Di terminati, cestinati e mai recensiti degli ultimi mesi

Che negli ultimi mesi io sia stata poco presente credo ve ne siate accorti. Nel corso di questo periodo, però non è che io abbia smesso di utilizzare cosmetici, anzi. Ne ho anche finiti parecchi come potete leggere nel post (in aggiornamento costante) sui prodotti terminati del 2021. Visto il mio lungo periodo di assenza quindi, non sono riuscita a parlarvi di svariati prodotti. Per questo motivo oggi, prendendo un po’ spunto da Pier del blog Pier(ef)fect, parlandovi di terminati, cestinati e mai recensiti degli ultimi mesi.

PS: le foto dei prodotti, hanno tutte ambientazioni e accessori diversi, proprio perché ero convinta di riuscire a fare review separate e invece nada.

Rose Ceramide Cream Pixi* (50ml x circa 31€)

rose ceramide cream pixi

Ricevuta neanche io ricordo quando ormai, ma ho iniziato ad utilizzarla solo lo scorso autunno, proprio per evitare di utilizzarla con il caldo. Infatti si tratta di una crema viso molto nutriente, arricchita da ceramidi, olio di rosa, probiotici, olio di pompelmo, olio di bergamotto, burro di karité, olio di rosmarino ed olio di oliva. Per la mia pelle mista in estate è decisamente troppo. Dall’autunno in poi invece, la utilizzavo sia al mattino che alla sera, inserendola nella mia normale skincare e facendo estrema attenzione al quantitativo utilizzato.

La profumazione di rosa è presente, ma non è così pesante da infastidirmi, in quanto trovo che abbia una nota fresca e leggermente agrumata che la smorza. La consistenza non era quella che mi sarei aspettata da un prodotto del genere, ma era un pelo più corposa di una normale crema-gel. Sulla pelle comunque si stende con molta facilità e si assorbe in fretta.

Essendo così ricca, la mia zona T nelle giornate autunnali ed invernali più calde, tendeva comunque a lucidarsi più del normale, ma ero consapevole che questa crema era un po’ troppo nutriente per me. Su una pelle normale o secca, credo sia perfetta anche di giorno. Su di me, dava il suo meglio applicata la sera, perché aveva modo di agire tutta la notte e al mattino mi risvegliavo con la pelle super distesa, dal colorito molto uniforme e luminoso.

Una piccola nota negativa, va al pack. Il tubetto è carinissimo da vedere e il formato in tubetto consente di utilizzarla fino all’ultima goccia. Il problema secondo me è dato dal foro di apertura, che ho trovato un po’ troppo grande e di conseguenza faceva uscire un po’ troppo prodotto, almeno finché non ci si prendeva la mano.

Voto: ♥♥♥♡♡

Stick labbra Dr. Bronner’s Baby mild*(4g x circa 3€)

stick labbra dr.bronner's

Ho ricevuto questo balsamo labbra lo scorso anno, poco dopo il WeCosmoprof, grazie al team di Herbatint. In pratica ero stata omaggiata di una piccola campionatura del brand Dr. Bronner’s, tra cui questo stick labbra in full size. L’ho iniziato con un po’ di ritardo e l’ho terminato questo mese.

Il balsamo labbra in questione è ricchissimo di ingredienti emollienti e nutrienti. Troviamo infatti al suo interno olio di avocado, olio di jojoba, olio di canapa, olii essenziali e tocoferolo. Sul mercato ne esistono quattro versioni (PeppermintNaked/Baby mildOrange ginger e Lemon lime). Io ho ricevuto quello più neutro di tutti, ossia Baby mild, dall’odore vanigliato, in cui percepisco un lieve sentore di cannella (cosa che ho apprezzato).

Lo stick labbra in questione, si è rivelato fin dall’inizio estremamente scorrevole, tanto che con le temperature elevate delle ultime settimane tendeva un po’ a deformarsi se applicavo troppa pressione. Sulle labbra risultava leggero e donava un lieve effetto lucido che svaniva poi man mano che parlavo o bevevo/mangiavo. Con l’utilizzo costante, le labbra risultano morbide e ben idratate.

