Non mi dimetterò mai dal tentativo di essere felice.

Rassegnazione e mancanza di volontà. Li appenderei ad un muro come bersaglio e ci tirerei così tante freccette finchè diventerebbero illegibili.
Ecco, immaginate la nostra vita così. Ognuno di noi ha infinite freccette tra le proprie mani per ribaltare in ogni momento ciò che non va.

Vivere senza tentare, significa rimanere con il dubbio che ce l’avresti fatta.
(Jim Morrison)

Abbiamo sempre tre step da affrontare per raggiungere il successo: provare, ritentare ed insistere. Spesso nei primi due i tentativi diventano colpi tirati a caso finchè non azzecchiamo quello giusto, quando in realtà della nostra nave dobbiamo sempre saperne indirizzare il timone.

I buoni propositi non bastano, sarebbero come degli assegni emessi su una banca dove non abbiamo conto corrente. Ma cosa serve veramente per valicare il terzo fondamentale step?

“Il coraggio era anche quello. Era la consapevolezza che l’insuccesso fosse comunque il frutto di un tentativo. Che talvolta è meglio perdersi sulla strada di un viaggio impossibile che non partire mai.”
(Giorgio Faletti)

Il coraggio deve annientare qualsiasi paura. Fallire non piace a nessuno, ma se troviamo veramente ciò per cui ci brillano gli occhi, che abbia il nome di una persona o la soddisfazione di riuscire in un lavoro che tale non sarà mai, allora non saranno mai errori ma tentativi reiterati di felicità.

Per esperienza personale vi assicuro che tramuterete l’ansia di sbagliare nella voglia di sbatterci la testa quando quella che credete sia l’ultima chance in realtà è solo il penultimo tentativo.

“Posso accettare di fallire, chiunque fallisce in qualche cosa. Ma non posso accettare di non tentare.”
(Michael Jordan)

Avete lo 0,000001% di possibilità di riuscire? Chi se ne. A quanti di voi sarà capitato di temere un esame impossibile per chiunque e puntualmente il vostro impegno era lievitato così tanto da superarlo al primo colpo? Più avremo paura, più ci affideremo alle nostre forze, più facilmente i tentativi diventeranno certezze.

Il viaggio è nella testa – JEREMY

Precedente Venerdì 13? Macchè, c’è la Luna piena del raccolto! Guardate il cielo! Successivo Davanti alle tue frecciatine, mi avvalgo del diritto d’infischiarmene!

Lascia un commento