Chain smoke – Il Blog Tour

Oggi partecipiamo al Blog Tour di Chain Smoke, un libro scritto da Maggie Solomon e L.R. Jackson. La nostra tappa riguarda i personaggi di questa storia davvero particolare. Scopriteli con noi!

Intanto la trama di Chain Smoke:

Chain smoke

Un proiettile può cambiarti la vita per sempre.

Colin Myers, ex membro dei reparti speciali, lo sperimenta sulla propria pelle durante un attacco terroristico in Afghanistan. Menomato a vita, tormentato da incubi terribili e senza mezzi di sostentamento, inizia a lavorare per un signore della droga di La Sierra, una città dimenticata da Dio e dalla legge. Ed è qui, circondato da prostitute e criminali, che Colin cerca di rifarsi una vita, anche se dell’uomo che era un tempo ormai è rimasto ben poco. Ma il destino, ancora una volta, si mette di traverso. Una talpa della DEA sta spiando ogni loro mossa, e tocca a lui scovarla prima che sia troppo tardi. Per riuscire nella sua missione l’uomo chiede aiuto a Max, un ragazzo che si prostituisce sulle strade di La Sierra. Cinico e diffidente di natura, Max nota però in Colin qualcosa che non ha mai visto, e per la prima volta le sue convinzioni vacillano. Ma fidarsi di lui è una mossa saggia, o solo un grosso errore?
Chain-smoke è la storia di due anime spaccate che si trovano per caso, di vite che si scontrano con violenza, incasinandosi a vicenda in una città che inghiotte in un buco nero tutto ciò che trova.

Il conto alla rovescia è iniziato: la caccia all’infiltrato è aperta.

E ora vediamo i personaggi!

Max (cognome ignoto), 25 anni

“Se Dio esistesse forse non sarebbe nemmeno così male, avere qualcuno che dice una preghiera per te quando va in chiesa. Ma visto che non esiste il problema nemmeno si pone.”

Chain smoke
Le illustrazioni complete sono all’interno di Chain-Smoke. Siete curiosi?

Dal suo aspetto sembra più giovane, dovuto alla propria altezza e al fisico magrissimo, questo ragazzo lo si può trovare a il Buco, una delle strade più frequentate di La Sierra, California, dal tramonto all’alba. Dall’alba al tramonto invece lo si può trovare nel quartiere delle Baracche, in coma dopo un’intera nottata di lavoro. Di lui la prima cosa che si nota sono gli occhi azzurri e la luce fredda. Subito dopo vengono le lentiggini. Testardo, indipendente e con un buon cervello, Max possiede inoltre una lingua velenosa, letteralmente un’arma a doppio taglio per chi vive in una città come La Sierra. Fumatore accanito e scroccone patologico di sigarette, per lui il risparmio non è solo una necessità, ma uno stile di vita: cerca sempre un modo per mettere da parte qualche dollaro, aiutato anche dalle sue abilità come taccheggiatore. Pessimo cuoco, riesce a sopravvivere grazie a piatti pronti e prodotti surgelati di qualche supermercato, ma visto che non ha molto senso del gusto non lo vede come un problema.

Colin Myers, 35 anni

“Non è la gamba il mio problema. Quello è solo dolore fisico. Stressante, ma non il peggiore. (..) La cosa peggiore sono gli incubi.”

Chain smoke
Le illustrazioni complete sono all’interno di Chain-Smoke. Siete curiosi?

Madre giapponese, padre americano, ha fatto della mania ossessiva compulsiva per l’ordine uno stile di vita. Casa sua è pulita in modo maniacale. Ha poche cose, ma belle. Adora il bagnoschiuma al sandalo e.detesta qualsiasi cosa contenga anche solo un po’ di zucchero.

Vive come un criminale ma pensa come un soldato, il suo modo preferito di rilassarsi è sparare a lattine vuote in un motel dimenticato da dio. Soffre come un cane a causa di una ferita riportata in guerra, quando ancora faceva parte dei reparti speciali, e non dorme un sonno decente da anni. Dopo essere caduto in rovina a causa di un attentato in Afghanistan e senza una pensione di invalidità, inizia a lavorare per un signore della droga a La Sierra

È alto un metro e novantadue e questo gli rende impossibile passare inosservato, ma lui prova lo stesso a confondersi con la tappezzeria, trascurando completamente il suo aspetto fisico. Parla poco ed è scontroso come una iena. Adora la birra ma tollera male l’alcool.

Ryan, 36 anni

“Se non ti è chiaro qui sono io a fare le domande. (…) Credevo fossi abbastanza furbo da ricordartene.”

chain smoke
Le illustrazioni complete sono all’interno di Chain-Smoke. Siete curiosi?

