Ormai è circa un anno che è spuntata fuori la linea PHBio di Lidl. Io come sempre arrivo tardi, ma arrivo. Ne ho sentito parlare così tanto e spesso piuttosto bene che, una volta che dovevo acquistare solo le uova, sono venuti con me la crema corpo delicata ai fiori di cotone, la crema mani argan della linea in questione e l’acqua micellare fresh Cien. Ditemi che non sono l’unica che fa di queste cose.

Pare che PHBio sia entrato in linea permanente e puntualmente viene proposto in promo. Tenendo conto che si tratta di prodotti fatti in Italia con certificazione bio AIAB e VeganOK, credo proprio che meritino due parole.

Sia la crema corpo che la crema mani, hanno un pack in plastica bianca morbida, cosa che apprezzo perché sono strizzabili e facilmente tagliabili in modo da usare il prodotto davvero fino all’ultima goccia. Entrambi hanno apertura a scatto ed un adesivo sul tubetto su cui sono riportate le informazioni. Si potrebbe dire che le uniche cose a differenziarli siano l’ingrediente raffigurato (fiori di cotone e argan) ed il formato. La crema corpo è da 200ml, mentre la crema mani è da 75ml, rimanendo comunque facilmente trasportabile in borsa.

Crema corpo delicata Fiori di Cotone (3,79€)

Ne avevo sentito parlare a Pier nel suo post (dopo aver già fatto il danno) e devo dire che mi sento d’accordo su quasi tutta la linea. E’ una crema corposa e ricca, nonostante ciò facilmente spalmabile. Tende a fare un po’ di scia bianca, ma massaggiandola qualche secondo in più, svanisce lasciando la pelle liscia e morbida.

Dal punto di vista dell’idratazione mi è piaciucchiata. Nel senso che, per le zone del corpo in cui ho la pelle normale, vedi addome, braccia e schiena, la trovo idratante al punto giusto. Nelle zone che invece ho più secche, come le gambe, non l’ho trovata sufficientemente idratante. Spesso sento la necessità di riapplicarla nei punti più secchi, per cui non credo possa andar bene per chi ha la pelle secca o estremamente secca.

L’odore è particolare, erboso ed un po’ pungente. Non lo trovo particolarmente gradevole, ma non posso dire che mi faccia schifo. Credo che se dovessi riacquistare una crema corpo della linea mi orienterei su un’altra variante. Vi lascio l’INCI. Come diceva Pier, di fiori di cotone o cotone nemmeno l’ombra.

Aqua, Ethylhexyl palmitate, Glycerin, Glycine soja oil, Dodecane, Sodium stearoyl glutamate, Cetearyl alcohol, Glyceryl stearate, Glyceryl stearate citrate, Helianthus annuus seed oil, Hedera helix extract, Centella asiatica extract, Stevia rebaudiana leaf/stem extract, Xanthan gum, Lactic acid, Tocopherol, Ascorbyl palmitate, Parfum, Lecithin, Citric acid, Sorbic acid, Benzyl alcohol, Sodium benzoate, Potassium sorbate, Phenoxyethanol.

Crema mani Argan (2,49€)

Anche la crema mani Argan ha una consistenza ricca e corposa, ma al contrario della precedente è più untuosa. Se si abbonda con le dosi, infatti, tende a lasciare le mani unte finché non finisce di assorbirsi o utilizzando le mani per i gesti abituali, imbrattando però tutto ciò che si tocca. Per questo fattore preferisco utilizzarla quando sono in casa. In genere la applico dopo aver lavato i piatti e prima di infilarmi tra le coperte, in modo da lasciarla agire il più tranquillamente possibile.

Un’altra cosa che ho notato che non mi fa impazzire è il fatto che è come se si creasse una patina sulla pelle. In pratica, lavando le mani (prima di un’ora dall’applicazione) si sente prima questo velo di crema che va via e poi si arriva al contatto con la pelle. So che può sembrare una roba incasinata, ma spero di essermi fatta capire. Trascorsa più di un’ora invece non si avverte.

In ogni caso, lascia le mani molto morbide e lisce e la pelle appare distesa. L’odore, al contrario di quella al cotone, lo trovo più gradevole, anche se continuo ad avvertire una nota pungente, ma non saprei bene a cosa sia dovuta. Vi lascio l’INCI anche di questa.

Aqua, Glycerin, Olus oil, Glyceryl stearate, Dodecane, Sorbitol, Helianthus annuus seed oil, Cetyl alcohol, Alcohol denat., Cetearyl glucoside, Myristil myristate, Sorbitan olivate, Argania spinosa kernel oil, Calendula officinalis flower extract, Malva sylvestris flower extract, Glucose, Sodium glutamate, Urea, Sodium PCA, Glycine, Panthenol, Hydrolyzed weat protein, Ethylhexylgycerin, Xanthan gum, Tocopherol, Ascorbyl palmitate, Parfum, Lecithin, Citric acid, Lactic acid, Tatrasodium glutamate diacetate, Phenoxyethanol, Potassium sorbate, Benzyl alcohol, Sodium benzoate.


E questo è quanto. Come avrete capito, le prestazioni non sono da 10 e lode, ma per il prezzo che hanno un pensierino ci si può fare. Probabilmente proverò altre referenze in futuro. Tipo gli shampoo, il detergente intimo e altre referenze corpo tipo scrub e bagnodoccia. Sì, in pratica quasi tutto, ma sono dettagli.

E voi avete provato questi prodotti? Che ne pensate della linea PHBio? Quali referenze mi suggerireste? Fatemi sapere 😉 

Sei un tipo social? Allora sappi che mi trovi anche su InstagramPinterest e Facebook 😉