Rinnovamento cutaneo (olivello spinoso)

L’errore comune che si fa in inverno è quello di utilizzare gli stessi scrub o esfolianti che si usano nelle altre stagioni. Quando fa freddo la pelle è più sensibile e si rischia di impoverire la naturale barriera idratante che protegge l’epidermide. Se proviamo un esfoliazione più delicata con delle piante più resistenti che ci sono nel nostro pianeta e che ricoprono le steppe dell’Asia Minore, stiamo parlando dell’olivello spinoso. Il suo nome botanico “Hippophae Rhamnoides” significa “erba che fa risplendere i cavalli” perchè già dai tempi di Gengis Kahn, i mongoli sapevano delle sue virtù rigeneranti. Dalle bacche arancioni e asprigne dell’olivello spinoso si ottiene un olio che è una delle fonti più ricche di Omega 7 in particolare, degli acidi grassi monoinsaturi molto efficaci nella rigenerazione delle cellule epidermiche e rarissimi nel mondo vegetale. Gli Omega 7 sono gli alleati della pelle che hanno bisogno di ritrovare luminosità e turgore. Se nel nostro viso ci accorgiamo della formazione dei piccoli segni sottili (le tipiche rughe d’espressione), possiamo applicare sulla pelle pulita una maschera naturale preparata con 2 cucchiaini di olio di olivello spinoso spremuto a freddo, mescolati insieme a 1 cucchiaino di miele grezzo liquido e 1 cucchiaio di yogurt di capra, lasciamo agire per 30 minuti. Con questa maschera si migliora l’elasticità della pelle e si accelera lo sviluppo di riepitelizzazione. Dopo aver rimosso la maschera con dell’acqua tiepida, applichiamo sulla pelle umida alcune gocce di olio di olivello spinoso miscelato con la punta di 1 cucchiaino di estratto in polvere sempre di olivello spinoso, conosciuto anche come “limone del Nord” per il suo livello di vitamina C, per una dose extra di antiossidanti e flavonoidi. 

 

 

Precedente Impacco speziato al Cocco Successivo Fieno Greco