Era da tanto che volevo provare a fare la pasta madre solida ma non sapevo proprio da dove cominciare. Poi mi sono imbattuta in un gruppo su facebook pieno di persone molto esperte e anche disponibili ad aiutare. E nei documenti del gruppo ci sono tanti documenti interessanti, moltissime ricette da fare con la pasta madre ma ovviamente anche tanti link utili per prepararla o anche trovare uno “spacciatore”… Eh si si chiamano così le persone che danno la disponibilità a donare un pezzo della loro pasta madre a chi la volesse! Io qui in Olanda ho visto che c’è uno spacciatore di pasta madre di origini calabresi (la pasta madre, non lo spacciatore) ma ovviamente dato il mio istinto materno naturale di mamma di figlio unico che ne avrebbe fatti volentieri almeno 5, ho deciso di farla io, altro che farmela dare *pfui*!

Pasta madre solida - settimana 1, diario di Miss Cirilla, Mangia senza Pancia

Quindi ho spulciato i vari documenti, fatto qualche domanda e sono partita. Volevo iniziare anche da subito con questo diario ma non ne ho avuto il tempo materiale però ho continuato a fare foto e a scrivermi un po’ la storia ogni giorno e adesso finalmente trovo il tempo di fare l’articolo… Andiamo a vedere come nasce Miss Cirilla, la mia prima pasta madre solida, e cosa è accaduto questa prima settimana!


La storia di Miss Cirilla, la mia prima pasta madre solida – settimana 1

 


Informazioni

Tipo: Preparazioni
Porzioni: n/a
Preparazione: 15 min al giorno inizialmente
Cottura: n/a
Difficoltà: facile
Punti Weight Watchers ProPoints per 10 g = 1

 


Ingredienti

Per la prima settimana
circa 700 g farina, io ho usato la 00
circa 350 g acqua del rubinetto
1 cucchiaino e mezzo di miele solo la prima volta

Attrezzatura
1 o anche 2 contenitori di vetro con coperchio, da circa mezzo litro
una spatola di legno
una spatola di silicone
carta cucina
pezzetto di garza da cucina o di lino pulito
2 elastici
pazienza

 


Procedimento

Giorno 0 – sabato 31 agosto, ore 18:00

Bene, è il momento di iniziare con la pasta madre solida… Ho la testa un po’ confusa visto che ho letto un po’ troppe ricette per iniziare, comunque penso di aver capito più o meno cosa fare.

In una ciotola ben pulita e asciutta mischiare 100 g di farina, 50 g di acqua a temperatura ambiente e un cucchiaino e mezzo di miele. Io avevo del miele biologico millefiori, ho usato quello. Lavorare per un po’ con la spatola di legno e poi versare nel contenitore di vetro che dev’essere pulitissimo! Con l’aiuto della spatola di silicone appiattire leggermente l’impasto.

Pasta madre solida, giorno 0, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

Chiudere con la tela aiutandosi con un elastico e usare l’altro elastico per prendere il segno dell’altezza dell’impasto.

Trovare un posto in casa dove la temperatura sia tra i 18° e i 25° e non ci siano ne’ spifferi ne’ la diretta luce del sole e piazzarvi il contenitore. Io ho trovato posto in dispensa in un’anta che non apro in continuazione e che non si trova proprio di fronte alla finestra così da evitare le correnti d’aria.

E buonanotte alla mia pallotta… ci rivedremo tra 24 ore!


Giorno 1 – domenica 1 settembre, ore 18:00

Beh adesso è arrivato il momento di tirare fuori il contenitore di vetro e vedere cosa è successo…

Pasta madre solida, giorno 1, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

Beh niente, si è solo afflosciata, nulla di più. Procediamo al primo rinfresco! Innanzitutto conviene rimuovere l’eventuale crosticina che si è fatta sopra aiutandosi con una spatola di silicone e pulendo l’impasto da scartare su un foglio di carta cucina. Poi si mette in una ciotola pulita 100 g dell’impasto senza crosta e si mescola assieme a 100 g di farina e 50 g di acqua a temperatura ambiente. Si otterrà un piccolo impasto sodo.

