C’è un cimitero egiziano dei gatti unico al mondo, a Berenice

Berenike-catsA Berenice c’è un cimitero unico al mondo dedicato ai gatti. La sua scoperta ha sorpreso archeologi ed esperti di antico Egitto. Un cimitero, con tanto di tombe, dedicato ai gatti è stato rinvenuto a Berenice, cittadina nel sud dell’Egitto, sul mar Rosso. Il sito archeologico risale agli anni 75-150 dopo Cristo e, a differenza di altri siti dove sono state scoperte mummie di animali domestici, questo contiene tombe di gatti. Una caratteristica che lo rende unico. La scoperta è stata pubblicata dall’università di Cambridge grazie uno studio dal titolo Pet cats at the Early Roman Red Sea port of Berenike, Egypt curato dall’archeologa Marta Osypińska dell’Accademia delle scienze della Polonia.

Il culto del gatto in Egitto

Nell’antico Egitto il culto del gatto era un patrimonio religioso comune, e l’adorazione di animali quali gatti e scimmie, cani e addirittura furetti era molto diffusa fra la popolazione. E, in effetti, ritrovare scheletri o animaletti mummificati insieme alle mummie umane non è mai stato un evento raro. Ma il cimitero di Berenice sembra avere qualcosa in più che ha catturato l’attenzione di archeologi e scienziati.

Un cimitero a misura di gatto

Al suo interno, oltre alle tombe dei gatti, sono state rinvenuti anche scheletri di cani e di scimmia. Lo studio, sintetizzato dalla rivista Forbes, fa notare che alcuni gattini – e una scimmia – sono stati ritrovati nel loculo con dei collari di ferro al collo. A due di essi è stata inserita una perla di ostrica vicino al collo, forse proprio per testimoniare l’affetto e la dedizione che il compagno umano aveva nei confronti dei piccoli animali.

Fonte: LifeGate

Precedente Stinkie ama ogni avventura che condivide insieme al suo papà Successivo Kattarshians, il reality show sui gatti per favorirne l'adozione