Crea sito

Come usare Pinterest? Qualche consiglio utile per utenti e blogger

Giorno gente. Tempo fa mi era capitato diverse volte di scambiare pareri su Pinterest con alcune colleghe blogger con cui ho stretto un minimo di rapporto. Da ciò è emerso che Pinterest è poco conosciuto come social e pare che risulti poco intuitivo da utilizzare. Visto che io lo utilizzo circa dal 2010, in primis come utente e solo poi anche da blogger, ho imparato diverse cose che proverò a condividere qui con voi (blogger e non solo).

Cos’è Pinterest e perché mi piace?

Partiamo proprio dalle basi. Pinterest è un social network basato sulla condivisione di fotografie, iconografie, gif e video. Proprio per questo motivo è molto più simile alla funzione ricerca per immagini di un qualsiasi motore di ricerca, che non a social come Facebook o Instagram. Dalla mia esperienza su Pinterest infatti ho notato che l’utilizzo che se ne fa, è spesso molto diverso. Diciamo che è utilizzato dagli utenti “classici” per caricare o salvare idee, piuttosto che per mettersi in relazione con gli altri. Come Facebook è utilizzabile sia da dispositivi mobili che da pc.

La cosa che personalmente amo di Pinterest è la possibilità di personalizzare le proprie bacheche (di cui vi parlerò più sotto), il fatto che può dare tantissimi spunti in vari campi e soprattutto, non ci sono bot, giochetti di follow/unfollow e acquisto di seguaci o post sponsorizzati. In pratica se i tuoi pin (le cose che posti) sono buoni, verranno repinnati da altri utenti e così via. Se non lo sono o non sai bene come e quando “pinnare”, si perdono nei meandri di Pinterest.

Iscrizione ed area personale

Su Pinterest ci si iscrive normalmente con email e password o tramite l’accesso da Facebook e/o Google+. Fatta l’iscrizione è possibile mettere le impostazioni che più si desiderano. In particolare nella sezione “modifica profilo” si possono inserire il nome utente e nome contatto, la foto profilo,  una breve descrizione, il luogo di provenienza ed il proprio sito. Nella sezione “modifica impostazioni” è possibile personalizzare tutte quelle impostazioni relative alla privacy, ai social collegati, alle notifiche e così via.

Dalla propria area personale è anche possibile aggiungere pin dai propri dispositivi, avere una panoramica degli ultimi pin aggiunti, delle bacheche, dei seguaci e via discorrendo.

La funzione ricerca

Come ogni social e motore di ricerca, posizionata in alto c’è la barra di ricerca. Ciò vi consente di cercare qualsiasi cosa vi passi per la testa in quel momento. E da lì si possono raggiungere varie opzioni. Mi spiego meglio. Ad esempio digitando la parola “makeup” possono uscire suggerimenti di ricerca, persone seguite e bacheche.

Ad esempio seguendo il suggerimento “makeup occhi marroni”, usciranno ulteriori suggerimenti che permetteranno di essere ancora più selettivi e pin a non finire. I pin ritenuti interessanti potranno poi essere salvati nelle proprie bacheche (pubbliche e/o private). E’ anche possibile seguire l’utente che ha caricato quel pin se ci fa piacere o seguire una bacheca in particolare se ci piace la tematica che affronta.

Le bacheche

Cosa sono le bacheche? Non sono altro che delle cartelle in cui aggiungere i pin di vostro interesse, che siano vostri o degli altri. Per creare una bacheca vi basterà cliccare sull’immagine che volete salvare e premere su “Crea bacheca“. Successivamente aggiungere un nome e vi consiglio di mantenerli il più semplice e chiari possibile per far sì che attirino più utenti. In ogni bacheca può essere inserita una piccola descrizione per gli altri utenti in modo che abbiano chiaro cosa tratta quella precisa bacheca.

Infine c’è la possibilità di avere delle sezioni in ogni bacheca, in modo da rendere il tutto ancora più rapido. Ad esempio per quanto riguarda la cartella relativa al blog, io ho creato diverse sezioni: shopping, beauty things, preferiti, terminati, swatches, makeup e così via.

