Crea sito

Posts Tagged "culto"


PROFETESSE E SIBILLE

PROFETESSE E SIBILLE


Posted By on Gen 3, 2020

PRESSO I POPOLI GERMANI

Profetesse e Sibilee
Veleda

Presso i popoli germani le forme di culto erano molto semplici e consistevano principalmente nell’offerta di sacrifici, nella divinazione o interpretazione del volere degli dei.

Spesso erano offerte agli dei vittime umane, soprattutto prigionieri di guerra.

Accadeva, talvolta, che nei sanguinosi combattimenti tra le tribù in lotta tra loro, la parte che soccombeva veniva totalmente sterminata: massacrati guerrieri, uccisi i cavalli e tutto ciò che era vivo.

I germani non avevano edifici per il culto: questa funzione era svolta dai boschi sacri in mezzo ai quali erano situati gli altari.

Non esistevano nemmeno rappresentazioni delle divinità, se si escludono alcuni rozzi tronchi d’albero che fungevano da idoli.

Giulio Cesare ci porta a conoscenza di una pratica arcaica del popolo dei germani svevi in base alla quale la divinazione e l’accertamento della volontà degli dei erano affidati a vecchie matrone (matres familiae) anche nelle questioni militari.

Testimonianza di quanto fosse importante la funzione del matriarcato.

Un secolo e mezzo dopo Tacito, nel testo “Germania”, scriveva che i sacerdoti possedevano un’autorità superiore a quella dei re, dei capi tribù e dei comandanti militari.

La giustizia era nella mani dei sacerdoti i quali, parlando in nome degli dei decidevano le pene, le condanne a morte e dirigevano le assemblee tribali.

La funzione delle donne però, sia nella vita sociale sia in quella religiosa continuò ad essere di vitale importanza.

Scriveva Tacito:
”Credono che vi sia nelle donne qualcosa di santo e fatidico, non rifiutano con disprezzo i loro consigli, né trascurano le loro previsioni”.

Alcune sibille godevano di un particolare rispetto ed esercitavano un’enorme influenza sugli affari pubblici e talvolta anche su quelli della propria tribù.

La più celebre era la vergine-profetessa Veleda, della tribù dei bructeri, che svolse una funzione di primo piano durante la rivolta batava, guidata contro l’impero romano da Giulio Civile, principe batavo romanizzato.

Fu proprio Veleda, infatti, a predire gli iniziali i primi successi dei ribelli.

Qualche tempo prima la medesima funzione era stata riconosciuta ad Albruna (o Avrinia) e in seguito a Hanna.

Per quanto riguarda i cimbri (una tribù germana alla quale molti attribuiscono origini celtiche) all’epoca della loro spedizione contro l’Italia, i prigionieri venivano uccisi personalmente dalle anziane sacerdotesse o dalle sibille che traevano auspici sull’esito della guerra dal sangue e dalle interiora delle vittime.

Read More

Nativi Americani

Il culto della natura per i Nativi Americani comprendeva l’adorazione dei quattro elementi: la terra, il fuoco, l’acqua, il vento ed ognuno aveva la propria personificazione.

Per i Dakota la terra veniva impersonata dallo spirito Tunkan, al fuoco, al tuono e al lampo corrispondevano degli spiriti chiamati Vakinian, i quattro venti assumevano la forma degli spiriti Takushkanshkan, mentre quelli che rappresentavano l’acqua, il mondo subacqueo e quello sotterraneo erano chiamati Unktehi.

Ognuno di questi quattro elementi era collegato con un punto cardinale e con un colore: Tunkan corrispondeva al nord e al colore azzurro, Vakinian all’oriente e al colore rosso, Takushkanshkan al sud e al colore nero e Unktehi all’occidente e al colore giallo.

Disegnando sul terreno le direzioni dei quattro punti cardinali, si ottiene una croce, la quale, aveva un importante significato simbolico nei riti dei nativi in quanto le sue quattro braccia venivano associate ai quattro elementi.

Il simbolo della croce aveva un valore primario nei riti religiosi dei Navajo, infatti disegnavano nel luogo delle cerimonie, servendosi di sabbia colorata, una croce alle cui estremità venivano raffigurate personificazioni degli elementi, figure umane stilizzate rappresentate con le teste rivolte dalla stessa parte, in modo da ottenere una croce gammata (svastica).

Per la maggior parte delle tribù il numero quattro aveva un significato sacro; presso i Sioux i clan erano raggruppati secondo i quattro punti cardinali e durante le riunioni cerimoniali si disponevano in un determinato ordine secondo i quattro settori di un cerchio.

 

POTREBBE INTERESSARTI
I Nativi Americani

 

Read More