasmato è stato vedere i vecchi apparecchi telefonici e i vecchi computer, per il resto nulla di entusiasmante a mio avviso

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Dalla foto qui sopra, in basso a destra potete vedere questo furgoncino rosa e celeste che abbiamo trovato fuori al museo di scienze, che vendeva un gelato spettacolare! Si chiamava soft ice ed era davvero buonissimo, non ricordo nemmeno quanti coni ci siamo mangiati! Complice anche la panchina libera proprio accanto e la fame mista a stanchezza!

Da lì vicino abbiamo ripreso la metro e anche in questa giornata abbiamo fatto le nostre 12h circa di cammino!

4°GIORNO Da Westminster Abbey a Covent Garden passando da Buckingam palace

Insoddisfatti dalle colazioni dei giorni precedenti, vediamo questo bar molto allettante che si chiama Caffè concerto, sulla strada per Westminster Abbey, per cui decidiamo di fermarci e sederci alle sue confortevoli poltrone (anche se un po’ usurate nonostante il lusso!), non badiamo moltissimo ai prezzi da menù e ordiniamo la colazione! Bè questa noncuranza ci è costata 26£ circa di cui 3,95£ solo per una bottiglietta d’acqua!! Eh vabbè pazienza, quantomeno la colazione era decente anche se nulla di eccezionale!

Arriviamo alla Westiminster Abbey che sarebbe la chiesa dove si sono svolti i funerali di Lady D e dove Elton John le ha dedicato Candle in the Wind, ma anche dove si sono sposati Kate e William!

Qui nonostante siamo arrivati prima dell’orario di apertura abbiamo fatto una piccola coda, ma forse per il fatto che fosse ancora chiusa, perchè poi non appena hanno aperto siamo entrati abbastanza in fretta! La chiesa è enorme e le audioguide sono anche video, con tanto di touch screen persino per mio figlio Gabriel! Inoltre hanno dato anche un libricino-guida scritto sia in inglese che in italiano, chiamato Family Trail.

Abbiamo percorso la navata, siamo arrivati dietro l’altare dove si tengono le cerimone di incoronazione dei sovrani e poi abbiamo girato per il Poet’s corner dove vengono commemorati alcuni poeti inglesi come Shakespeare e Dickens.

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Uscendo abbiamo fatto una corsetta, attraversando il St. James Park sperando di arrivare puntuali all’inizio del cambio della guardia a Buckingam Palace che solitamente in estate si tiene alle 11, ma vi consiglio di dare sempre uno sguardo al sito ufficiale https://changing-guard.com/dates-buckingham-palace.html

Ci era stato consigliato di arrivare anche mezz’ora prima per potersi mettere vicino la ringhiera dei cancelli e ammirarlo da più vicino, ma alla fine siccome dura circa 45 minuti, coi bambini non è facile stare fermi nella bolgia a vedere da lontano delle persone che fanno il cambio della guardia senza un grande mordente attrattivo per loro, quindi tutto sommato va anche bene arrivare non puntualissimi! Mio marito ha preso Gabriel in braccio sulle spalle, e lui ha filmato tutto dall’alto, mentre io riuscivo a sbirciare in mezzo alle altre persone! Poi c’è il momento in cui suona la banda e infine la vecchia guardia esce a cavallo dai cancelli e poi tutta la gente si disperde nei dintorni!

Purtroppo in quel periodo la regina è ancora a palazzo e per cui a malincuore non abbiamo potuto visitarlo, ma ci siamo accontentati di vedere le Royal mews ovvero le scuderie.

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

 

Dopodichè cercando qualcosa da mangiare in zona, abbiamo imboccato lo stradone grande chiamato The Mall che da Buchingam Palace porta a Trafalgar Square e al centro nevralgico dello shoppin londinese, ma a cui non ho potuto dedicarmici perchè 1.cercavamo sempre un posto dove mangiare e 2. eravamo diretti altrove in particolare al museo dei trasporti!