Come ordinare le bacheche?

Dalla sezione “modifica profilo” è possibile scegliere l’ordine con cui appariranno le vostre bacheche. Si possono lasciare in ordine alfabetico, in base all’ordine cronologico, a quelle in cui sono stati aggiunti pin di recente o personalizzata. Io di recente ho optato per la personalizzata. Leggendo vari post in inglese è emerso che mettere per prime le bacheche con più seguaci, apporta più traffico nel proprio profilo per cui le ho ordinate seguendo questo criterio. In passato invece le tenevo in ordine alfabetico.


Ok, diciamo che fin qui per un utente che usa Pinterest solo per ispirarsi (lo usa anche mia madre per salvare idee per il lavoro, per il fai da te e ricette) possa bastare. In questo modo se ne fa un utilizzo semplice e finisce lì. Per chi invece, come me o altri blogger, vuole che i suoi pin portino traffico al proprio blog o canale il discorso continua.

Utilizzando analytics mi sono resa conto che tra le piattaforme social, Pinterest mi porta circa il 70% di visualizzazioni sul blog. La frequenza di rimbalzo è alta, ma ci sto lavorando su. In ogni caso, ciò vi fa capire che è un buon modo per attirare lettori nel proprio blog e perché no tornino anche a far visita. Tra l’altro tenete conto che i pin hanno vita ben più lunga delle foto postate su Facebook ed Instagram, ciò vuol dire che possono portare traffico anche a post vecchi. A mio parere ci sono delle cose che possono aiutare a pubblicizzare i propri contenuti su Pinterest e ve li inserisco di seguito.

Creare contenuti interessanti

La banalità?! Forse. Come su instagram, se un’immagine è bella, chiara e accattivante è più facile che riceva seguito e, in questo caso repinnata. Diciamo che per quanto riguarda la composizione ognuno è libero di esprimere se stesso, purché la foto non sia caotica. In aggiunta va detto che le immagini che vengono più repinnate sono quelle verticali e non quelle orizzontali o quadrate a cui siamo abituati per gli altri social. La proporzione ideale è quella 2:3 o 4:5, insomma non troppo stretta. Se proprio non riuscite non fa nulla, io ho immagini orizzontali che vengono repinnate tranquillamente.

Altri trucchetti che aiutano a far emergere i propri contenuti nel marasma di pin sono il rinominare le foto con le parole chiave (cosa che aiuta anche a far trovare le proprie foto sui motori di ricerca), aggiungere un testo in sovrimpressione (cosa che però non amo) e inserire il proprio watermark.

Come condividere i propri contenuti

Creato il contenuto interessante? Bene, ora bisogna condividerlo. Le alternative sono due: si condivide l’immagine o il video dal proprio dispositivo e si aggiungono descrizione, link, hashtag e si spera che chi lo veda clicchi sul link, oppure, l’opzione a mio avviso molto più semplice.

Pinterest permette di creare dei widget utilizzabili per far sì che i contenuti sul proprio sito possano essere pinnati. Nel link che vi ho inserito, trovate varie opzioni: dal profilo, al segui, al pulsante salva. Io ho optato per il profilo, che trovate nella barra laterale della versione desktop e che mostra gli ultimi pin, e per il pulsante Salva. A cosa serve il pulsante Salva? Scorrendo il cursore del mouse o premendo con il dito sull’immagine, c’è la possibilità di salvare il pin, con il titolo del post e link incorporato. Vanno aggiunti solo gli hashtag. Direi che così è decisamente più semplice ed immediato da fare.

Altri consigli utili

Visto che il grosso di quello che dovevo dirvi ve l’ho scritto già, vi metto una serie di altri consigli utili che possono aumentare le visualizzazioni dei vostri pin.

