Questo mese di marzo mi è praticamente volato, senza che ci capissi davvero molto. Oggi vi parlo dei preferiti e di un paio di bocciati del mese.  Il fatto che io sia stata molto impegnata in vari ambiti e che mi sia dedicata ad alcuni progetti, che per ora sono in sospeso, ma che mi piacerebbe concretizzare, mi ha dato poco tempo per distrarmi con l’intrattenimento. Per di più nonostante questo mese abbia acquistato diverse cose, non è che mi abbia aiutata granché. Iniziamo, che forse è meglio.

Beauty & Makeup

E’ stato un mese abbastanza tranquillo da questo punto di vista. Mi sono limitata al mio solito trucco per quando dovevo uscire o andare al lavoro, variando al massimo il rossetto. Capirete che quindi non ci sono state grandissime scoperte, se mai più delle riscoperte. L’unica vera scoperta che ho fatto è quella del LipSmacker Kiss Therapy nella versione Superfruit. Vedevo sempre questi balsami labbra su Instagram e quando me li sono trovata davanti alla cassa, non ce l’ho fatta a resistere. In primis hanno un packaging adorabile, che ricorda tanto una grossa pillola e poi la profumazione è qualcosa di incredibile. Sulle labbra scivola che è un piacere, inoltre le lascia morbide ed idratate, senza creare spessore o sbiancare le labbra, cose che io odio. Sto già meditando se provare anche le altre versioni. Ah ha anche il fattore di protezione 30 all’interno.

Altri preferiti del mese sono stati due riscoperte che già avete visto in questi lidi. Il primo è il mascara TotalTemptation di Maybelline*, però nella nuova versione Decadent Black. Di base ha le stesse caratteristiche della versione classica, solo che profuma di cioccolato. Mi ricorda tanto l’odore dei bagnodoccia Aquolina per intenderci. C’è poco da fare, l’effetto che dona alle ciglia già con una sola passata è pazzesco ed io non posso non amarlo. Infatti era già finito nei preferiti della scorsa primavera.

L’altra riscoperta è stato il rossetto megalast Spiked with rum di Wet’n Wild, anche lui finito già nei preferiti, ma della scorsa estate. L’ho usato tantissimo e lo amo, sia per la colorazione intensa, ma non appariscente, sia per la tenuta ottima. E’ uno di quei rossetti che, se dovessi finire, credo proprio riacquisterei, specie per il prezzo che ha.

I bocciati

Ebbene sì, quando mi faccio prendere la mano senza informarmi prima, capita anche a me di beccare delle belle ciofeche. Mi riferisco ai Graphic marker eyeliner di Wet’n Wild, perché io non mi accontento di provarne uno e poi eventualmente prendere un’altra colorazione poi. No, ne ho prese due lo stesso giorno e, a saperlo prima, mi sarei tagliata le mani da sola. Ho preso la colorazione Jetliner Black e la Airliner Blue. La prima perché ho bisogno di un nuovo eyeliner nero, la seconda sostanzialmente perché la colorazione mi intrigava e non posso nascondere che sia bellissima eh.

Il nero, già dall’apertura era piuttosto secco e poco scrivente, quindi meh. Il blu invece per scrivere, scrive, il problema è che ha una scarsa autonomia. Il primo occhio si riesce anche a fare, il secondo no, tocca agitare il pennarello per far uscire bene il prodotto. Altra pecca che ho riscontrato è che con questi eyeliner non si possono fare righe spesse, perché se si passa la punta in una zona in cui il colore si era già asciugato, il colore se ne va o resta a chiazze. Il risultato è disomogeneo e anche piuttosto bruttino. Io li sto sfruttando per andare al lavoro, tanto per continuare a farmene un’idea per parlarvene meglio in futuro, ma non mi stanno piacendo affatto.

Intrattenimento

Come vi dicevo, ho visto pochissimo questo mese. Mi sono concentrata a terminare la seconda e terza stagione di Una serie di sfortunati eventi. Dal termine della seconda stagione le cose si sono fatte decisamente più interessanti e la terza l’ho vista tutta di filato. E’ un genere che deve piacere: personaggi strambi, situazioni fuori dall’ordinario, ma colori e fotografia curati e particolari. Mi rendo conto che non sia per tutti, ma vi suggerisco di vedere i vari trailer ed eventualmente dargli una possibilità.

L’unico film che ho visto questo mese, invece, è stato Angry Birds. Sì, avete letto bene. In questo mese mi è spesso capitato di sentirmi sopraffatta dai vari impegni con il blog, il lavoro e le questioni della vita normale, per cui quelle volte che mi capitava di riuscire a vedere qualcosa avevo bisogno di qualcosa di leggero. E Angry Birds è stato proprio un film leggero, che comunque non è esclusivamente per i più piccoli, anzi. E’ ispirato all’omonimo videogioco e l’ho trovato carino e divertente al tempo stesso. Se avete bisogno di un film leggero per trascorrere un’oretta è perfetto.

Musica

Questo mese poche canzoni mi sono entrate in mente per rimanerci a lungo. La prima di sicuro è Con calma di Daddy Yankee e Snow, che ho ascoltato così tante volte che ho finito per fissarmici anche io. Mi hanno colpito fin dal primo ascolto invece, due canzoni di duetti interessanti. Cardi B e Bruno Mars, duetto già collaudato e dal sound interessante, hanno debuttato con Please me. Certamente non è una canzone “casta e pura”, però la melodia è così orecchiabile che mi ha conquistata. La coppia Sting e Shaggy invece non me l’aspettavo affatto e Just one lifetime è venuta fuori proprio bene e anche il video l’ho trovata carino. E infine Sucker dei Jonas Brothers, sì. Io prendevo in giro i bambini che impazzivano dietro la band quando ero un’adolescente e invece sono finita a quasi 30 anni ad amare una loro nuova canzone. A mia discolpa posso dire che il genere è molto simile a quello dei DNCE band di cui Joe Jonas ha fatto parte e con uno stile che apprezzo.

Post


Ok, bella gente! Questi erano tutti i miei preferiti per il mese di marzo. Abbiamo qualcosa in comune? Avete bocciato anche voi qualche prodotto questo mese? Fatemi sapere che son curiosa 😉

Vuoi rimanere aggiornato sui post e scoprire altro su me e quello che mi passa per la testa? Allora segui la pagina Facebook del blog oppure attiva le notifiche push 😉

I prodotti in questione mi sono stati inviati dall’azienda a scopo valutativo, le opinioni espresse nella review sono frutto della mia esperienza con il prodotto e restano del tutto personali e trasparenti.