Non so quanti di voi abbiano letto il post riguardo la mia esperienza d’acquisto sul sito WeMakeup, ma oggi è giunto il momento di parlarvi un po’ degli AS eyeshadow. In questo post cercherò anche di mostrarvi gli swatch dei singoli ombretti e qualche comparazione. Non mi dilungherò sulle cialdine e come arrivano incartate, in quanto ne ho parlato abbondantemente nel post che vi indicavo prima. Una delle pecche principali di queste cialdine, a detta di quasi tutti, è che sul fondo non hanno un’etichetta con scritto il numero. Personalmente io mi sono ingegnata con un pennarello indelebile e l’ho scritto sotto.

Prima di iniziare a parlarvi degli ombretti vi lascio qualche info tecnica. Gli AS eyeshadow hanno un peso di 1,2g per un costo di 5€ ciascuno. La maggior parte è indicata come Wet&Dry, per cui possono essere usati sia da asciutti che da bagnati, eccetto qualche opaco. WeMakeup ha creato 5 tipologie di ombretti. Io ne ho acquistato almeno uno per tipolgia per cui ve li dividerò e ve ne parlerò per categoria. Tra l’altro WeMakeup è appena uscita con altre due colorazioni: una matte, Dark Rose ed una shimmer, Rose Gold.

Nude Matte

Ombretti matte dai colori naturali e nude, dai più chiari al nero, passando per i taupe, i rosini e gli ocra. Per questa tipologia ho scelto i numeri 105 – 112 – 117 – 121. Pur trattandosi di cialde opache, hanno tutti una texture estremamente burrosa e sono belli pigmentati. Tendono leggermente a spolverare in cialda quando vengono a contatto con il pennello, ma non ho mai riscontrato problemi di fallout. In particolare questi mi piace utilizzarli nella piega dell’occhio per creare dei colori di transizione.

105 Marroncino Nocciola Freddo

Lui è quello che utilizzo di più in assoluto tra gli opachi che ho selezionato. Lo sfrutto sia per look più costruiti, che per look semplici del genere ombretto nella piega + ombretto luminoso + eyeliner. Non è un colore introvabile eh, però io di simili non ne posseggo, per cui niente comparazioni.

112 Rosa salmone con una punta di giallo caldo

Nel mio stash è un colore totalmente inedito, sia perché non è un colore che trovo mi doni particolarmente (specie sulla palpebra mobile), sia perché non ho mai sentito particolarmente l’esigenza di avere un colore del genere. Ultimamente, però sto sperimentando parecchio e ho pensato che avere un colore del genere mi sarebbe tornato utile. Ed ho fatto bene, perché mi sono ritrovata ad utilizzarlo più di quel che pensassi.

117 Caramello con una punta di marrone caldo

Amo questo colore. Un misto tra un caramello ed un giallo senape che decisamente mi mancava. Generalmente lo uso per le transizioni mischiato ad altri colori nella piega in modo da costruire un gradiente. Sulla mia palpebra in realtà appare meno giallo e più aranciato, ma mi piace comunque un sacco.

121 Marrone scuro cioccolato con punta rosso caldo

Questo qui l’ho usato poco e niente per fare le transizioni nella piega, mentre l’ho usato tanto per dare una maggiore definizione nella V esterna dell’occhio. E’ comodo anche per dare definizione all’attaccatura delle ciglia superiori.  E’ bello scuretto e tra i vari opachi, sia nude che colorati, trovo che sia quello più difficile da sfumare. Va applicato davvero a piccole dosi, perché una volta che è sulla palpebra, poi sfumarlo senza fare chiazza è un’impresa ardua. Di questo non vi ho messo comparazioni, non perché io non possegga colori simili, ma semplicemente perché è un colore che bene o male, tra le e gli appassionati si trova facilmente.