Mi sono resa conto, però che nei periodi troppo freddi, lui non era sufficiente sulle mie labbra per riparare eventuali spacchetti, ma dovevo ricorrere al The Real Balm di Antos. Tutto sommato l’ho trovato un ottimo prodotto, magari da affiancare a qualcosa di più emolliente e riparatore nei periodi freddi. Poi trovo che, soprattutto per la filosofia che sta dietro al brand e per il costo contenuto, meriti di essere provato almeno una volta.

Voto: ♥♥♥♥♡

Maschera viso esfoliante MyMask (10ml x 1,68€)

Di questa addirittura non vedete foto, per due semplici motivi. Il primo è che l’ho acquistata per caso in un periodo in cui non avevo il minimo tempo per scattare foto. Il secondo è che, sinceramente, non pensavo neanche di parlarvene qui sul blog. Se avete voglia di approfondire un po’ del brand, in questa pagina trovate tutte le review che Pier gli ha dedicato.

Intanto vi dico che io l’ho acquistata in una catena che c’è qui in Calabria a 0,79€. In realtà non sono solita acquistare prodotti in formato monodose come vi avevo anche detto qui, ma ogni tanto faccio uno strappo alla regola se qualcosa mi incuriosisce particolarmente, come in questo caso. Si tratta infatti di una maschera monodose che promette di essere purificante e di nutrire e rigenerare la pelle al tempo stesso.

Al suo interno troviamo vitamina E e vitamina C, polvere di nocciolo di albicocca, polvere di riso e burro di karité. La profumazione è fruttata, di albicocca e delicata e mi è piaciuta un sacco. la consistenza non è troppo fluida, anzi è piuttosto ferma e bisogna stenderla con calma. Bisogna lasciarla agire qualche minuto sul viso deterso e poi va rimossa con movimenti lievemente circolari in modo da far agire anche le particelle esfolianti.

L’azione esfoliante è delicata, ma efficace. Per intenderci, non ci troviamo di fronte ad uno scrub viso come quello de I Provenzali che era bello ricco di granuli, ma il suo sporco lavoro lo fa comunque. Il viso dopo la rimozione non risulta minimamente irritato o arrossato e anzi risulta essere più luminoso e la grana della pelle appare più fine e compatta.

E’ un tipo di maschera che una tantum riacquisterei, anzi se il brand proponesse magari un formato in tubetto lo acquisterei senza alcun problema. Sul loro sito ho visto che la versione che ho utilizzato non esiste più, ma ne esiste una con una nuova formula.

Voto: ♥♥♥♥♥

Crema mani protettiva effetto barriera Natural’è (75ml x 2,60€)

crema mani natural'è

Comprata un sacco di tempo fa, ma terminata solo lo scorso mese. La versione che avevo acquistato io conteneva estratto di mirtillo, olio di macadamia, olio di argan ed allantoina proprio per nutrire e proteggere al meglio le mani. Sul sito del brand, attualmente non è presente questa versione, bensì quella nuova con estratti di melograno.

A prescindere dalla tipologia di estratto, questa crema non mi ha mai fatta impazzire. La consistenza era sì, leggera, ma sulle mani la percepivo molto grassa e untuosa, specie se ne utilizzavo un po’ più del dovuto. Questo farebbe pensare quindi ad una crema perfetta per il periodo invernale. In realtà, su di me non si è rivelata all’altezza in quanto spesso mi sono ritrovata le mani con spacchetti anche dolorosi e poi non apprezzavo l’untuosità che impiegava un po’ per svanire.

Altra nota non proprio gradevole è stata la profumazione. L’ho trovata molto sintetica, quasi come se mi ricordasse la plastica. Insomma, nulla a che vedere con i mirtilli. Non posso dire che sia malaccio per una crema da utilizzare giornalmente (eccetto l’untuosità), però non la riacquisterei. Nell grande distribuzione si trovano senza dubbio creme low cost, più performanti. 