Pasta madre solida, giorno 1, diario di Cirilla, Mangia senza PanciaInserire la pallotta di impasto nel contenitore, appiattire, coprire con la tela ed elastico, piazzare il secondo elastico per misurare la crescita e riporre al suo posto per altre 24 ore. Riguardo al contenitore io ho svuotato e pulito lo stesso prima di reinserire la pasta rinfrescata ma per praticità si può anche usare un secondo contenitore e poi pulire il primo con calma dopo.

E intanto la povera pallotta ha anche un nome: Cirilla! Perchè? Non lo so, mi è venuto in mente questo nome e mi è piaciuto…


Giorno 2 – lunedì 2 settembre…

– ore 10:00

Pasta madre solida, giorno 2, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

Stamattina, presa dalla curiosità, ho dato un’occhiatina a Cirilla… che sorpresa ragazzi! Cirilla è raddoppiata in circa 12 ore! La metà del tempo previsto… e manco a dire che fa caldo anzi qui fa freschetto, specie la sera, e la cucina tende a raffreddarsi perchè i gatti entrano ed escono in continuazione! Beh non posso lamentarmi… ma comunque meglio attendere le 24 ore prima di rinfrescare di nuovo!

– ore 18:00

Pasta madre solida, giorno 2, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

 

Ecco Cirilla pronta per il rinfresco!

 

Pasta madre solida, giorno 2, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

 

Dunque procedere esattamente come ieri:

– togliere la crosta
– in una ciotola pulita pesare 100 g di Cirilla, 100 g di farina e 50 g di acqua a temperatura ambiente
– mescolare bene e formare una pallotta di impasto
– rimettere nel contenitore di vetro pulito
– coprire con la tela e segnare l’altezza con l’elastico!

Dovrei attendere altre 24 ore ma ovviamente voglio proprio vedere domani mattina che succede eh!


Giorno 3 – martedì 3 settembre…

– ore 10:00

Pasta madre solida, giorno 3, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

Oggi tutto veramente simile a ieri: Cirilla di mattina dopo 12 ore era già raddoppiata! Mi chiedo se devo cambiare qualcosa a questo punto però per oggi continuo così!

 

 

– ore 18:00

Pasta madre solida, giorno 3, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

Beh che dire, è una meraviglia anche se mi sembra che un pochino pochino si sia sgonfiata, ma forse sono io che ho le traveggole!

Pasta madre solida, giorno 3, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

 

 

Idem come ieri:

– togliere la crosta
– in una ciotola pulita pesare 100 g di Cirilla, 100 g di farina e 50 g di acqua a temperatura ambiente
– mescolare bene e formare una pallotta di impasto
– rimettere nel contenitore di vetro pulito
– coprire con la tela e segnare l’altezza con l’elastico!

E via di nuovo a fare la nanna in dispensa…


Giorno 4 – mercoledì 4 settembre…

– ore 10:00

Pasta madre solida, giorno 4, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

Oh-oh… cosa succede? Cirilla non è cresciuta! Panico totale, ho scritto chiedendo aiuto nel gruppo della Pasta Madre ma mi dicono di continuare come se nulla fosse successo…

 

 

– ore 18:00

Pasta madre solida, giorno 4, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

Un pochino è cresciuta ma rispetto ai giorni scorsi ma pochissimo veramente! Comunque procedo al solito rinfresco…

Pasta madre solida, giorno 4, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

 

Dunque:

– togliere la crosta
– in una ciotola pulita pesare 100 g di Cirilla, 100 g di farina e 50 g di acqua a temperatura ambiente
– mescolare bene e formare una pallotta di impasto
– rimettere nel contenitore di vetro pulito
– coprire con la tela e segnare l’altezza con l’elastico!


Giorno 5 – giovedì 5 settembre…

– ore 08:00

Pasta madre solida, giorno 5, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

 

Beneeee! Cirilla si è ripresa, già adesso alle 8 è cresciuta… mi ero veramente preoccupata tantissimo!

