A.A.A. Cercasi principe azzurro, possibilmente non blu sbiadito.

Ah, le favole. Ah, i castelli incantati. Ah, il principe azzurro. Ok, può bastare. Nel 2019 alzi la mano chi ancora crede nel principe azzurro. Non siate timide o ipocrite, perché qualcuna lo fa ancora. Ma ovviamente a modo suo. Ovviamente senza più una blusa con le maniche a sbuffo, sopra una terribile calzamaglia.

Viviamo in un’epoca in cui le donne sono indipendenti, sanno badare a sé stesse e si realizzano completamente a prescindere da un bel fusto su un cavallo bianco pronto a salvarle nel momento del bisogno.

“Nessuna donna si sveglia al mattino dicendo: «Dio, spero tanto di non essere rapita dal principe azzurro oggi». Ecco, potrebbe dire: «Mah, è un gran brutto momento per me». Oppure, qualcosa come: «Ho solo bisogno di spazio». O la battuta che preferisco: «Sono tutta presa dalla mia carriera per ora». Voi ci credete? E neanche lei.”
Will Smith

A volte – tra il mix degli impegni o i disegni del destino – un uomo lo si incontra. E allora perché non fantasticare, senza mai esagerare. Come potrebbe essere oggi l’uomo dei sogni?

Evitiamo il classico “uomo semplice” e poi basso no, con la barba no, con la pancia no, non troppo appiccicoso, non troppo serio, un principe azzurro, ma non troppo azzurro. Non prendiamoci in giro, ognuna di noi sa benissimo cosa cerca e altrettanto bene sa che il mondo è popolato sempre più da uomini che non lavorano più come i loro padri e si depilano come le loro madri.

“Care donne, l’unica cosa da cui abbiamo bisogno di essere salvate è l’idea che abbiamo bisogno di essere salvate dal Principe Azzurro.”
Mandy Hale

Alcune replicheranno “quanti rospi dovrò baciare ancora per trovare quello giusto?”. Il problema sta proprio qui. Se conosciamo bene noi stesse, non abbiamo bisogno di altri rospi. Affettuoso o stronzo, romantico o insensibile e mille altre qualità si riconoscono subito, anche dopo un semplice ciao. E questo non basta, perché dobbiamo mettere in conto che non siamo nate come principesse, ma è la persona giusta a farci sentire tale.

Abbattiamo schemi e prototipi di uomini ideali, di liste da soddisfare perché non va mai così. Il principe azzurro non è altro che un normalissimo uomo di cui arriveremo ad amare anche i difetti, perché non conterà più come sarà lui ma come ci farà sentire con lui accanto.

“Non esiste alcun principe azzurro.
Ma se potete accettare che non sia azzurro e che non sia principe, forse lo troverete.
O lui troverà voi.”
pea_terrible, Twitter

Il viaggio è nella testa – Riproduzione riservata

Precedente Capricciosa, testarda, lunatica, ribelle... ma sempre me stessa, mai copia degli altri. Successivo Amico, se ami i suoi particolari, la ami per davvero!

Lascia un commento