Voto: ♥♥♡♡♡

Acqua aromatica di Hamamelis Antos Cosmesi (200ml x 6,50€)

acqua aromatica antos

Quasi agli sgoccioli anche questa acqua aromatica di Antos. Sarò estremamente sintetica in questo caso. Non perché non me ne sia fatta un’idea, ma perché la trovo molto simile ad altri due prodotti del brand che ho provato in passato e già recensito. Mi riferisco al tonico astringente e all’acqua aromatica di arancio

Antos la suggerisce per le pelli grasse ed irritate o con couperose per via delle sue proprietà astringentidecongestionantiantibatterichepurificanti e lenitive. In effetti in questo caso l’ho trovata più simile al tonico astringente, proprio perché riesce a mantenermi la pelle opacizzata più a lungo, tenendo a bada la produzione di sebo. Non so se la riacquisterò subito, perché sono curiosa di provare altri prodotti, però credo che potrei rifarlo in futuro.

Voto: ♥♥♥♥♥

Brow Extension Maybelline Dark brown* (0,4g x 7-8€) & Microprecise eyebrow pencil Essence Dark brown (0,05g x 2,50€)

Due prodotti sopracciglia in un unico paragrafo, perché sì. Il brow extension di Maybelline lo avevo ricevuto lo scorso autunno, ma dopo averlo finito nei mesi scorsi, l’ho acquistato di tasca mia perché ho notato diverse caratteristiche che mi sono piaciute. In primis l’estrema praticità e velocità con cui mi consente di dare una sistemata alle sopracciglia senza stravolgerle.

Certamente per via della punta cicciotta, non è adatto a fare lavori di precisione, specie nelle parti più sottili, ma nel mio caso quando vado di fretta è perfetto. Quando vado con più calma addirittura lo uso in combo con la brow ultra slim dello stesso brand (già acquistata anche lei). Altra caratteristica che ho apprezzato è il fatto che per via della sua texture, arricchita con fibre, è come se andasse ad infoltire le sopracciglia e a fissarle.

Voto: ♥♥♥♥♡

La microprecise eyebrow pencil di essence, invece non l’ho neanche fotografata per lo stesso motivo della maschera. L’esperienza con questa matita automatica per sopracciglia purtroppo non è stata al pari della precedente. L’acquistai su PinkPanda proprio perché mi ricordava moltissimo le brow ultra slim di Maybelline, ma a prezzo decisamente più basso.

Dopo averla utilizzata per mesi ho compreso bene che in comune hanno solo il fatto di essere matite automatiche dalla mina sottilissima. La matita in questione è molto scrivente fin dalla prima passata, il problema è che la durata non è ottimale. Io la utilizzavo tutti i giorni e spesso mi rendevo conto che a metà giornata, mi ritrovavo delle chiazze di colore sbavate nella zona dell’arcata sopraccigliare. Capisco il prezzo inferiore, ma non mi va per niente di andare fuori con aloni di colore in giro per la faccia.

Voto: ♥♡♡♡♡


Eccoci arrivati alla fine di questo post carrellata. Che dite vi piace questo genere di articolo o preferite review più dettagliate dedicate ad uno o più prodotti dello stesso brand? Lasciatemi un feedback nei commenti.

Vuoi rimanere aggiornato sui post e scoprire altro su me e quello che mi passa per la testa? Allora segui la pagina Facebook del blog, attiva le notifiche push  o iscriviti alla Newsletter del blog.

2 Risposte a “Di terminati, cestinati e mai recensiti degli ultimi mesi”

  1. Ciao! Sono contento di averti dato uno stimolo in più per questo post! Ho notato che in effetti My Mask ha un po’ aggiornato la linea, forse prima o poi provo qualcosa (anche se le maschere viso sono proprio fra i prodotti che mi sembra di non terminare mai fra le scorte…)
    Baci e ancora grazie! 💖

    1. Ciao Pier! Guarda in effetti l’ho trovato molto più comodo per dare qualche impressione/pensiero riguardo questi prodotti di cui altrimenti non avrei parlato.
      Un bacione e grazie a te! :-*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.