 

 

– ore 18:00

Pasta madre solida, giorno 5, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

Ormai è più che raddoppiata! Quindi posso procedere senz’altro al solito rinfresco…

Pasta madre solida, giorno 5, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

 

 

Idem come per i giorni passati:

– togliere la crosta
– in una ciotola pulita pesare 100 g di Cirilla, 100 g di farina e 50 g di acqua a temperatura ambiente
– mescolare bene e formare una pallotta di impasto
– rimettere nel contenitore di vetro pulito
– coprire con la tela e segnare l’altezza con l’elastico!


Giorno 6  – venerdì 6 settembre…

– ore 09:00

Pasta madre solida, giorno 6, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

 

Sono felicissima! Cirilla è ufficialmente guarita, adesso alle 9 è in gran forma e più che raddoppiata!

 

 

– ore 18:30

Pasta madre solida, giorno 6, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

Ho aspettato una mezzora più del solito e Cirilla sta benissimo. Ha anche fatto tantissimi buchini di lievitazione: io felice!

Pasta madre solida, giorno 6, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

 

Dunque il solito rinfresco:

– togliere la crosta
– in una ciotola pulita pesare 100 g di Cirilla, 100 g di farina e 50 g di acqua a temperatura ambiente
– mescolare bene e formare una pallotta di impasto
– rimettere nel contenitore di vetro pulito
– coprire con la tela e segnare l’altezza con l’elastico!


Giorno 7 – sabato 7 settembre…

– ore 08:00

Pasta madre solida, giorno 7, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

 

Ed ecco Cirilla ancora una volta più che raddoppiata… io provo a rinfrescarla tra un po’, prima faccio colazione e poi procedo…

 

 

– ore 09:30

Pasta madre solida, giorno 7, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

Procedo con il solito rinfresco:

– togliere la crosta
– in una ciotola pulita pesare 100 g di Cirilla, 100 g di farina e 50 g di acqua a temperatura ambiente
– mescolare bene e formare una pallotta di impasto
– rimettere nel contenitore di vetro pulito
– coprire con la tela e segnare l’altezza con l’elastico!

– ore 14:00

Pasta madre solida, giorno 7, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

Dopo circa 4 ore Cirilla è di nuovo raddoppiata! Bene allora io adesso la metterei in frigo senza rinfrescarla però. Ho chiesto nel gruppo della Pasta Madre e se ho capito bene tra le istruzioni del sito che ho seguito e alcuni consigli in diretta, questa è la cosa da farsi…

Pasta madre solida, giorno 7, diario di Cirilla, Mangia senza Pancia

 

Indi metto il coperchio a vite ben stretto, alzo l’elastico per misurare l’altezza e via in frigo… brrrrr (sembra Hulk, altro che Cirilla… causa birra Grolsch con vetro verde a fianco ehehehe)


Beh… per ora questa è la prima settimana di Miss Cirilla. Staremo a vedere cosa accadrà al weekend…

Alla prossima settimana!

Puntata successiva qui: il diario della settimana 2 di Miss Cirilla

by Giovanna Buono

Riferimenti:


segui Mangia senza Pancia su facebook la Newsletter di Mangia senza Pancia

Ti piace questa ricetto articolo? Condividilo!

71 Commenti su Pasta madre solida – settimana 1 di Miss Cirilla

  1. Buondì ieri sera ho preparato la mia pallotta, speriamo bene.
    Volevo ringraziarti per tutti gli spunti che mi fornisci. Sei molto brava e motivante

      • Meravigliosamente, con il favore dei 37 gradi di questa calda estate è giá in frigo con rinfresco giornaliero. Considera che triplica in 3 ore. Domani preparerò il primo pane o brioche, che mi consigli x un successo sicuro?
        Strano come certe piccole cose riescano a dare tanta soddisfazione!
        Grazie

  2. sono al giorno 5. I primi 4 giorni ho seguito alla lettera le indicazioni, ma mi ero un po’ depressa perchè la mia “Eulalia” non cresceva come nelle tue foto. Poi…. ieri sono stata via fino a tardi e pertanto non ho potuto rinfrescarla passate le 24 ore, lo ho fatto stamattina e con mio grande stupore er più che raddoppiata!!!! Che soddisfazione! Da ora in poi cercherò di mantenere dempre le 24 ora, ma se vedo che non è ancora pronta aspetterò un poco di più! Avevo fià provato altre ricette, ma non avevano mai funzionato, finalmente inizio a vedere i risultati! Grazie! 🙂

  3. Ciao..Vorrei provare …ma…
    Come ci si regola poi per dosarla durante l’utilizzo delle preparazioni?
    Per capirci , una bustina di lievito per dolci corrisponde a…
    Al posto del lievito di birra quanta usarne?
    Sarà una domanda scontata per chi è già a vezzo al suo uso ma i profani?