Color Matte

Ombretti opachi dai colori decisamente più vivaci. Sono disponibili per lo più colorazioni sui toni del rosa-viola e del blu e verde. C’è solo un giallo e secondo me potrebbe/dovrebbe essere inserito qualche altro colore tipo il rosso e l’arancio. Per questa tipologia ho acquistato il 131 – 140 – 141.

131 Viola rosso intenso dal sottotono freddo

Questo viene descritto viola rosso intenso dal sottotono freddo, personalmente lo percepisco come un color bacca dal sottotono caldo. In cialda effettivamente sembrerebbe avere un sottotono freddo, ma usato – quanto meno su di me – spicca fuori il sottotono caldo e non solo nello swatch. Vi lascio anche una foto di un look in cui l’ho usato nella piega, in modo che possiate vederlo anche voi. E’ un colore bello pieno anche lui e se usato per aggiungere definizione ad un look è molto interessante, se però l’intenzione è quella di farci ad esempio uno smokey eyes o usare solo lui nella piega, necessita di un occhio in più, perché risulta difficile da sfumare, pur non facendo macchia.

Una nota positiva è che non tende a perdersi una volta sfumato con altri colori per la transizione. Un’altra nota positiva è data anche dal fatto che non macchia la palpebra di rosso/fucsia, cosa che a volte con colori del genere può capitare.

Nel look ho usato anche i colori 308 – 403

140 Verde petrolio dal sottotono freddo

In realtà possedevo già un colore del genere, ma non mi convinceva appieno per cui ho deciso di prenderlo. Neanche questo mi ha totalmente soddisfatta. A differenza di quello che già possedevo si sfuma senz’altro con più facilità. Il problema è che sfumandolo tende a perdersi un sacco, per cui bisogna ritornarci su e procedere per fasi se non si desidera giusto un leggero alone verdino.

141 Verde militare scuro dal sottotono caldo

Delusione cocente per questo ombretto. Lo avevo acquistato proprio perché un colore del genere non lo avevo neanche lontanamente nel mio stash. Swatchandolo è bellissimo, è proprio come in cialda. Il problema è quando lo applico sull’occhio. Praticamente non sembra verde, ma un nero sbiadito. Vi aggiungo una foto di un look che ho realizzato per farvi capire. Nella foto del look è il colore che vedete nella parte esterna della palpebra mobile: praticamente di verde non ha nulla. E la stessa cosa mi è capitata anche ogni volta che ho provato ad utilizzarlo lungo la rima inferiore.

Nel look ho usato anche i colori 117- 302 – 304

Shimmer

Si tratta appunto di ombretti dal finish shimmer. In questo caso le colorazioni sono pochine, per lo più sull’oro-rame, un paio sul rame ed un grigio. Visti i millemila ombretti shimmer e viste le poche colorazioni, ho optato per un solo colore, il 207.

207 Grigio medio scuro

Credevo fosse un po’ diverso dai colori che già posseggo, ma in realtà non è particolarmente diverso, anzi. La texture della cialda, rispetto a quella degli ombretti della stessa palette è leggermente meno morbida, più secca. Si tratta di un colore molto elegante e che si fa comunque notare se ben usato sulla palpebra mobile. Rispetto all’ombretto della palette di Essence (ormai fuori produzione) è più pieno e scrivente, mentre Silver smoke della palette Flawless di Revolution, ha una nota più calda e quasi taupe al suo interno.


3D Metal

Con questi si spazia un po’ di più in fatto di colorazioni. Il finish di questi è spettacolare: hanno dei riflessi pazzeschi, sembrano appunto metallici. Con questi mi sono data un po’ più alla pazza gioia nella scelta dei colori. Infatti ho acquistato i numeri 302 – 304 – 307 – 308 – 310.

302 Rosso magenta

Premesso che amo questo colore, ma in ogni caso la descrizione è totalmente fuorviante. Non si tratta di un rosso magenta in primis, per di più le foto degli swatch su palpebra disponibili sul sito sono totalmente diversi dal colore reale e dallo stesso mini video pubblicato da loro. E’ un rosso caldo dai riflessi pazzeschi, ma di sicuro non è un rosso magenta. A vederlo, credevo che Compilation di Neve Cosmetics fosse lo stesso. In realtà quest’ultimo si è rivelato molto più trasparente e ramato.