Abbiamo fatto solo una piccola deviazione al numero 10 di Downing Street sperando e pensando di poter vedere la casa del primo ministro inglese che in TV sembra in una posizione tranquilla e invece mai avrei immaginato che la strada addirittura fosse chiusa dai cancelli e completamente blindata dalle guardie ed è stata l’unica foto che sono riuscita a fare!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Ci siamo fermati a mangiare al Garfunkel trafalgar molto carino e confortevole, e con 40£ abbiamo mangiato tutti e 4 sempre pietanze come Fish&Chips e simili! E dopo la pausa bagno, abbiamo ripreso il cammino alla volta del museo dei trasporti! Anche questo incluso nel London Pass e sta volta siamo rimasti davvero colpiti e impressionati da quanti mezzi di trasporto, alcuni mai visti, fossero esposti in questo museo!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

I bambini si sono divertiti moltissimo anche perchè nella maggior parte di questi mezzi, ci si poteva salire e farsi le foto, c’era addirittura un bus stile moderno dove i bambini potevano simulare la guida!

Infine ciliegina sulla torta di questa giornata, abbiamo passeggiato nella meravigliosa e romanticissima Covent Garden, di cui mi sono letteralmente innamorata! Se già in ogni parte di Londra ci sono fiori, qui è un tripudio di colori e cespugli curati in ogni angolo, anche fuori a negozi famosi come Tiffany non manca del verde! Ci sono bancarelle con merce tipica inglese, come ceramiche e divise delle guardie inglesi, e poi una panetteria con panini di ogni tipo di semi, dove abbiamo fatto anche una piccola sosta per fare scorta di pane per la cena della sera in appartamento!

Tutti i negozi esternamente hanno delle particolarità un po’ come Camden Town e in più se vi segnate la posizione esatta non potete mancare di visitare questo piccolo angolo di paradiso che si chiama Neal’s Yard! Davvero fiabesco! E girando nelle stradine che portano qui vi imbatterete in un dolcissimo murales in cui Lady D viene rappresentata come Mary Poppins e sotto ci sono i suoi due nipotini che non ha mai conosciuto, ovvero George e Charlotte! (sicuramente quando è stato fatto non erano ancora nati gli altri due)

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbiAnche questa giornata si è conclusa con la nostra infinita camminata di circa 12h e da covent garden abbiamo ripreso la metro per tornare all’appartamento!

5°GIORNO St.Paul – Sky Garde e treno fino a Windsor

Prima tappa di questa giornata è stata la chiesa di St. Paul dove si è svolto il matrimonio tra Carlo e Diana, se vi ricordate vi avevo parlato di questa chiesa il primo giorno, infatti di fronte ad essa c’è il Millennium Bridge, che attraversando il Tamigi porta dritto dritto alla Tate Modern

 

Anche qui vengono date delle audioguide, si percorre la navata centrale, e dopo un giro panoramico si visita anche la cripta!

Uscendo dalla chiesa ci siamo diretti al grattacielo chiamato anche Walkie talkie, con un attico chiamato Sky Garden ovvero un giardino enorme interno, con annesso bar! Quindi oltre al panorama meraviglioso di cui si può godere, anche gli interni sono spettacolari, ricchi di vegetazione circondata da queste vetrate luminosissime! Solitamente per entrare occorre prenotazione al bar o prenotazione per l’ingresso, noi siamo stati particolarmente fortunati perchè non essendoci code non ci hanno chiesto nulla e io non avevo prenotato nulla, perchè non sapevo minimamente a che ora e che giorno saremmo riusciti a passarci! Quindi se non riuscite a prenotare anche voi, un tentativo fatelo sempre! Ne vale assolutamente la pena!

Inoltre l’accesso a questo grattacielo si trova alle spalle di quello principale, vi basterà chiedere a chi si trova all’ingresso e con la loro tipica gentilezza sicuramente ve lo indicheranno!

