Chiesta l’istituzione di una giornata dedicata ai diritti degli animali

La conferenza stampa alla Camera di Possibile per presentare il Manifesto per il benessere e annunciare le iniziative legislative per gli esseri senzienti. Si ipotizza la collaborazione con il Miur
immagini.quotidianoRoma, 6 luglio 2016 – Un “manifesto per il benessere degli animali” che si traduce in un pacchetto di proposte di legge ad hoc: lo hanno presentato alla Camera i deputati di Possibile Pippo Civati e Beatrice Brignone. Presenti alla conferenza stampa il presidente della Lega Antivivisezione Gianluca Felicetti, Romano Giovannoni, presidente Enpa di Verona, e ancora Michele Pezone, responsabile diritti animali della Lega nazionale difesa del Cane, Francesco Mazzaferri, presidente dell’associazione Sguinzagliati e la stilista Elisabetta Franchi.
“Le istituzioni devono prestare più attenzione alle politiche in favore degli animali. E noi vogliamo essere lo ‘strumento’ per dar voce alle istanze di chi molto spesso viene poco rappresentato e tutelato. Da qui l’idea di presentare il “Manifesto per il Benessere degli Animali” con il quale illustriamo alcune proposte in materia di benessere degli animali per dar vita a un tavolo di lavoro con le più rappresentative associazioni del settore”, ha spiegato Brignone.

Già depositate alla Camera sono le proposte per il divieto di utilizzo e di detenzione di esche e bocconi avvelenati per l’uccisione di animali. A questo si affiancheranno presto altre misure come il divieto di impiego di animali nei circhi e negli spettacoli viaggianti e la riduzione dell’Iva per gli alimenti destinati agli animali d’affezione. Possibile è promotore inoltre di una risoluzione per istituire una Giornata scolastica dedicata al rispetto e alla tutela degli animali, con proposte educative differenti in base alle diverse fasce d’età, nella scuola materna, primaria di primo e secondo grado e superiore.
Iniziativa, quest’ultima, che riceve il plauso di Gianluca Felicetti, presidente della Lega Antivivisezione. “Spero che il ministro dell’Istruzione possa accogliere l’invito che viene da Possibile. Sarebbe un momento simbolico importante, anche per dare più coraggio agli insegnanti che già sono impegnati in questo senso”. “Ancora oggi – rimarca infatti Brignone – nonostante i proclami, gli animali non sono ancora considerati essere senzienti e non hanno la garanzia della tutela a loro dovuta”. Possibile ha depositato in Parlamento numerose interrogazioni: dall’inserimento della dieta vegana nella ristorazione scolastica, ai metodi alternativi alla sperimentazione su animali vivi nella ricerca, al contrasto del traffico illegale di cuccioli di cane provenienti dai Paesi dell’Est Europa. Civati veste nuovamente i panni del consigliere regionale. “La caccia in deroga – spiega – ci costa tantissimi soldi. E il consiglio regionale tratta con una passione sconfinata questa questione. Sarebbe bello che ci fosse lo stesso entusiasmo per fare le cose che noi proponiamo nel nostro manifesto”.
Il leader di Possibile raccomanda al governo di curare l’applicazione di un approccio organico alla materia, perché “in fondo le leggi ci sono e non sono neppure così tremende. E’ la loro applicazione che richiede una mano. Noi ‘sguinzagliati’, dobbiamo contribuire a diffondere una cultura politica in tal senso in tutti i gruppi, anche quelli con il guinzaglio”. Infine Civati rivolge un appello al ministro dell’Istruzione “perché accolga l’istituzione della giornata che celebra il rapporto tra bambini e animali. Per noi sarebbe un messaggio quasi liberatorio”.
533562_391077477641681_794630451_n
Considerato che ogni animale ha diritti, considerato che il disconoscimento e il disprezzo di questi diritti hanno portato e continuano a portare l’uomo a commettere crimini contro la Natura e contro gli animali,considerato che il riconoscimento da parte della specie umana del diritto all’esistenza delle altre specie animali costituisce il fondamento della coesistenza delle specie nel mondo, considerato che genocidi sono perpetrati dall’uomo e altri ancora se ne minacciano, considerato che il rispetto degli animali da parte dell’uomo è legato al rispetto degli uomini fra loro, considerato che l’educazione deve insegnare sin dall’infanzia ad osservare, comprendere, rispettare ed amare gli animali…

