Estate? Curiamo i nostri piedi!

L’estate è alle porte e questo significa solo una cosa: scarpe aperte! Questo significa che, se abbiamo trascurato i nostri piedi per tutta la stagione estiva, allora è arrivato il momento di prendercene cura!

Curare i nostri piedi significa anche preservare inestetismi come la secchezza, i duroni, le vesciche, unghie deboli e ingiallite. Vediamo insieme come procedere in questi casi.

Calli. Si tratta di parti di pelle indurita che tendono a formarsi quando si usano troppo a lungo le calze. Possono comparire quando si usano, in inverno, le stesse scarpe o anche le pantofole che non fanno respirare i piedi. Si manifestano sulle punte e ai lati delle dita e causano dolore. Per rimuoverli potete rivolgervi ad uno specialista (podologo, estetista), se invece non è grave, è possibile ricorrere a pomate, creme che hanno la funzione di ammorbidire ed essiccare il callo (li trovate in Farmacia). Un consiglio è quello di fare un pediluvio quotidiano: vi ricordo l’articolo già trattato a riguardo

https://blog.pianetadonna.it/giadamua/coccola-nostri-piedi/

Duroni. Non sono dei veri calli, ma di ispessimenti della pelle di colore giallastro. La differenza è che non causano dolore e che sono più grandi rispetto ai calli; si trovano solitamente nei bordi esterni delle dita. Si consiglia l’utilizzo di prodotti a base di acido silicilico o cerotti in lattice che vanno ad alleviare il dolore. Anche in questo caso è importante la cura quotidiana con periodiche limature e con creme idratanti.

Secchezza. La secchezza è più frequente anche quando il nostro piede non ha calli e duroni; in questo caso la pelle appare ruvida, secca principalmente nella zona del tallone che è più esposta alle sollecitazioni delle calzature. Come la pelle del viso o del corpo, anche i piedi necessitano di idratazione interna (mangiando tanta frutta e verdura e bevendo acqua) ed esterna, grazie al clima, le calzature e l’uso di creme specifiche a base di Aloe, Cheratina, in quanto riportano il giusto livello di idratazione. Per la cura della secchezza sul tallone, esistono dei specifici trattamenti per il rinnovamento cellulare (impacchi, maschere) post-pediluvio o strumenti come roll-on per esfoliare la pelle.

Verruche. Le verruche sono delle piccole lesioni virali e si notano perché hanno una superficie rugosa. Si possono manifestare in qualsiasi zona del piede e causano molto dolore e bruciore. E’ importante sapere che si diffondono a contatto, anche toccando la verruca con le dita.

Unghie. Anche le unghie, a lungo soffocate, possono ingiallirsi e diventare più deboli, a volte diventa eccessivamente dura quando non la si taglia o lima regolarmente. A volte le unghie tendono a questi piccoli problemi anche quando si usa lo smalto, senza utilizzare una base protettiva o quando non la si fa respirare perché magari utilizziamo spesso quantità eccessive di smalto.

Vi ricordo gli step da seguire per una corretta pulizia delle unghie dei piedi:

Pediluvio;

Idratazione;

Taglio e limatura;

Lucidatura.

 

Precedente Ricette utili per la nostra pelle: falle in Estate! Successivo Elixir di bellezza multiuso