Abbiamo preso dei panini proprio di fronte l’uscita dello sky garden, e nonostante fosse prestino li abbiamo consumati lì in vista anche del fatto che dovessimo prendere il treno di lì a poco per Windsor.

Prima di prendere il treno siamo riusciti a fare una cappatina alla S.Dunstan in the East, una chiesa abbandonata trasformata in parco, molto caratteristica, e al monumento del grande incendio di Londra.Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

E quindi siamo partiti dalla stazione per andare a Windsor!

Ora è successo un mezzo macello perchè questa corsa se effettuata dopo mezzogiorno doveva essere inclusa nel London pass, ma pare che molti alla stazione non lo sapessero per cui ci hanno fatto passare la carta all’andata e non al ritorno, per cui ci è stato addebitata una tratta che non c’entrava, quindi il mio consiglio è di pagare a parte i biglietti perchè a quanto pare non tutti sono a conoscenza di questa cosa!

Arrivati a Windsor in circa un’oretta sembra di essere in un mondo fermo nel tempo, molto rilassante e silenzioso, non per niente è una delle residenze estive preferite dalla regina per i week end! Al suo interno non si possono fare foto! E’ molto grande e ci sono parecchi appartamenti visitabili per cui vanno via almeno un paio d’ore! E’ visitabile anche la chiesa dove si sono sposati Harry e Meghan, ovvero la cappella di San Giorgio, ma anche qui è proibito fare fotografie, non ho capito poi perchè visto che il loro matrimonio è stato trasmesso ovunque! Mah! Mistero!

 

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Uscendo abbiamo fatto anche una passeggiatina nel paese e una fermata di shopping premio-giocattolino per i bambini in uno dei supermercati famosi di Londra ovvero Sainsbury! La stazione di Windsor costeggia un grande centro commerciale che ovviamente non abbiamo avuto il tempo di visitare, ed è essa stessa molto graziosa!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbiDalla stazione siamo rientrati a Londra e poi direttamente all’appartamento.

6°GIORNO Battello per Greenwich e pomeriggio di shopping ad Oxford Street e dintorni

Ed eccoci infine all’ultimo giorno di questo stupendo viaggio, in cui però le cose purtroppo non sono andate come speravo perchè Cristian, non è stato tanto bene con attacchi di diarrea, che fortunatamente non erano continui, ma che spesso ci costringevano a fermarci in luoghi con bagni non proprio puliti!

Ci siamo diretti al London Eye Pier, ovvero il molo dal quale partono i battelli per Greenwich inclusi nel London Pass, ma prima abbiamo fatto una piccola sosta alla stazione di King’s Cross St.Pancras, in cui mi ero illusa di poter fare la foto al binario 9 e 3/4 di Harry Potter! E invece già di prima mattina c’era una coda spaventosa, oltre che una puzza di pipì disgustosa, per cui siamo andati via velocemente!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbiQuindi abbiamo preso il battello dal London Eye Pier e in circa un’oretta siamo arrivati a Greenwich, molto lentamente, ma è stato bello vedere tutta Londra anche dal Tamigi!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbi

Arrivati a Greenwich ci siamo fermati al Greenwich Market per mangiare dei panini, sia per noi che per i bimbi, anche se Cristian in realtà ha mangiato solo un po’ di pane asciutto!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbiCosì abbiamo ripreso il cammino verso l’osservatorio, dove ci sono alcuni punti d’interesse come la camera oscura, all’interno della quale attraverso un gioco di lenti si vede proiettata l’immagine del panorama di Londra, in tempo reale!

Poi all’interno dell’osservatorio ci sono esposti vari orologi a pendolo antichi, il telescopio rifrattore più grande del Regno Unito e non può mancare una foto sul meridiano zero, dove sono indicati i vari paesi del mondo con l’esatta posizione di ognuno.