  • Usare gli hashtag giusti. Non c’è un numero preciso da usare e inseriteli alla fine della descrizione. Consentirà ai pin di rientrare nelle categorie per la ricerca selettiva.
  • Non tutti gli orari sono buoni per pinnare. In generale gli orari migliori sono nel primo pomeriggio e dalle otto di sera all’una di notte. Per di più nel fine settimana si ottiene più riscontro.
  • Pinnare giornalmente almeno una decina di pin e non solo propri pin. Lo so, sembra una rottura, ma in realtà è molto più semplice di ciò che sembra. Ci sono così tanti spunti che è quasi impossibile non riuscirci.
  • Entrare nelle bacheche di gruppo per avere più visibilità. A tal proposito, ho notato che non esistevano bacheche di beauty bloggers italiane/i, per cui ne ho creata una e ho già invitato alcune ragazze. Per essere aggiunte alla bacheca è necessario che io e voi ci seguiamo a vicenda (sì, è un po’ una rottura, ma se non si fa non si può mandare l’invito). La bacheca in questione è Italian Beauty Bloggers. Se può interessarvi, fatemi sapere e iniziate a seguirmi su Pinterest, in modo che vi possa aggiungere.

Ok, questo è tutto. Sono piccoli consigli che possono aiutarvi a migliorare il vostro profilo Pinterest. Io da qualche mese sono passata al profilo aziendale che mi consente anche di vedere quali sono i pin più ricondivisi, dati generali sul pubblico ecc. Non vi ho detto nulla in merito perché io stessa sto ancora cercando di capire bene come funziona. Spero che il post vi sia stato utile e chiaro. Ho cercato di utilizzare termini semplici e di andare dritta al punto senza, allungare troppo il brodo con tecnicismi.

Che ne pensate di Pinterest? E’ un social che utilizzate o ne fate volentieri a meno? Avete altre domande? Fatemi sapere 😉

10 Risposte a “Come usare Pinterest? Qualche consiglio utile per utenti e blogger”

  1. non lo uso spessissimo, solitamente ci faccio ricerche e/o ci bazzico per un po’ di ispirazione quando manca 😉
    E’ un social che mi piace, ma forse in generale è troppo trascurato dagli utenti (?), non saprei mi da questa idea. Nulla toglie che comunque sia una fonte di risorse da non sottovalutare.
    Terrò a mente i consigli sulla condivisione, davvero molto utili :*

  2. Ho trovato il tuo articolo molto utile soprattutto perché non sono mai stata esperta di questo social ! Metterò sicuramente in pratica i tuoi consigli e cercherò di essere attiva in maniera più regolare su Pinterest.
    Un bacione :-*

    1. Ciao Cristina!
      Grazie mille, sono felice che questo post vi stia piacendo.
      Guarda a parte l’editing delle foto, è un social che porta via davvero poco tempo, per cui ci si può provare tranquillamente.
      Un bacione <3

  3. WOW…. mi si è aperto un mondo… io l’ho sempre usato solo per cercare spunti, che siano di trucco, arredamento o altro…. non so se lo userò mai al pieno delle sue funzioni però il tuo post è molto utile ed esplicativo!!! complimenti!

    1. Ci credo, in Italia è davvero poco diffuso come social. Probabilmente proprio perché meno social e più motore di ricerca.
      Mi fa piacere ti sia servita Damina. Ho cercato di semplificare il più possibile in modo da rendere il tutto chiaro.

  4. Sei stata davvero utile ed esaustiva. Io utilizzo Pinterest un po’ alla cieca, sapevo della questione immagini verticali ma non pensavo ci fossero orari buoni per pinnare! E nemmeno gruppi!
    Sei stata utilissima, mi metto subito all’opera

    1. Grazie Ale, mi fa piacere che ti sia piaciuto. Speravo potesse essere utile in qualche modo.
      Sì, diciamo che come tutti i social, anche Pinterest ha i suoi orari, anche se a quanto pare sono molto diversi da quelli degli altri.
      Fammi sapere come ti sembra una volta che inizi a mettere in atto qualche consiglio 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.