304 Oro scuro

Ero consapevole di non avere colori del genere, ma ero convinta anche che alcuni dei colori presenti nella palette Flawless ci si avvicinassero. E invece no, mi sono dovuta ricredere. E’ proprio il classico color oro giallo che cercavo. Tuttavia non mi ha totalmente soddisfatta per la texture della cialda. Per essere morbida lo è, però tra tutti è quella che spolvera di più. Per altro fa anche un leggero fallout. E’ proprio come se il colore fosse a “scagliette”, cosa che influisce anche in fase di applicazione, perché per avere un colore pieno ed omogeneo bisogna fare più strati.

307 Verde acqua

Anche in questo caso credevo di avere qualcosa che ci si avvicinasse, in particolare gli ombretti della palette Original di Sleek. Anche in questo caso mi sbagliavo: The Thames è decisamente più freddo e turchese, mentre E10 è più simile ad un teal. Quetzal di Neve Cosmetics invece è fin troppo chiaro, oltre ad avere riflessi totalmente diversi. In quanto a texture, l’ho trovato molto simile al grigio che fa parte degli shimmer, più secchino e meno morbido. La colorazione è bella, ma per far sì che sia bella piena sulla palpebra devo prelevarlo un paio di volte con il pennello.

308 Viola elettrico

Cosa non è questo viola?! E’ davvero spettacolare. La texture è morbidissima e risulta bello pieno sulla palpebra fin da subito. Credevo si potesse avvicinare ad un ombretto KIKO che posseggo, ma in realtà quest’ultimo è più un prugna.

310 Verde scuro dai riflessi dorati

Questo è un altro colore, a mio parere bellissimo e che bramavo da tempo. Non sono totalmente d’accordo sulla descrizione che ne hanno dato. Per me è un verde a base nera/marrone con riflessi verde oliva. Io i riflessi oro non li vedo da nessuna parte, ma va beh.


Duochrome

Come tutti i duochrome, hanno la base di un colore ed i riflessi di un altro. Io amo questo genere di ombretti e li userei ogni momento, ma mi limito. Di questi ho acquistato il 403 ed il 404. Entrambi hanno una texture morbidissima, più di quella dei 3D Metal e hanno dei riflessi spaziali. Con entrambi ho notato che funzionano meglio su una base asciutta. Mi spiego meglio: ho provato a stenderli, direttamente con i polpastrelli, sia sulla base occhi che sul correttore, ma dopo un po’ i glitterini presenti all’interno tendono a svolazzare e spargersi su tutta la palpebra. Se invece li applico su un ombretto opaco come base, allo stesso modo, reggono decisamente di più. Come il 304, hanno la caratteristica di creare delle “scagliette”, ma a differenza di quello, non fanno fallout.

403 Duochrome con altissima percentuale di perla a base violetto con perla dal multiriflesso oro-verde acqua

Bellissimo a dir poco. Pensate che mia sorella odia i duochrome, ma questo qua piace anche a lei parecchio. Ed effettivamente quando l’ho usato e piaciuto tanto anche nei look che vi ho mostrato su Instagram.

404 Duochrome a base marrone biscotto con perla dal multiriflesso magenta-verde acqua

Lui invece lo amo io, alla follia. Mi ricorda tanto Camaleonte, ma ha una texture meno fine e la base marrone è meno evidente. I riflessi azzurri inoltre sono molto più evidenti. E a differenza di Camaleonte, cambia tantissimo a seconda dell’ombretto su cui si applica. L’ho applicato sul 131 e spiccava tantissimo la componente azzurra, oppure sull’eyeliner nero e risulta un antracite metallico dai riflessi azzurri che spacca.