  4. Ciao ;-)la mia pasta madre ha solo 3 giorni ma non cresce ed ha un odore parecchio pungente…è normale o c è qualcosa che non va?ma soprattutto si può rimediare?

      • Ciao Giovanna la mia pm ha preso vita ieri dopo il rinfresco ho messo il vaso nel forno con la luce ,oggi stessa cosa rinfresco n7poi al caldo nel forno al rientro dal lavoro sorpresa e’raddoppiata da domani frigorifero.buona notte .

          • Ciao Giovanna la mia pm e’ diventata molto esuberante ieri e’uscita dal vaso oggi 9rinfresco essendo a casa controllo in quanto tempo raddoppia che soddisfazione !!! Pesata n10 -700 tot -kg4.2 quando sono a dieta di solito dimagrisco il primo periodo abbastanza poi continuando il calo settimanale diminuisce questa volta e’stato esattamente il contrario sarà l’eta’ GRAZIE PER IL TUO. AIUTO !!!!!!

  5. Ciao Giovanna, la mia pasta madre è in dispensa, appena rinfrescata per la prima volta! Volevo chiederti come la togli la crosticina? Io ho trovato difficoltà anche solo a togliere l’impasto dal contenitore… il lato con la parte piu’ asciutta è finito sul fondo della ciotola per il rinfresco… mi consigli come fare? Grazie!!!
    (sono proprio imbranata 😛 )

  6. Giorno uno della mia pasta madre ” Sissi”ho letto varie volte il procedimento di miss Cirilla e mi hai convinta ,come al solito ,quando sarà pronta usandola 2volte a settimana pane pizza sarà sufficiente o avrà bisogno di altri rinfreschi?ho usato gr100farina 0bio un cucchiaino e1/2miele bio ti faro sapere buona giornata qui diluvia !!!!!!

    • Ciao Doriana 🙂 Quando sarà pronta devi pianificare quanta rinfrescarne per l’uso e le ricette che devi fare… bisogna che fai qualche calcolo! Qui invece c’è il soleeee 😀 In bocca al lupo per Sissi 😀

  7. Ciao, posso chiederti dove hai trovato la farina 00 in Olanda? Io ho preso una “tarwebloem” biologica presa da Jumbo ma invece di crescere è semplicemente andata a male! In italia ho fatto da me e usato la pasta madre ma qui non so cosa prendere. Proverò la biologica di Albert Heijn ma se mi sapessi dire quali farine usare per la panificazione te ne sarei grato.

    Grazie

    Nik

    • Ciao Nik 🙂 Dunque per fare la pasta madre ho preso la farina del Molino Rosetti 00 e me la sono portata dall’Italia. E continuo a prenderla ma quando non ce l’ho io vado al mulino (qui in Olanda sono dappertutto). In pratica pur avendo un modo di identificare le farine molto diverso dal nostro sistema italiano, se tu vai al mulino e spieghi cosa vuoi, ti daranno la 00 e anche qualcosa tipo la manitoba, ovvero della farina con aggiunta di glutine. Io mi sto trovando molto bene così. L’unica che non ho è la 0 ma mischio io la 00 e quella stile manitoba. Non sono molto esperta di farine ma questo funziona! 🙂 Ah poi le farine del supermercato tipo Jumbo e AH beh… non mi fido, preferisco quelle del mulino che sono bio 😉 Fammi sapere se questo ti è stato di aiuto e chiedimi pure se non ti è chiaro 🙂 Ciao, Giovanna

    • ciao…volevo provare la tua ricetta di lievito madre,ma abbiamo problemi di intolleranza al miele,posso usare lo zucchero di canna in uguale quantita’?? Grz..