Figlio di uno stupro, iperattivo e vittima di violenze fisiche da parte della madre, Ryan è cresciuto per diventare un uomo instabile, pericoloso, senza un briciolo di morale in corpo. Dipendente da qualsiasi tipo di droga esistente, lavora come sicario per Rick Espersen, signore della droga di La Sierra, assieme a due bestioni che gli fanno da braccio armato.

Inaffidabile, instabile mentalmente e crudele, ama però gli animali esotici, soprattutto il suo serpente Noodle.

Leonida “Leo” Aguayo, 31 anni

“Lo sai che puoi fare tutte le domande che vuoi, sì? Se chiedi risponderò.”

chain smoke
Le illustrazioni complete sono all’interno di Chain-Smoke. Siete curiosi?

Viso amabile, sorriso affascinante sul quale si formano due piccole fossette ai lati della bocca, Leonida è un chico messicano in tutto e per tutto, oltreché uno spacciatore con un lato romantico, anche se non gli piace che si venga a sapere in giro. Ha un tatuaggio sul collo e uno sul braccio, un taglio di capelli curato e un pizzetto che si pareggia ogni mattina per evitare di vederlo crescere in modo disordinato. I posti migliori dove trovarlo sono le strade del quartiere di Arlanza, a La Sierra, aspettando che qualcuno si compri una dose. L’altro è il Secret Inn, uno squallido motel dove di solito porta uno dei ragazzi del Buco con cui passare la notte.

“Lily” Kozlov, 28 anni

“Tutte le volte che cerchi di farmi smettere mi fa male. Non riesco a dormire, non riesco a pensare… dammene un po’.”

Chain smoke
Le illustrazioni complete sono all’interno di Chain-Smoke. Siete curiosi?

Lily è un’anima perduta da tempo, prigioniera di un corpo che non è il suo e schiava di una felicità artificiale indotta da crack e metamfetamine. Ha un fisico ossuto che sembra divorato da una tremenda malattia, ma in realtà è solo denutrito a causa dell’assunzione continua di droghe. Ha occhi slavati e tristi come quelli di un cucciolo maltrattato, una pelle che sembra fatta di carta velina tanto è sottile, segnata ovunque da piaghe e vesciche. I capelli sono scuri e ispidi, tagliati a zero e nascosti sotto una parrucca bionda, visto che si vergogna ad andare in giro con la testa rapata.

Inoltre, il caschetto ordinato lo fa sentire più vicino a quello che si è sempre sentito di essere, nel profondo: una donna.

 Instabile e debole, irascibile e bisognoso, Lily vive le proprie giornate in funzione della prossima dose e di Max, il suo unico appiglio alla realtà, l’unico che continua a rimanergli vicino, nonostante continui a mandarlo nel rifugio per senzatetto appena fuori città, ogni volta che deve lavorare. Lily odia quel posto, odia la gente che c’è lì dentro, odia l’odore del disinfettante… e odia sua madre. Sua madre è la peggiore, perché l’ha abbandonata per andarsene a Los Angeles, promettendole i soldi per realizzare il suo sogno e potersi finalmente operare, ma la donna non le ha mai inviato nulla in tutti questi anni. E Lily la odia. La odia davvero.

Millie, 32 anni

“Si tratta sempre di lui” (…) “Mi è entrato qui e si rifiuta di andarsene.”

Mamma single e piena di debiti, lavora come cameriera in uno dei locali più squallidi della città, il Loop. Cerca di placare i sensi di colpa per la vita che conduce facendo da volontaria in un rifugio per senza tetto. Innamorata pazza di Colin, con cui ha avuto una breve relazione, Millie è forse l’unico personaggio davvero buono in tutta la storia.

Chain smoke

Gli studi sui personaggi sono stati creati da Simona Fabrizio e sono semplicemente meravigliosi. I dettagli su Millie sono già stati resi pubblici sui social dalle due autrici quindi abbiamo pubblicato l’immagine per intero anche noi, mentre tutte le altre sono una sorpresa per chi comprerà il libro. Io ho avuto il piacere e il privilegio di vederle tutte perché ho preparato la grafica per il Blog Tour e sono rimasta a bocca aperta! Direi che questo è un altro buon motivo per non lasciarsi sfuggire il libro, no?

Concludo con il calendario delle altre tappe:

Chain smoke

Tenete d’occhio la pagina delle due autrici (Maggie Solomon e L.R. Jackson) perché è in corso anche un giveaway e in palio c’è proprio una copia cartacea di Chain-Smoke

Se non volete tentare la sorte, ma volete essere sicuri di avere Chain-Smoke nella vostra libreria, cliccate qui.

Resta connesso. Segui la nostra pagina Facebook e iscriviti alla newsletter, in modo da non perderti nemmeno una novità.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.