Crea sito

Recensione “Caldo come il fuoco” di Jennifer L. Armentrout

Il primo bacio potrebbe essere l’ultimo…

Metà demone e metà gargoyle, Layla ha poteri che nessun altro possiede e per questo i Guardiani, la razza incaricata di difendere l’umanità dalle creature infernali, l’hanno accolta tra di loro pur diffidando della sua vera natura. Ma la cosa peggiore, un’autentica condanna, è che le basta un bacio per uccidere qualunque creatura abbia un’anima. Compreso Zayne, il ragazzo con cui è cresciuta e di cui è innamorata da sempre. Poi nella sua vita compare Roth, e all’improvviso tutto cambia. Bello, sexy, trasgressivo, è un demone come lei, e non avendo anima potrebbe baciarlo senza fargli alcun male. Layla sa che dovrebbe stargli lontana, che frequentarlo potrebbe essere molto pericoloso. Ma quando scopre fino a che punto, tutto a un tratto baciarlo sembra ben poca cosa in confronto alla minaccia che incombe sul mondo.

Titolo: Caldo come il fuoco (The Dark Elements, #1)
Autore: Jennifer L. Armentrout
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 18 settembre nello shoponline; 26 settembre in edicola
Prezzo: €6,00

caldo come il fuoco

Jennifer L. Armentrout non delude mai e con questa saga urban fantasy mi ha fatto di nuovo innamorare. Così oltre a Daemon, nel mio cuore ora c’è anche Roth, protagonista maschile di Caldo come il fuoco, primo libro della serie New Adult The Dark Elements.
E’ incredibile, mi piace tutto quello che scrive l’autrice. Riesce a rendere i personaggi così veri da credere, durante la lettura, che esistono davvero. La scrittura è semplice e diretta, l’autrice non fa molti giri di parole per descrivere cosa avviene in quel preciso istante. I personaggi sono descritti veramente bene anche attraverso le azioni che compiono.
L’unica cosa che ho notato è che la storia di Caldo come il fuoco e la storia di Daemon e Katy si somigliano. Roth e Daemon sono pressoché gemelli, caratterialmente parlando, così come Katy e Layla.
Spero che nel secondo romanzo della serie, le due storie si distacchino, perché in certi punti mi sono ritrovata a leggere di nuovo Obsidian.
Oltre a questo piccolo dettaglio che ho notato, il romanzo mi è piaciuto. Mi ha coinvolta immediatamente e nel giro di un paio di giorni l’ho finito (purtroppo). Ora non so quanto debba aspettare per il seguito, ma spero che per la fine dell’anno riesca a sapere come continua questa storia.
I colpi di scena non mancano, così come le battute di spirito. Layla è una ragazzina per niente timida, che dice le cose come stanno senza giri di parole ne peli sulla lingua. Roth è il tipico ragazzaccio in grado di far innamorare tutte noi ragazze dal cuore sognante: bello, pieno di tatuaggi e piercing, misterioso, un ragazzo che sta sulle sue e spavaldo, ma anche tanto premuroso nei confronti di chi gli è caro.

Ah, vi avviso: preparatevi a piangere, soprattutto nel finale! Buona lettura! 😉

Pubblicato da Clarissa

Sono una lettrice compulsiva. Divoro ogni genere di libro: dalla rivista scandalistica, all'enciclopedia che ho nella libreria. Amante sopratutto del genere distopico e dei romanzi divertenti.