Paura del pap test

 pap-test.jpg

Cara ginecologa,
sono una ragazza di 24 anni e avrei bisogno di alcuni consigli.
Ho ricevuto la lettera dalla Asl per effettuare il pap test gratuito all’interno del programma “prevenzione serena”.
Purtroppo in passato ho avuto pessime esperienze con il personale dell’asl, forse dovute a scarse competenze e modi molto bruschi, che mi hanno portato ad avere una smisurata fobia di medici e infermiere al punto tale da avere attacchi di panico e svenimenti solo all’idea di dovermi sottoporre ad una qualsiasi visita:piuttosto sopporto il male ma ho un rifiuto totale del “camice bianco”.
Dato che fino ad ora ho avuto rapporti con un solo ragazzo con il quale sto insieme da 5 anni (rapporti SEMPRE protetti da preservativo) ma so che lui in precedenza aveva avuto rapporti con altre ragazze, desidererei sapere se tale esame sia proprio necessario e se sia o meno doloroso (sul foglio della Asl dicono di no, ma su internet molte dicono che lo sia).
Secondo lei, nel caso decidessi di presentarmi per il pap test, dovrei avvisare le ostetriche delle mie fobie,anche se credo che se ne accorgerebbero da sole? Posso richiedere di essere accompagnata dal mio ragazzo anche durante tutta la visita cosi che possa tranquillizzarmi? Rischio che lui potrebbe rimanerne impressionato?

Grazie per l’attenzione,
Le porgo cordiali saluti

LEGGI ANCHE: TUTTO SUL PAP TEST

Salve, per prima cosa è necessario puntualizzare che è importantissimo fare il pap test, anche in caso di rapporti stabili e protetti sempre con lo stesso partner, perchè il virus dell’hpv può essere contratto anche in altri modi, oltre che per trasmissione sessuale. Quindi si, si tratta di un esame necessario, che è importante fare periodicamente. Generalmente non è un esame doloroso. In secondo luogo, se l’idea di avere a che fare con il personale dell’asl la mette a disagio, può sempre fare l’esame dal suo ginecologo di fiducia (in quel caso però l’esame non è gratuito). Per quanto riguarda la presenza del suo ragazzo durante l’esame, sicuramente dipende dalla disponibilità del personale con cui avrà a che fare, ma magari cercare di affrontare questa cosa da sola potrebbe esserle utile per superare il blocco di cui parla. Ci rifletta. L’esame non è comunque nulla di particolarmente traumatico.

Precedente Si resta incinta facendo l’amore la prima volta? Successivo Dubbi sui giorni in cui prendere la pillola