Performance degli AS Eyeshadow

Non mi sarei di certo aspettata che tutti gli ombretti avessero le stesse caratteristiche. Di norma, creare alcuni colori è più difficile che crearne altri. Per quanto ne ho sentito parlare, anche in maniera entusiasta, però mi aspettavo decisamente qualcosa in più da questi ombretti. Probabilmente avrei fatto bene ad aspettare un po’ di più e avere qualche altra opinione in merito prima di lanciarmi nell’acquisto, ma l’hype era tanto ed anche la voglia di farmi un autoregalo.

Sulla scrivenza, a parte qualcuno che vi ho indicato, non ho nulla da dire. Sono estremamente pigmentati e scriventi. Con alcuni, come vi ho detto, ho avuto qualche problema in fase “sfumatura/stesura”, ma a parer mio il problema principale non è neanche questo. Il grosso problema che ho riscontrato è che questi ombretti su di me, non lavorano bene insieme.

Ho iniziato i test, cercando di usarli il più possibile insieme, ma ogni volta, nonostante cambiassi il contorno occhi e utilizzassi una base diversa, i risultati erano pressoché gli stessi. In pratica in fase di sfumatura alcuni tendono a diventare un unico colore (esempio il 117 ed il 112 non creano un gradiente, ma diventano un mappazzone arancione), inoltre ho notato che nel giro di mezz’ora, mi finiscono nella piega diventando un tutt’uno. Vi lascio una foto esplicativa scattata esattamente mezz’ora dopo essermi truccata usando solo loro. Per questo trucco avevo usato il 105 ed il 140 per la piega, il 307 ed il 308 sulla palpebra mobile ed il 310 lungo la rima inferiore. Come si può vedere il 140 è quasi invisibile oltre ad essere svanito nella piega e parte di quelli sulla palpebra mobile si è stampato oltre la piega.

Visto che la cosa mi ricordava tantissimo ciò che si era verificato con la palette Hello lovely di Sephora, ho iniziato a testare gli AS eyeshadow con altri ombretti di altri brand. A quel punto le cose sono decisamente migliorate. La tenuta è nettamente migliorata, ma soprattutto non finiscono con il confondersi gli uni con gli altri quando si sfumano tra loro. In pratica, non funzionano tra loro, mentre funzionano piuttosto bene combinati ad altri. La cosa mi dispiace perché io avevo creato una palette con colori che potessero funzionare bene tra loro e per sperimentare.

In questo modo, però lo trovo molto limitante, ma soprattutto frustrante. Ho palette di Makeup Revolution pagate 10€ con ombretti che, usati tra loro, non mi hanno mai creato problemi del genere, anzi. Visto che il prezzo complessivo della palette non è basso (39€ in sconto), la cosa mi pesa abbastanza, specie considerato che alcuni colori hanno dei difetti non trascurabili (vedi il 140 ed il 142).


Scheda Prodotto

  • Nome: As eyeshadow We Makeup
  • Reperibilità: sito del brand, siti rivenditori del brand
  • Quantità: 1,2g
  • PAO: 12M
  • Prezzo: 5€
  • Pro: prezzo, pack accattivante, gamma colori e finish, i 3D metal ed i duochrome hanno splendidi riflessi, la texture delle cialde è burrosa, ben pigmentati
  • Contro: alcuni colori sulla palpebra non hanno una resa ottimale, combinati tra loro non funzionano

Li consiglierei?! Nì. Alcuni colori sono decisamente validi e vale la pena provarli ed averli, altri sono un flop su vari fronti. Se volete sapere se vale la pena crearsi una palette da usare da sola per quando vi spostate o da avere sempre a disposizione per trucchi in velocità al mattino, vi dico assolutamente no. Piuttosto scegliete delle cialde singole e inseritele in altre palette magnetiche che già possedete con altri ombretti.

E questo è quanto gente. Questo post è venuto chilometrico, ma era necessario dirvi tutto ciò che pensavo di questi ombretti. Voi li avete provati? Come vi ci siete trovati? Fatemi sapere 😉

Cerchi informazioni su ombretti validi? Allora leggi anche: