Prodotti Terminati Gennaio 2019 & Rolling Project10Pan

Siamo ormai a fine gennaio, per cui è decisamente tempo di aggiornarvi sui prodotti terminati di gennaio e su come procede il mio Rolling Project10Pan. Fino a metà mese sembrava stessi procedendo a rilento, invece devo dire che poi ho avuto le mie belle soddisfazioni. Iniziamo, così non vi tedio troppo.

Bagnodoccia Pesca Nettarina Bottega Verde. A differenza della versione Uva Rossa, ne ho apprezzato maggiormente il profumo. Il potere schiumogeno mi è sembrato leggermente migliore, ma ho notato che a contatto con il guantinio esfoliante, tende a diminuire tantissimo, per cui meglio usarlo “libero”.

Campioncino Detergente intimo Marvinia. Mi è bastato per due utilizzi e non l’ho trovato affatto male. Era delicato al punto giusto e per nulla aggressivo. Credo che la full size sia acquistabile in farmacia e parafarmacia.

Shampoo Antica Erboristeria per capelli grassi. Ho perso il conto di quanti flaconi ne ho consumati da quando l’ho riprovato. Per ora non lo ricomprerò perché ho altri shampoo da terminare e altri da provare.

Primer Loose Powder Purobio. Acquistato per curiosità, ma si è rivelato un flop su molti fronti, tant’è che l’ho inserito tra i flop del 2018. Nasce come primer, ma in molte lo decantavano come perfetto anche come cipria. Nel mio caso si è rivelato un prodotto tra l’inutile e l’appena sufficiente come primer, come cipria, come fissativo per il correttore. L’unica cosa che gli riusciva bene su di me era opacizzare i rossetti, ma a quel punto tanto vale usare il trucchetto della velina e della cipria. L’odore comunque era molto gradevole, vanigliato, sembrava un po’ quello dei confetti.

Crema mani nutriente Lovea. Ve ne ho parlato abbondantemente nel post confronto con altre creme mani. E’ una crema mani economica, dal rapido assorbimento e dal profumo che ricorda tantissimo i prodotti al tiaré che si usano in estate. Dal punto di vista dell’idratazione è sì valida, ma non la riacquisterei. Trovo che ci siano creme mani nettamente migliori sia per ingredienti che per idratazione a cifre leggermente superiori.

Crema mani Bacio sotto il vischio Bottega Verde. Ecco cosa succede ad avere 5 creme mani aperte contemporaneamente. Acquistata nel mio primo ed unico (ad oggi) ordine sul sito Bottega Verde, si tratta di un’edizione limitata natalizia. Credevo mi sarebbe piaciuta di più per la presenza della cannella, ma così non è stato. La nota di pino silvestre che sento prende il sopravvento e non me la fa amare. L’idratazione è giusta, ma se soffrite di pelle secca o le mani tendono a screpolarsi per le basse temperature vi suggerisco di rivolgervi ad altro.

Medium Jar Berry Triffle Yankee Candle. Credevo sarebbe stato impossibile terminarla e invece mi ha abbandonata quando nella jar mancava ancora uno spessore di 2cm. Lo stoppino si è spezzato e non ho potuto far altro che tagliare la cialda, farla a pezzi e riscaldarla per profumare gli ambienti. Ho pulito per benino la jar, ma ancora non so bene come riutilizzarla.

I soliti noti

Rolling Project10Pan

Il mio Rolling Project10Pan continua. A rilento, ma continua! Ecco gli aggiornamenti.

#1 Palette 8in1 Avon Neutral Tones. Ad oggi le ultime tre cialde rimaste, sono tutte bucate, ma credo che per terminarli ci vorrà ancora tanto tanto tempo.

#2 Mini taglia mascara The Color Workshop. Ve ne avevo anche parlato nei preferiti di ottobre. E’ praticamente agli sgoccioli e conto di terminarlo per febbraio-marzo.