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbiInfine abbiamo fatto un giro nel paese tornando verso il Cutty Sark, ovvero un’imbarcazione inglese, messa sulla terra ferma, diventata ormai visitabile anche al suo interno.

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbiDa qui è possibile prendere la metro che riporta a Londra, e che a differenza delle altre viaggia in superficie, permettendo quindi di godere di una bella vista durante il viaggio di rientro!

Tornati all’appartamento ci siamo rinfrescati e preparati per la seconda metà della giornata che avrei voluto dedicare allo shopping, ma che in realtà sempre a causa della diarrea di Cristian che però era ormai in fase di guarigione mi ha costretto a rinunciare a quello per me, accontentandomi solo di una sosta da primark per i bambini, come sempre e poi da Hamleys per il giocattolo finale per loro! Ma in realtà anche la visita stessa a questo negozio di 5-6 piani è spettacolare pure per gli adulti! Loro poi non finivano più di gridare per la gioia e lo stupore!Abbiamo scoperto inoltre che questi stessi giocattoli c’erano anche in aereoporto, sempre marchiati Hamleys ma a prezzi scontati del 20% e del 30%!!!

Siamo arrivati a Piccadilly circus che illuminata ricorda molto Time Square di New York, poi Regent Street, un piccolo pezzo di Soho e poi abbiamo proseguito per Leicester Square dove c’è il famoso negozio degli M&ms, visto anch’esso di sfuggito purtroppo! Ci siamo fermati finalmente in una pizzeria italiana Bella Italia, che però d’italiano aveva solo il nome e abbiamo festeggiato cenando anche i nostri 9 anni di matrimonio! Così anche questa giornata davvero infinita, sicuramente la più lunga,  è arrivato il capolinea come anche di questo bellissimo viaggio!

Diario di viaggio di 6 giorni a Londra con bimbiLo so ho tralasciato tanti posti meravigliosi, ma io sono certa che un giorno tornerò a Londra, perchè non finisce qui, ha ancora molto altro da offrirmi e intanto il Big ben potrò vederlo in tutto il suo splendore, i miei figli saranno cresciuti e potranno godersela anche loro, spero diventeranno fan di Harry Potter per andare a trascorrere una giornata negli Studios e intanto vi lascio l’elenco dei posti che non ho visto e che vorrò vedere il prossimo viaggio, magari servono a voi di spunto per aggiungerli al vostro qualora aveste a disposizione più giorni!

  • The Sherlock Holmes
  • British Museum
  • Casa di Freud
  • Ultima casa di Freddie Mercury a Garden Lodge
  • Hampstead
  • Bibury a 130 km da Londra
  • The traffic light three a Trafalgar Way
  • Elan cafè a Oxford Circus
  • Cattedrale di Westminster
  • Carnaby street
  • Leadenhall market (che ha ispirato Harry Potter)
  • Studios Harry Potter
  • Riprovare al binario 9 e 3/4 di St.Pancras
  • Liberty
  • Portobello Road
  • London Eye e London sea
  • Chinatown
  • Coppa club Tower Bridge
  • Buckingam palace interni
  • Harrods
  • Hampton Court Palace
  • Negozio M&Ms
  • Holland Park
  • Kew Gardens
  • Tempio Hindu
  • Shakespeare Globe dentro
  • Dedicare un giorno solo allo shopping!

Insomma per tutto quello che voglio fare necessito di almeno altri 10 giorni e non devo ritornare nei luoghi già visti sennò mi serve un mese! Per ora è solo un sogno, ma prima o poi spero diventerà realtà!

Se avete domande da farmi potete farle qui sotto o in privato contattandomi attraverso i canali social che vi riporto qui sotto.

Intanto, mettete mi piace alla mia paginetta Facebook, Piccole creazioni…grandi soddisfazioni, per non perdervi i prossimi post e soprattutto CONDIVIDETE cliccando sui pulsanti social qui sotto!! Grazie!

Inoltre mi trovate anche su Pinterest e Instagram!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.