Argilla e capelli: scegli il tuo scrub

Precedentemente vi ho sottolineato quanto fosse importante, dopo l’estate, sottoporre il cuoio capelluto ad un peeling/scrub, a tal proposito, ho pensato di proporvi le ricette di scrub, in base alla vostra esigenza cutanea; un’idea carina per potervi divertirvi con i colori dell’argilla.

Perché l’argilla? Se ancora non conoscete le sue proprietà, vi indirizzo ad un articolo in cui ve ne parlo:

L’argilla e i suoi segreti di bellezza.

Scrub cute grassa

In questo scrub, l’argilla utilizzata è quella verde adatta per regolarizzare il sebo in eccesso al fine di purificare la cute. Miscelate 3 cucchiai di argilla verde con 1 cucchiaino di olio essenziale di lavanda/mirra, qui la scelta è facoltativa. La lavanda è più indicata per lenire, quindi anche in caso di cuoio più sensibilizzato; mentre la mirra svolge un’azione sgrassante, quindi purifica senza aggredire l’equilibrio lipidico.

Scrub cute sensibile

Per una cute sensibile e facilmente irritabile, l’argilla da considerare è quella rossa, grazie all’azione lenitiva. Anche in questo caso, associare l’olio essenziale di lavanda è perfetto oppure, potreste optare per camomilla/rosa

Scrub cute secca

In questo caso potrete optare per l’argilla bianca o rossa (la quantità minima è di 3 cucchiai) da miscelare insieme ad 1 cucchiaio di miele e 1 cucchiaino di olio di cocco.

Come eseguire lo scrub?

Lo scrub va effettuato a capello asciutto e dovete munirvi di un pettine a coda che vi aiuterà a creare meglio le sezioni e un pennello. La prima cosa da fare è dividere la testa in due, con una riga al centro in modo da applicare lo scrub prima da un lato e poi dall’altro. Una volta distribuito su tutto il cuoio, va massaggiato con movimenti circolari per 10 minuti.

 

 

Precedente Settembre: nuova luce per i tuoi capelli. Successivo Trattamento rivitalizzante? Scopri lo sciroppo d'acero.