Qualche settimana fa la Weight Watchers inglese ha pubblicato una ricetta della zucca ripiena su facebook e dato che spesso avevo visto a Londra questo tipo di zucca piccola allungata ma non l’avevo mai assaggiata, ho voluto provare a farla. Ovviamente la WW usa spesso negli ingredienti delle ricette quelli con il loro marchio che in Italia non si trovano (e io non sono molto convinta che convenga comprarli a dire il vero), quindi ho rivoluzionato un po’ tutto e usato ingredienti semplici che si possono trovare senza difficoltà al supermercato. E ovviamente scelte più magre e più light!

Zucca ripiena varietà butternut, ricetta light, Mangia senza Pancia

Sono anche riuscita a trovare facilmente il tipo di zucca che mi serviva, qui in Olanda sono abbastanza comuni: un tipo di zucca piccolo a forma di pera e con la buccia liscia… E poi ho penato e ho fatto penare chi mi segue sul blog e su facebook per trovarne il nome in italiano! Il nome tecnico è Cucurbita moschata, in Inghilterra si chiama Butternut squash (si pronuncia “batternat squosc”), in olandese invece Flespompoen (zucca bottiglia) e da voi mi sono arrivati tanti suggerimenti tra i quali: zucca avalon, violina, violino di zucca, veneta, ma anche nomi dialettali quali cucuzziel, cucuzza, cucuzza o’ miennu ( zucca dell’ inverno) e non sono mancati suggerimenti fantasiosi tipo “orange cucurbita” Ha Ha … Oltre a questo mi avete anche mandato dei link molto interessanti ad alcuni documenti informativi sulle zucche e alla fine ho deciso di mettere nel titolo della ricetta il nome butternut per due ragioni: mi è sembrato il più diffuso in rete e questa zucca ha veramente un sapore “noccioloso” (nut significa appunto nocciola in inglese).

Zucca ripiena varietà butternut, ricetta light, Mangia senza Pancia

Comunque, nome a parte, il risultato è stato delizioso: la zucca butternut è molto dolce e il binomio con il salato del prosciutto è veramente sfizioso e gustosissimo. Da provare!


Zucca ripiena (varietà butternut) – la ricetta


Informazioni

Tipo: Leggeri
Porzioni: 2
Preparazione: 15 min
Cottura: 40 + 15 min
Difficoltà: facile
Punti Weight Watchers ProPoints per porzione = 4


Ingredienti

Zucca ripiena varietà butternut, ricetta light, Mangia senza Pancia

2 zucche butternut
30 g formaggio tipo gouda/fontina
60 g prosciutto cotto magro a fette
10 foglie di salvia fresca
1 cucchiaino di parmigiano grattugiato
2 cucchiaini di olio extravergine di oliva
qualche spruzzata di olio spray (*) per la teglia
sale e pepe q.b.

(*) io uso spesso l’olio versione spray per avere più controllo della quantità di olio che uso. Se trovate l’olio già pronto in forma spray bene… altrimenti suggerisco di trovare delle bottigliette adatte e riempirle con il vostro olio preferito.


Procedimento

Zucca ripiena varietà butternut, ricetta light, Mangia senza Pancia

Lavare le zucche e tagliarle a metà per il lato lungo (armatevi di un coltello lungo e ben affilato per fare in modo da tagliarle veramente a metà… sono molto “toste”!). Eliminare i semi con un cucchiaio e incidere la polpa con il coltello a zig-zag. Porre le mezze zucche sulla teglia del forno foderata di carta forno, spruzzarle leggermente con un po’ di olio spray e porre in forno a 180°-200° per circa 40 minuti o finché la polpa è ben cotta. Non buttate i semini: potete seccarli al sole e poi utilizzarli in vari modi (o mangiarli nel muesli per esempio) come faccio io:

Zucca ripiena varietà butternut, ricetta light, Mangia senza Pancia

… la scritta sulla foto era per scherzare su facebook, abbiate pazienza…

Zucca ripiena varietà butternut, ricetta light, Mangia senza Pancia

Mentre le zucche sono in forno tagliare il prosciutto cotto a striscioline e farlo rosolare in un padellino antiaderente. Far raffreddare. A parte grattugiare il formaggio.

Zucca ripiena varietà butternut, ricetta light, Mangia senza Pancia

Far raffreddare le zucche in modo da poterle maneggiare e con l’aiuto di un coltellino e di un cucchiaino svuotarle facendo in modo da lasciare circa mezzo centimetro di polpa sulle pareti, formando così un contenitore capiente.

Zucca ripiena varietà butternut, ricetta light, Mangia senza Pancia

Schiacciare la polpa delle zucche in modo che diventi una poltiglia morbida e unirvi il prosciutto cotto arrostito, il formaggio e il parmigiano grattugiati, la salvia tritata finemente, sale e pepe. Mescolare molto bene.

