Crea sito

Recensione Chosen, di P.C e Kristin Cast: il terzo capitolo de La casa della notte

Mi chiamo Zoey Redbird, ho una mezzaluna blu tatuata sulla fronte – il Marchio che contraddistingue i vampiri – e oggi compio diciassette anni. Ma non sono proprio in vena di festeggiare. Essendo una novizia della Casa della Notte, so benissimo che il corpo può rifiutare la Trasformazione e che quindi tutti noi rischiamo di morire da un momento all’altro. Però non riesco ad accettare che questo destino sia toccato alla mia migliore amica, Stevie Rae. Senza contare, poi, che non è morta davvero. È diventata una creatura strana, costretta a vivere nel sottosuolo insieme con altre… “cose” simili a lei. Nessuno mi toglie dalla testa che Stevie Rae possa essere salvata. Il problema è come. Infatti, a ridurla così, è stata nientemeno che la Somma Sacerdotessa, la mia adorata mentore, e questo è un bel guaio, soprattutto perché quella donna legge nel pensiero: se mi confidassi con un insegnante o coi miei amici, lo scoprirebbe subito e di certo farebbe loro del male. A quanto pare, le uniche immuni al suo potere siamo io e Afrodite, la mia peggior nemica, la ragazza più spregevole ed egoista della scuola. Non sopporto l’idea di chiederle aiuto, ma non posso liberare Stevie Rae da sola: quella strega insopportabile è la mia unica speranza…

Titolo: Chosen (La casa della Notte #3)
Autore: P.C e Kristin Cast
Editore: Nord
Prezzo: €16,50
Pagine: 311
Data di pubblicazione: 2010

images

Salve lettori! Come state?
Io sono molto stanca: questa notte sono stata sveglia fino a tardi per leggere le ultime pagine di Chosen, il terzo libro della serie Urban Fantasy per ragazzi La casa della notte, di P.C e Kristin Cast.
Mi sono imbattuta in questa saga perché, in cerca di qualcosa da leggere, sono entrata in libreria e il primo romanzo della serie, Marked (per la recensione clicca qui), era in promozione. Leggendo la trama mi sono incuriosita e l’ho comprato.
Non mi ha entusiasmato: sono dei vampiri diversi da quelli a cui siamo abituati e la storia di per se l’ho trovata un po’ piatta. Nonostante questo, ho preso anche il seguito, Betrayed (la recensione la trovi qui) che è migliore del primo ma anche qui non mi ci sono immersa. Non sto dicendo che i libri sono brutti, sono carini, è comunque sia una lettura piacevole, ma ci sono libri migliori.. Così come ci sono libri peggiori!
Questo terzo romanzo, Chosen, mi ha davvero fatto saltare i nervi! Spesso, durante la lettura, pensavo di abbandonarlo: la protagonista, Zoey, mi faceva innervosire una pagina si e l’altra pure.
Chosen risolve un po’ le vicende che si sono verificate nei primi due libri (non le sto ad elencare, altrimenti vi farei spoiler!), ma ne aggiunge anche altre che si svilupperanno completamente nel quarto libro. Diciamo che Chosen è una sorta di ponte: Zoey risolve determinate cose, ma ha ancora molte vicende da affrontare. Solo fino verso la fine del romanzo, mi sono trovata coinvolta e interessata ad andare avanti. Prima degli ultimi capitoli, infatti, si parla soprattutto dei ragazzi della protagonista, del suo comportamento da ragazza facile e del suo impegno a fidarsi di Afrodite, la ragazza snob della scuola.
Sicuramente Zoey non è perfetta: sbaglia, e anche spesso, perde e ammette le sue sconfitte. A volte, si comporta anche peggio di Afrodite (leggete e capirete..) e questo è sicuramente un punto a favore del romanzo e della saga.
Il libro non è da scartare, sicuramente leggerò il quarto romanzo perché voglio sapere come va a finire tutto ciò.

Pubblicato da Clarissa

Sono una lettrice compulsiva. Divoro ogni genere di libro: dalla rivista scandalistica, all'enciclopedia che ho nella libreria. Amante sopratutto del genere distopico e dei romanzi divertenti.