      • Ciao Marinella 🙂 Io ho letto su altri blog che trattano di pasta madre che si potrebbe anche non mettere proprio niente (solo acqua e farina) o lasciar macerare dell’uvetta secca in acqua e usare una cucchiaiata del succo che se ne ricava. Proverei così piuttosto che usare lo zucchero ma anche lo zucchero va bene e credo un cucchiaino sia sufficiente 😉

      • io ho fatto la pasta madre usando dello yougurth naturale e ormai sono quasi tre anni che faccio un ottimo pane tutte le settimane…prova!

  8. Ciao Giovanna al 3 giorno di rinfresco di Pasqualina così l’ho chiamata l’impasto mi risulta molle e non è gonfiato …….Che faccio?? Che devo fare ,la butto

    • Silvana scusami per il ritardo, sono in vacanza e l’altro giorno ti avevo risposto ma ora non vedo piu’ il mio messaggio, non ho la piu’ pallida idea di cosa sia successo! Comunque ti dicevo di non demordere e si capire prima cos’e’ andato storto. Se mi dici che farina hai usato e anche se hai cambiato nulla rispetto alle mie istruzioni! Fammi sapere 🙂

  9. Ciao,
    Prima di tutto complimenti per tutto questo lavoro che hai fatto…ho 37 anni e ricordo quando ero alta poco più di un tavolino da fumo che mia madre (divenuta “socio a vita onorario”…bravissima mammaaa!!!) mi portava agli incontri settimanali WW. Adesso, ahimè, ho dovuto rispolverare quei libretti magici e, cercando qualche ricettina sfiziosa per non cadere nella noia di mangiare sempre le solite cose, mi sono imbattuta nel tuo fantastico blog…grazie per tutto questo e per tutto quello che ancora non sono riuscita a leggere…
    Ma veniamo al mio dubbio ancestrale: ma se invece del lino o della garza viene messo un tovagliolo classico di cotone può andar bene lo stesso?!? E lo scottex con 2/3 buchetti?!?
    Ciao grazie e buona giornata.

    • Ciao Elena e benvenuta! Brava la tua mamma veramente! Anche la mamma dell’olandese (se non sai chi è basta che leggi il mio diario e lo capirai 😀 ) era una follower (non so se anche membro onorario) della WW e ho un suo libro in olandese vecchissimo… un onore per me!
      Dunque, va bene anche il cotone secondo me e lo scottex io l’ho usato spesso quando ho rinfrescato una grande quantità e ho dovuto quindi usare un frigoverre tondo largo, senza fare i buchetti. Invece so che tante persone usano la pellicola e quella la bucano ma a me l’idea della pellicola non piace, mi pare di far sudare la mia Cirillina 😀
      Comunque adesso sono alle prese con Ciruzzo… ahhh poi vedrai. Intanto in bocca al lupo sia per la dieta che per la tua pasta madre: come la chiamerai?
      E grazie del tuo bel messaggio 🙂 Buona serata!

      • Ciao e grazie per la risposta…
        Ciruzzo?!?!? Mmmhhh…non vedo l’ora di conoscerlo…
        Ti vorrei informare che è “nata” ( a dire il vero è ancora in travaglio ;-)…) la piccola Ophelia…per il coperchio ho trovato un rimasuglio di tela Aida (quella per il punto croce)…credo vada bene…
        Adesso ti saluto che vado a fare la mia prima passeggiata nella natura della giornata (…io abito in un paese nelle colline maremmane)…
        A presto e grazie ancora di tutto…:-D

        • Ophelia mi piace come nome, ma Aida mettila in doppio strato però altrimenti i buchini sono troppo grandi finisce con entrare la polvere! Colline maremmane? Bellissimooooooooo, buona passeggiata, fai due passi lì anche per me 😀

  10. Ciao 🙂

    Stava andando tutto bene, ma poi ieri (giorno 5) non è lievitata. Anche oggi (giorno 6) non è lievitata… Sta sera dovrei rinfrescarla, sono via per lavoro, lo fara mio marito. Ma se sta sera non livieta cosa faccio, continuo lo stesso il procedimento ?