Zucca ripiena varietà butternut, ricetta light, Mangia senza Pancia

Porre le zucche sul piano di lavoro e distribuire il ripieno in parti uguali all’interno. Terminare versando i 2 cucchiaini di olio sulla superficie del ripieno: mezzo cucchiaino per ogni metà zucca. Porre le zucche di nuovo sulla carta forno e mettere  la teglia in forno a 200° per circa 15 min così che il formaggio si fonda e la superficie risulti ben gratinata.

Zucca ripiena varietà butternut, ricetta light, Mangia senza Pancia

Togliere la teglia dal forno e servire decorando con delle fogliolina di salvia. La zucca ripiena è ottima come contorno ma anche mangiata con un’insalata per un pasto leggero, ed è anche squisita gustata tiepida a temperatura ambiente.

L’olandese detesta la zucca, infatti gli avevo detto che non era per lui. Però lui assaggia tutto. Conclusione: si è spazzolato un’intera zucca pure dicendo “non le sceglierei al ristorante ma se le fai di nuovo le mangio volentieri” E’ amore? Magari anche quello (si spera) ma guardando quello che ha lasciato nel piatto io dico che gli son piaciute veramente!

Zucca ripiena varietà butternut, ricetta light, Mangia senza Pancia

Buon appetito…

Consiglio: volendo riempire di più le zucche suggerisco di usare la polpa di una terza zucca da aggiungere al ripieno. La zucca risulterà più ripiena e riempitiva e i punti Weight Watchers non variano!


segui Mangia senza Pancia su facebook la Newsletter di Mangia senza Pancia

22 Commenti su Zucca ripiena (varietà butternut), ricetta light

  1. Ho comprato questa zucca qualche giorno fa e mi domandavo come avrei potuto cuocerla! Quando si dice casca a fagiolo! La proverò sicuramente!

  2. Adoro la zucca e la zucca ripiena e buonissima a me piace molto anche alla griglia condita con olio e prezzemolo accompagnata da pezzettini di pecorino”pesati”di varie stagionature e un cucchiaino di miele se di castagno e meglio . Faro’anche gli gnocchi di cicci poci conditi con un po’gorgonzola diluito con latte magro e prezzemolo .buona serata

      • si il guaio è che non esistono dosi per la farina perchè dipendono tantissimo dalla zucca che usi, ogni zucca è diversa per la quantità di acqua…

        Apri la zucca, togli i semi e la tagli a pezzi grandi (diciamo tre o quattro). Questo perchè la zucca va lessata ma non dovrebbe prendere troppa acqua o ti ci vuole più farina (e noi non vogliamo la farina). Una volta cotta raccogli tutta la polpa in una terrina. Aggiungi un uovo, il sale e la farina. Purtroppo non esistono dosi di farina perchè dipende dalle dimensioni della zucca e dalla sua acquosità. Allora ascolta la spiegazione “altamente tecnica”: deve essere un composto cremoso e che “segue il cucchiaio”, spero tu sappia di cosa parlo perchè io sinceramente no. Questo è quello che mi ha sempre detto mia madre e io non l’ho mai ben capito, ma so bene qual è la loro giusta consistenza e gusto, quindi metto la farina, assaggio e così via finchè sono contenta.
        Il gnocco cotto è più morbidino di un gnocco di patate, ma deve comunque avere una certa consistenza (se la farina è troppo poca finisce che sembra più una pappetta che un gnocco quando lo mangi). Se la farina è troppa i gnocchi sono più corposi (pazienza), ma soprattutto sanno di farina. La squisitezza di questi gnocchi è che devono proprio sapere di zucca! Quindi io ti consiglio la tecnica dell’assaggio, soprattutto le prime volte. Questi gnocchi richiedono un pochino di pratica, più li fai, più buoni diventano.

        Per cuocerli: risciacqui il pentolone che hai usato per cuocere la zucca e lo riempi di acqua e un goccino di olio (serve a non far attaccare gli gnocchi al fondo). Quando l’acqua bolle abbassi la fiamma perchè vuoi che sobbolla ma non bolla troppo forte. Con il cucchiaio prendi un po’ di composto e immergi il cucchiaio nell’acqua, il composto affonda da solo e quando sale è pronto.
        La morte di questi gnocchi è il burro fuso. Io che non amo il burro proprio per niente (solo nelle torte ma non deve sentirsi), li mangio con poco poco burro fuso. (magari quello a basso contenuto di grassi) L’importante è invece il grana e avendola la ricotta affumicata…ecco la ricotta affumicata è proprio la sua morte. Io mi porto dall’Italia la ricotta affumicata ad uso esclusivo dei gnocchi di zucca.
        Comunque stanno bene anche con il ragù.

