Recensione “Freddo come la pietra”, seguito di “Caldo come il fuoco”, della Armentrout

Layla Shaw deve rimettere insieme la sua vita andata in pezzi: impresa non facile per una ragazza di diciassette anni, praticamente certa che le cose non possano andare peggio di così. Il suo migliore amico, Zayne, straordinariamente bello, è da considerare off-limits, a causa del misterioso potere che da sempre affligge Layla: il suo bacio è in grado di rubare l’anima di chi lo riceve. Fuori questione, quindi, l’idea di poterlo baciare. Inoltre, il clan dei Warden, che l’ha sempre protetta, comincia a nascondere segreti pericolosi. E per finire, Layla non vuole pensare a Roth, sexy e trasgressivo principe dei demoni, che riusciva a capirla come nessun altro. Ma talvolta toccare il fondo è solo l’inizio. Perché all’improvviso i poteri di Layla iniziano a crescere e le viene concesso un assaggio di ciò che finora le era sempre stato proibito. Poi, quando meno se lo aspetta, Roth ritorna, con notizie che potrebbero cambiare il suo mondo per sempre. Sta finalmente per ottenere quello che ha sempre desiderato ma il prezzo potrebbe essere più alto di quanto Layla è disposta a pagare.

71CH11hHMZL._SL1500_

Titolo: Freddo come la pietra (The Dark Elements, #2)
Autore: Jennifer L. Armentrout
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 7 luglio 2015
Prezzo cartaceo: €14,90
Prezzo ebook: €7,90
Pagine: 463
Genere: Paranormal Romance

Dopo aver adorato Caldo come il fuoco ho aspettato impazientemente l’uscita del seguito. Freddo come la pietra è disponibile in libreria dal 7 luglio 2015 in libreria.
Il romanzo inizia dove si è concluso il primo, a distanza di due settimane. Roth è sparito, ingoiato dalla trappola del Diavolo, costretto a patire le pene dell’inferno per non si sa quanto tempo. Layla è rimasta sola con Zayne e Bambi, “l’animaletto” demoniaco di Roth.
Mentre in Caldo come il fuoco ho avuto l’incessante desiderio di vendere l’anima a qualcuno pur di stare sempre attaccata al demone più sexy degli inferi, in questo secondo romanzo sarei disposta a vendere qualcosa anche per Zayne. Mr. Roccia, infatti, si decide a tirare fuori gli attributi (e non solo in senso figurato) nei confronti del padre. Si ribella al capoclan pur di proteggere Layla e questo me l’ha fatto apprezzare davvero tanto, tant’è che fino alla fine sono stata veramente combattuta su chi volere di più! Zayne inizia a mostrarsi, a rendere chiari i suoi sentimenti verso la sua Laylina, la bambina che da un pezzo non vede più come una semplice sorella.
Ci voleva un romanzo incentrato sull’altro lato del triangolo amoroso. Ovviamente Roth non manca, ma diciamo che entra veramente in scena solo verso la fine del romanzo.
Insomma. un degno romanzo del suo predecessore. Scritto bene, ricco di azione e colpi di scena. Non ha deluso le mie aspettative.
Una cosa non mi ha proprio conquistata: il capitolo finale, a mio avviso veramente futile. Infatti, se fosse stato scritto dal punto di vista di un altro protagonista, avrei veramente apprezzato. Non dico altro per non farvi spoiler!
Freddo come la pietra, sicuramente, ha delle scene molto più sensuali di Caldo come il fuoco, ma niente di “scandaloso”. Consigliatissimo!