    Valérie

    • Alessia sinceramente non ti so dire per la farina integrale come si procede. So che si può fare con metà farina di riso e metà di mais, quelle finissime, ma non ho mai indagato per la farina integrale. Prova a leggere i siti dei quali ho messo i link magari trovi più informazioni! 🙂

    • Ciao Maruska 🙂 Ma certamente! Bada solo che la trama non sia fittissima, insomma un po’ deve traspirare. Il panno lo si mette per evitare che polvere e sporcizia si posino sull’impasto ma deve traspirare. In teoria viene consigliata anche la pellicola bucherellata ma io non ho mai provato. Io ho anche usato la carta cucina senza bucherellarla 🙂

  11. Ciao, ho qualche dubbio! Dopo che la metto in frigo cosa faccio finchè non la utilizzo? quanto dura? la devo rinfrescare ogni tot di giorni??? e quanta ne utilizzo per fare i miei impasti???? Grazie mille 🙂 ho un pò paura di rovinare tutto!!!

    • Ciao ROberta! 🙂 Quando sei finalmente arrivata al momento che puoi metterla in frigo la rinfreschi una volta a settimana da regola, però se vedi che si “ammoscia” tantissimo fallo anche prima! Quando è all’inizio la pm è meno forte e magari ha bisogno di qualche rinfresco in più che non fa mai male! Per gli impasti segui le ricette, io faccio così, non sono ancora in grado di fare di testa mia o a occhio. Se vedi ora ci sono già un po’ di ricette qui sul mio blog altrimenti guardi in rete. Vedi anche nel mio blog, in alto sotto a Links trovi qualcosa di utile anche lì! Fammi sapere ok? E buona pasqua 🙂

  12. Grazie delle istruzioni per la realizzazione della pasta madre, ma facendo i rinfreschi giornalieri vengono presi100 grammi di impasto, quello che rimane dove viene messo? Grazie è buona giornata!!

    • Ciao Anna Maria 🙂 Purtroppo finchè la pasta madre non si stabilizza e parte per bene li devi buttare. Se ti spiace usare tanta farina puoi anche dimezzare le dosi di tutto nei rinfreschi ma diventa anche un po’ più difficile essere precisi con 25 g di acqua…
      Buona giornata anche a te 🙂

  13. Giovanna!!! Ma lo sai che il giorno 3 alle ore 10 miss Cirilla è diventata Camilla?!?!?!
    Ohi ohi ohi…. 🙂
    (Raffaella perfettina de perfettinis)

  14. Ciao Giovanna,

    Thank you for this beautiful blog-post and recipe! I’m absolutely in Love with Miss Cirilla and her birth-story ^^ Now I did also a lot of investigations around sour dough and I’m super excited to try to do my own… maybe Mister Sour? 🙂
    I completely agree with you, I will not go do a dough-dealer either and try to grow it on my own. I’ll keep you posted about my (hopefully) sucess 🙂

    Un abbraccio
    Yulia

    • eheheehhe it is nice to make your own sourdough starter isn’t it? Let me know how it goes… and if you need any help just ask, I am learning a lot of things through a facebook group (in Italian…) about 10000 people helping each other with the starte and the use of it…
      But currently I have another sourdough starter going … just today he (he is a Mr 😀 ) moved his first step ahahah but this one is a special one… you’ll see 😀
      Bacioni e buon martedì 🙂

    • la pasta madre è lievito naturale, cioè senza usare il lievito di birra o altri lieviti commerciali, puoi usare un pezzo di questo impasto per fare pane, focacce, grissini etc etc. I vantaggi sono ovvi, a parte il fatto che è naturale quindi sicuramente sai quel che mangi, ma non c’è quel tanfo da lievito di birra che da fastidio a tante persone e anche non ti fa sentire gonfia. Ovviamente non c’entra niente con la dieta ma io oltre a dimagrire, avrai notato che cerco di fare quanto più possibile in casa senza comprare prodotti al supermercato…
      Spero di aver chiarito i tuoi dubbi 🙂 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.