Cosa succede se il gatto perde i baffi ? I baffi dei gatti ricrescono ?

I baffi ricrescono?

Uno dei dubbi più grandi che ti assalgono quando vedi che al tuo gatto sono caduti alcuni di questi peli così importanti e vistosi è se cresceranno di nuovo. Stai tranquillo, la risposta è sì, i baffi dei gatti ricrescono, sia se glieli hai tagliati, sia se sono caduti da soli. Il ciclo di crescita dei baffi segue è lo stesso di altri peli del corpo dell’animale. Può succedere che i peli del corpo del gatto, compresi i baffi, cadano in maniera spontanea. Tuttavia, se glieli hai tagliati per sbaglio o volontariamente, allo stesso modo ricresceranno seguendo un ciclo di caduta e crescita naturale.

Cosa succede se il gatto perde i baffi ?

Di solito, si pensa che se si tagliano le vibrisse del muso del gatto, l’animale può sentire dolore e può sanguinare. Questa credenza è dovuta al fatto che la maggior parte delle persone pensa che al loro interno ci siano dei nervi, esattamente come nelle unghie che, se vengono tagliate in modo sbagliato, sanguinano e il gatto sente dolore. Come abbiamo visto, però, ciò non è vero perché le vibrisse sono esattamente identiche ad altri peli del corpo del gatto, solo che sono più spesse e hanno funzioni diverse. All’interno del baffo del gatto non c’è nessun nervo, per cui tagliandolo non c’è rischio di sanguinamento né di dolore.

In ogni caso, ciò che si rischia tagliando le vibrisse al gatto, è fargli perdere la capacità di orientarsi nello spazio: farà fatica a percepire le cose da vicino perché non vede bene a distanze ridotte. Non capirà bene se un oggetto è vicino o lontano e non riuscirà a capire se può entrare o meno in uno spazio, per questo è probabile che il gatto diventi goffo, vada a sbattere spesso e, come conseguenza, inizi a soffrire lo stress.

Precedente I nomi più belli e originali per le gatte femmine secondo un sondaggio Successivo Spese veterinarie 2018: detraibili 730 e Redditi franchigia e importi