Crea sito

Recensione “Sono il numero quattro” di Pittacus Lore

Sono il numero Quattro Book Cover Sono il numero Quattro
Lorien Legacies, #1
Pittacus Lore
Fantascienza, Young Adult
Nord
2011
Cartaceo/Ebook
383

Siamo arrivati in nove. In apparenza, siamo uguali a voi: vestiamo come voi. parliamo come voi, viviamo come voi. Ma non siamo affatto come voi. Siamo in grado di fare cose che voi non potete neanche sognare. Abbiamo poteri che voi non riuscite neanche a immaginare. Siamo più forti, più veloci e più abili di qualsiasi essere vivente del vostro pianeta. Avete presente i supereroi dei fumetti e quelli che ammirate al cinema? Una cosa del genere, però con una grossa differenza: noi siamo reali. Ci siamo rifugiati sulla Terra e ci siamo divisi per prepararci: dovevamo allenarci, scoprire tutti i nostri poteri e imparare a usarli. Poi ci saremmo riuniti, tutti e nove, e saremmo stati pronti. A combatterli. Ma loro hanno scoperto che siamo qui e adesso ci stanno dando la caccia. Vogliono eliminarci, l’uno dopo l’altro. Così siamo costretti a scappare, a spostarci in continuazione, ad avere paura della nostra stessa ombra. Attualmente mi faccio chiamare John Smith, e mi nascondo a Paradise, in Ohio. Credevo di essere al sicuro, ma ho commesso un errore gravissimo: mi sono innamorato di una mia compagna di scuola. E non potevo scegliere un momento peggiore. Perché loro hanno preso il Numero Uno in Malesia. Il Numero Due in Inghilterra. Il Numero Tre in Kenya. E li hanno uccisi. Io sono il Numero Quattro, lo sono il prossimo…

Recensione “Sono il numero quattro” di Pittacus Lore

 

Un anno dopo aver visto il film “Sono il numero quattro” ho scoperto che è tratto da un romanzo di Jobie Hughes e James Frey, che scrivono sotto lo pseudonimo di Pittacus Lore. Sono il numero quattro è il primo libro di una saga di fantascienza per ragazzi di nome Lorien Legacies.

Il libro mi è piaciuto. Inizialmente non ero molto coinvolta, non mi piaceva poi così tanto. Non fino al punto di smettere di leggerlo, ma non mi ha convinta molto nella prima parte. Lo trovavo un po’ monotono. Poi, però, iniziano i ricordi di John Smith (il numero quattro) sul suo pianeta natale, Lorien, e ho iniziato a entrare nel vivo della storia.
La narrazione è in prima persona. Le frasi sono brevi e il lessico non è per niente complesso, per cui rende la lettura molto scorrevole. Magari, in alcuni punti, è in un infantile, ma d’altronde si tratta di un romanzo per ragazzi!
Ho apprezzato molto la nota descrittiva iniziale dell’autore, dove, Pittacus Lore, dichiara di essere uno degli Anziani del mondo di Lorien e di essere qui sulla terra, prossimo alla conquista da parte dei Mogadorian. Però, a parere personale, avrei preferito che la storia fosse narrata in terza persona e che il narratore fosse proprio Pittacus Lore, e non il Numero Quattro. Quanto meno, in alcuni punti..Magari con dei flashback, in modo da farci capire com’era la vita su Lorien.
Molto commovente gli ultimi due capitoli.. Ho pianto come una bambina!

Hai letto questo libro? Lascia un commento qui sotto per farci sapere cosa ne pensi!
Seguici anche su Facebook sulla pagina Mi trovi tra le righe!

Pubblicato da Clarissa

Sono una lettrice compulsiva. Divoro ogni genere di libro: dalla rivista scandalistica, all'enciclopedia che ho nella libreria. Amante sopratutto del genere distopico e dei romanzi divertenti.

3 Risposte a “Recensione “Sono il numero quattro” di Pittacus Lore”

  1. Ciao, ho visto il film 2 volte ma non ho mai letto il libro, di solito prima leggo il libro e dopo vedo il film ma mi hai incuriosita, credo che farò uno strappo alla “mia regola” e leggerò questo libro, grazie 😉

      1. Non ho dubbi, io trovo che i libri siano sempre più belli dei film, hanno mille particolari che solo la lettura può farti vedere, nel film si perde sempre qualcosa, poi vuoi mettere immaginare … immaginare i volti, le espressioni, i luoghi …… 🙂

I commenti sono chiusi.