        Questo è tutto, cavolo mi han fatto così tanta voglia adesso che mi sa mi vesto e vado al mercato a cercare una zucca…mannaggia!

        • Dunque… il tuo messaggio se ne va nelle mie bozze perchè questa la devo proprio provare! Ti ringrazio tantissimo!
          Riguardo i vari punti tecnici:
          1. perchè bollire la zucca? Meglio farla a pezzi e metterla in forno (vedi le mie muffin alla zucca): cuocerà benissimo ma rimarrà asciuttissima… indi… meno farina no? Sono furba o ho detto una fesseria?
          2. che segue il cucchiaio, ho capitooooo. Se non lo segue come fa a seguire il dito per poi diventare uno gnocco eh? 😀
          4. il condimento uhm… devo trovare una cosa light. Poco burro ok, secondo me con la salvia “fritta” dentro sarà squisito. Ma la ricotta salata non ce l’ho e per quando la potrei recuperare la zucca non ci sarà più. Ragù proprio no, i colori non mi attirano (io vado molto a colori 😀 )… pensavo ma un pesto light? O una besciamella light aromatizzata alla salvia? uhm uhm cogitamento profondo… uhmmmmm 😀

          TI ringrazio tantissimo veramente. che bella idea che mi hai dato! Ma quando mi metti qualche foto su fb delle tue creazioni in cucina? 🙂

          Un bacione vado a scrivere il diario, tardissimo oggi ma non potevo non risponderti subito <3

          • Beh grazie, tutti i complimenti vanno però alla mia mamma. Allora

            1. Perchè no? non lo so. Perchè non ho mai provato…Dalle tue foto, la zucca al forno mi sembra asciutta ma forse anche un po’ più dura…Quando io faccio la zucca al forno (con anche altre verdure) non mi sembra che si tagli con un grissino, ehm volevo dire con la forchetta. Pensa dovrà essere un composto cremoso…credi che potrebbe venire? Per esperienza con la zucca lessa, la polpa la togli col cucchiaio e poi schiacci tutto con la forchettta, viene già una pappa. Aggiunto l’uovo e la farina sarà una crema un po’ corposa.

            2.Ehmmmm ehhh? ecco questo risponde a perchè non metto anche io in rete le mie creazioni…. 😀

            3.La ricotta affumicata, se la trovi puoi anche congelarla. La salvia si ci sta (a me piace molto), ma ho paura che sia anche fin troppo forte come profumo e ti copra il sapore.
            Per il resto, secondo me fai una prima prova con il burro così ti rendi bene conto del sapore e poi sperimenta 🙂 se ti piacciono non potrai più vedere queste zucche con gli stessi occhi, promesso.

            ps: non ho ancora trovato qualcuno che li abbia assaggiati e mi abbia detto “non voglio il bis, grazie”

          • ti rispondo rapidamente… la zucca al forno viene tenera se la cuoci abbastanza… non vedi come la rendo a purea nelle foto qui sopra? 🙂
            devo prendere sta ricotta salata la prossima volta che scendo in Itlia… eh si io surgelo tutti i formaggi a pezzi più piccoli… barbatrucchi da emigranti eh? 😀 😉

          • dimenticavo. questi gnocchi vanno fatti proprio con questa zucca qui, in italia le chiamano le ferraresi. Perchè sono appunto dolcine e prendono meno acqua di tutte le altre. Provati con altre zucche non hanno affatto lo stesso sapore.

  3. ciao cara, è tanto che non ti scrivo, ma prima ero stressata poi….finalmente sono andata in ferie!!!!
    Eccomi qui, appena tornata dai meravigliosi 30 gradi dell’egitto…
    Questa ricettina mi piace molto, la proverò sicuramente, ma penso anche io di avere problemi a trovare questa qualità…..altrimenti si può benissimo fare in cocotte, io credo!!
    bacioni

    • CIao Valeria! Non sono mai stata in Egitto ma solo l’idea dei 30 gradi…. Mi Piace! 😀
      Si infatti se non trovi questa varietà puoi sempre provare a scavare un pezzo di fetta in modo da creare un contenitore oppure, come dici tu, farle in cocotte 🙂 Mi raccomando, anche se ti stressi, scrivimi ogni tanto! Bacioni a te 🙂

  4. io amo la zucca in tutti i modi e le forme, ma purtroppo qui trovo quasi solo la classica zucca grande arancione… però questa ricetta mi piace da matti e devo trovare il modo di farla! Vedo ciò che riesco a trovare in giro… 🙂

    • ciao Paola, grazie! Magari puoi provare a prendere delle fette grandi e a tagliarle a metà e scavarle in modo da lasciare le pareti attorno! Non so se sono riuscita a spiegarmi… Ma se trovi questa zucca qui però è meglio per il discorso sapore: è veramente più aromatica e dolce 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.