IL PROF. BOSSI E IL RE LEONE Re Leone Full view

IL PROF. BOSSI E IL RE LEONE

Non so quanti di voi abbiano seguito i programmi televisivi (“Al lupo, al lupo!”, “Generazione X”) e radiofonici (“Tabu'” su Radio 105) che negli anni hanno visto il Prof. Maurizio Bossi, medico andrologo, raccontare con il suo modo garbato, chiaro e diretto, i temi piu’ delicati relativi alla sessualita’ e ai rapporti di coppia. Io sono stata una sua telespettatrice attenta e curiosa ed e’ stato con grande piacere che l’ho recentemente incontrato, grazie ad un comune amico.

Gli ho parlato del mio blog e degli argomenti che tratto, rivolti ad un pubblico di amiche piu’ o meno della mia eta’ (anche se in realta’ mi leggono anche uomini e giovani e di questo ne sono molto felice!).

Il Prof. Bossi mi ha regalato uno spunto di riflessione da condividere con voi, amiche, che trovo molto accattivante: “Come prendere in giro un uomo….perche’ alla fine non possa fare a meno di te!”.

Il ragionamento si gioca tutto sul fatto che nei decenni la figura della donna si e’ evoluta al punto tale da essere diventata l’elemento di forza della coppia. Ma come al solito, questa ipotetica superiorita’ non deve essere smascherata, ma anzi deve essere intelligentemente utilizzata per ridare coraggio e autostima ai nostri compagni.

Nelle sue memorie Casanova diceva che un uomo, per rendere felice una donna, dovesse farla sentire una regina, unica nel suo genere. Ai giorni nostri pare che l’uomo si senta in grande difficolta’ a corteggiare in tal senso la sua compagna, perche’ la donna che ha di fronte, e’ una persona ben piu’ complessa, consapevole e disincantata di quella del passato.

Percio’ ecco che la situazione si ribalta e per rendere un successo l’intesa di coppia, il Prof. Bossi ha una soluzione molto chiara: e’ necessario che sia la donna a fare sentire il suo compagno una sorta di Re Leone!

Stiamo parlando, in particolare, degli uomini della generazione a cavallo del ’68, quelli che sono cresciuti con due input ben precisi: 1) non lo devi fare, 2) lo devi fare, ma cosi’. Questi tipi di diktat sono quelli che bastano per rendere una persona nevrotica, figuriamoci un maschio in crisi di identita’!

Dobbiamo essere molto abili, quindi, a non aumentare il livello di stress emotivo dei nostri compagni, gia’ cosi’ fortemente condizionati dall’educazione ricevuta.

Ricordiamoci, innanzitutto, che il maschio e’ competitivo di natura e non tollera i confronti. Il Prof. Bossi mette in guardia sull’utilizzo di un apprezzamento quale: “Come te, nessuno!”. Quello che sembra essere un grande complimento, scatena immediatamente l’idea di un paragone con gli ex fidanzati, che non tutti gli uomini sono in grado di sopportare.

L’abilita’ della donna, nella sua manipolazione mentale, e’ quella di fare sentire il suo uomo, unico e inimitabile, un Re Leone insomma, evitandogli gli elementi di confronto che lo agitano. Ma allo stesso momento, la donna deve saper tenere il suo compagno sull’attenti, all’erta!

Per cui Re Leone si’, ma ben gestito. Non fate mai intuire al vostro compagno che siete cosi’ perdutamente innamorate di lui da essere scontate. Nessuno si appassiona alle cose scontate e sempre a portata di mano. Alimentate il dubbio, ma siate abili a gestire il suo ego ed il suo bisogno di gratificazione.

Insomma, care amiche, un’altra bella incombenza! Qui si apre un forum di discussione, voglio i vostri commenti, cosi’ vediamo come vi ponete di fronte a questa prospettiva!

Io quasi, quasi rimpiango i tempi dei grandi seduttori, perche’ sentirsi regine e’ una cosa che a noi donne piace parecchio, voi cosa ne dite?

Related Articles

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.