#3 Fondotinta Labo Suisse Makeup Ivory*. Mi resta un quarto del flacone da terminare. Spero di riuscire a farlo fuori nei prossimi mesi, anche perché dovrei terminare altri due fondi che ho aperti da un po’ troppo.

#4 Illuminante Protection Palette Makeup Revolution. La cialdina sta per essere bucata, ma per finirlo del tutto ci vorrà forse dicembre, ma anche oltre. E’ una cialda bella grossa e mi verrà a noia, me lo sento.

#5 Bio-oil*. Oramai rimangono davvero poche gocce di questo olietto. In ogni caso, terminato lui mi toccherà far fuori gli altri campioncini dello stesso che mi restano.

#6 Blush pesca satinato Yves Rocher. Rispetto agli altri due blush del brand che ho fatto fuori, questa cialdina mi sta piacendo meno. Essendo più chiaro, tende a svanire più velocemente sul viso. Da una parte è un pro, visto che mi tocca farne più passate per renderlo più visibile e (in teoria) dovrei finirlo prima.

#7 2in1 eye pencil Gold green Astor. La sto utilizzando più spesso, specialmente la mattina quando vado di fretta per andare a lavoro, perché mi permette di creare un look abbastanza carino senza perdere troppo tempo. In ogni caso sta ancora difendendosi bene ed impiegherò mesi a terminarla.

#8 Mini taglia Moment de Bonheur Yves Rocher. Questa fragranza non mi fa impazzire e si vede. Non posso dire che non mi piaccia, ma non è tra le mie preferite e ciò mi porta ad usarlo davvero poco. Cambiamenti evidenti non ne ho visti dal mese scorso.

#9 Paper della palette Flawless Makeup Revolution. Lui invece sì che mi dà soddisfazioni. Ne rimane davvero poco e conto di terminarlo entro fine febbraio.

#10 Rossetto brillantezza vegetale Yves Rocher Miel doré. Ne resta circa 1cm in altezza, per cui con lui sto andando alla grande. Spero di riuscire a farlo fuori tra febbraio e marzo per poterlo sostituire.


E questo è quanto gente! Come procede con il vostro smaltimento cosmetico? Io spero di recuperare nei prossimi mesi 🙂 

Il prodotto in questione mi è stato inviato a scopo valutativo, le opinioni espresse nel post sono frutto della mia esperienza con il prodotto e restano del tutto personali e trasparenti.

Vuoi rimanere aggiornato sui post e scoprire altro su me e quello che mi passa per la testa? Allora segui la pagina Facebook del blog 😉

Precedente Preferiti Gennaio 2019 | Beauty, Intrattenimento & ogni cosa bella Successivo #Winterinkaos: ecco i 4 look con cui ho partecipato alla challenge

8 commenti su “Prodotti Terminati Gennaio 2019 & Rolling Project10Pan

    • Io quello lo compravo spesso quando ero più piccola, ma non mi faceva impazzire la vecchia formula, invece questa nuova mi è piaciuta un sacco. Non a caso l’ho già riacquistato diverse volte 😀

  1. Parliamone: le giare Yankee come si possono riutilizzare? Io ho messo delle tart in una ma ne ho un’altra e boh… Alla fine è per questo se non ne acquisto XD

    • Ciao Pier! Io credo di sì, una per il momento l’ho riadattata per tenerci le cose che sto testando ultimamente. Comunque ho intenzione di farci un post così può tornare utile a te e altri 😀

    • Come dicevo a Pier sotto la sua review sulle maschere in tessuto di Dr.Jart, ho tanta stima per voi che riuscite a fare le maschere in tessuto con questo freddo XD io non ci riesco proprio. Le maschere normali sì, ma quelle in tessuto no U_U

  2. Quello shampoo all’ortica di Antica Erboristeria esiste da almeno 30 anni, ricordo che lo usava mia cugina quando ero piccola 😀
    E la confezione è rimasta pressoché la stessa, che cosa meravigliosa!!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.