Articolo 1
Tutti gli animali nascono uguali davanti alla vita ed hanno gli stessi diritti all’esistenza.

Articolo 2
1 – Ogni animale ha diritto al rispetto
2 – L’uomo, in quanto specie animale, non può attribuirsi il diritto di sterminare gli altri animali, o di sfruttarli violando questo diritto. Egli ha il dovere di mettere le sue conoscenze al servizio degli animali.
3 – Ogni animale ha diritto alla considerazione, alle cure ed alla protezione dell’uomo.

Articolo 3
1 – Nessun animale dovrà essere sottoposto a maltrattamenti e ad atti crudeli.
2 – Se la soppressione di un animale è necessaria, deve essere istantanea, senza dolore, ne angoscia.

Articolo 4
1 – Ogni animale che appartiene ad una specie selvaggia ha il diritto di vivere nel suo ambiente naturale, terrestre, aereo o acquatico ed il diritto di riprodursi.
2 – Ogni privazione della libertà, anche se a fini educativi, è contraria a questo diritto.

Articolo 5
1 – Ogni animale appartenente ad una specie che vive abitualmente nell’ambiente dell’uomo ha il diritto di vivere e di crescere secondo il ritmo e nelle condizioni di vita e di libertà che sono proprie della sua specie.
2- Ogni modifica di questo ritmo e di queste condizioni imposta dall’uomo a fini mercantili è contraria a questo diritto.

Articolo 6
1 – Ogni animale che l’uomo ha scelto per compagno ha diritto ad una durata della vita conforme alla sua longevità.
2 – L’abbandono di un animale è un atto crudele e degradante.

Articolo 7
1 – Ogni animale che lavora ha diritto a limiti ragionevoli della durata e dell’integrità del lavoro, ad un’alimentazione adeguata ed al riposo.

Articolo 8
1 – La sperimentazione animale che implica una sofferenza fisica e psichica è incompatibile con i diritti dell’animale sia che si tratti di una sperimentazione medica, scientifica, commerciale sia di ogni altra forma di sperimentazione.
2 – Le tecniche sostitutive devono essere utilizzate e sviluppate.

Articolo 9
1 – Nel caso che l’animale sia allevato per l’alimentazione, deve essere nutrito, alloggiato, trasportato e ucciso senza che per lui ne risulti ansietà o dolore.

Articolo 10
1 – Nessun animale deve essere usato per il divertimento dell’uomo.
2 – Le esibizioni di animali e gli spettacoli che utilizzano animali sono incompatibili con la dignità dell’animale.

Articolo 11
1 – Ogni atto che comporti l’uccisione di un animale senza necessità è biocidio, cioè un delitto contro la vita.

Articolo 12
1 – Ogni atto che comporti l’uccisione di un gran numero di animali selvaggi è un genocidio, cioè un delitto contro la specie.
2 – L’inquinamento e la distruzione dell’ambiente naturale portano al genocidio.

Articolo 13
1 – L’animale morto deve essere trattato con rispetto.
2 – Le scene di violenza di cui gli animali sono vittime devono essere proibite al cinema e alla televisione, a meno che non abbiano come fine di mostrare un attentato ai diritti dell’animale.

Articolo 14
1 – Le associazioni di protezione e di salvaguardia degli animali devono essere rappresentate a livello governativo.
2 – I diritti dell’animale devono essere difesi dalla Legge come i diritti dell’uomo.