E dopo le abbuffate? Dieta di recupero..

Direi che è arrivato il momento di mangiare in modo contenuto, dedicandoci un po’ a noi stessi e alla nostra salute, adottando una dieta di recupero soprattutto se durante le mangiate natalizie abbiamo introdotto un surplus di calorie.

Cominciamo innanzitutto nel dire cosa non mangiare; semplicemente tutto quello che avete mangiato a Natale e a Capodanno, dai tanti antipasti arricchiti di condimenti a tutte le bevande alcoliche che affollavano la tavola (vino, spumante, superalcolici, birra) fino ai dolci. Nessuno escluso. Questo tipo di regime alimentare vi aiuterà a creare una guida da utilizzare nel futuro.

Dunque per prima cosa, bisogna limitare tutti quei cibi che costituiscono un vero e proprio pericolo per la funzionalità dell’apparato gastro-intestinale, quindi parliamo di salumi, formaggi, salse, maionese, alcolici, dolci e zuccheri in genere, comprese le bevande gassate. In assenza di calorie, pensate ad assumere le proteine quindi carni bianche, pesce, cereali e legumi. I carboidrati, le fibre e le vitamine possono essere assunti con frutta e verdura fresche in quantità, mentre dall’olio extravergine d’oliva si possono assumere i grassi, in quanto più consenziente per l’organismo.

La cosa importante nel seguire una giusta alimentazione non è rinunciare al vostro piatto preferito, ma saper gestire i condimenti, questo non significa mangiare in bianco, ma significa sostituire magari 100 grammi di pasta al ragù con 60 grammi, ma condita con le zucchine, il pomodoro fresco, i fagiolini o con le melanzane. Vedrete che il gusto non cambierà, sarete comunque sazi e contenti di non aver rinunciato al vostro beneamato piatto di pasta, ma con meno calorie.

Ho pensato di riassumervi in 15 punti alcune semplici regole di comportamento alimentare da non tralasciare, anzi vi consiglierei di scriverle su una lavagnetta da appendere in cucina.

  1. Non fate trascorrere più di cinque ore tra un posto e l’altro, suddividendo gli alimenti in tre pasti principali e in due spuntini;
  2. Pesate quello che mangiate e moderate le porzioni, specialmente quelle dei carboidrati (pasta, pane e cereali);
  3. Evitate i carboidrati semplici (bibite, dolci, zucchero per dolcificare);
  4. Mangiate verdura, anche cruda come spuntino e consumate molta frutta, in quanto non stimola la secrezione di insulina;
  5. Non cercate di recuperare le calorie in eccesso digiunando; vi affamereste e vi preparereste per la prossima abbuffata;
  6. Bevete molti liquidi, molta acqua, cercando di arrivare a due litri nell’arco della giornata;
  7. Non saltate mai la colazione, è il pasto fondamentale della giornata;
  8. Non prendete lassativi;
  9. Non prendete diuretici;
  10. Non vi inducete il vomito;
  11. Non puntate su past-bevanda a base di tè o tisane; mangiate normalmente, ma in quantità ridotte;
  12. Se fate sport non allenatevi per lunghissime ore per bruciare le calorie: meglio 20 minuti al giorno, con costanza;
  13. Non vi riempite di cibi light, bevande senza zucchero, non sempre apportano benefici;
  14. Non vi pesate! La bilancia potrebbe diventare una pessima e inutile ossessione. Se perdete chili di grasso e mettete su un po’ di muscoli, il peso sarà identico ma sicuramente starete meglio;
  15. Assumete un vero toccasana, ovvero l’olio di pesce, in quanto principale fonte di omega 3 i quali apportano benefici all’organismo: ottimo antinfiammatorio, antiossidante e ottimo per contrastare il colesterolo.

Se rispettate anche in parte alcune di queste regole, allora imparerete a mangiare in modo veramente efficiente ed efficace.

Precedente Più volume ai tuoi capelli? Segui questi consigli. Successivo Latte di Cocco: benefici e segreti di bellezza!