Aloe la pianta dei miracoli


Rimedi Naturali / lunedì, Ottobre 23rd, 2017

Aloe vera

La leggenda narra che, durante la guerra contro l’Egitto, dietro consiglio di Aristotele, Alessandro Magno inviò un esercito per conquistare l’isola di Socotra, vicino al Corno d’Africa.
Il motivo era assicurarsi una buona scorta di Aloe Vera, che nell’isola cresceva con immense piantagioni, la pianta era utilissima per curare le ferite dei soldati e nel frattempo sottrarla al nemico impedendogli così di prestare le prime cure ai propri uomini.

Le prime testimonianza sull’uso dell’Aloe risalgono a 4300 anni prima di Cristo: sui muri di un antico tempio egizio sono state rinvenute raffigurazioni riguardati il suo utilizzo.

Gli egizi chiamavano l’Aloe la “Pianta dell’Immortalità” poiché rientrava nella composizione degli unguenti utilizzati per, imbalsamare il corpo dei Faraoni.
Sembra che anche Cleopatra utilizzasse l’Aloe nelle sue creme di bellezza al fine di mantenere la pelle sempre giovane e idrata.

Uno dei primi documenti dettagliati che descrivono l’uso della pianta e una serie di formule e miscele è il Papiro Ebers.
greci e i romani erano soliti applicare il gel di Aloe sulle ferite, avendone scoperto la capacità di accelerare il processo di cicatrizzazione.
Nel Medioevo e nel Rinascimento l’uso di questa pianta si diffuse rapidamente anche nelle terre con clima freddo.
Purtroppo, nel corso dei secoli, l’uso dell’Aloe Vera diminuì in seguito ad erronee credenze.
Dobbiamo attendere gli anni ’30 quando, grazie al supporto della documentazione scientifica, furono riscoperte e confermate le molteplici virtù medicamentose dell’Aloe.

Il nome Aloe probabilmente deriva dal greco “Als” o dall’ebraico “Alua” che significa “mare” o “amaro”, infatti, il succo dell’Aloe ha un sapore amaro-salato che ricorda l’acqua del mare.
Spesso è chiamata la Pianta del Miracolo o il Guaritore Naturale.
E’ una pianta perenne, che possiede un corto fusto legnoso e foglie lanceolate, carnose, molto grandi che terminano a punta acuta e sono provviste di spine ai margini. Dal centro della rosetta di foglie spicca uno stelo colmo di fiori color giallo o rosso porpora.

Le proprietà curative di questa pianta sono innumerevoli e i suoi effetti collaterali sono praticamente nulli.
I prodotti che si possono ottenere dall’Aloe sono essenzialmente due:
– Dalle incisioni degli strati superficiali della foglia si ottiene il succo amaro e giallastro che viene poi solidificato ottenendo un prodotto lassativo.
– Dalle incisioni fogliari profonde si ottiene, invece, una soluzione usata in dermatologia e cosmetica, conosciuta come Aloe Vera gel.
Questo gel possiede proprietà cicatrizzanti e lenitive e può essere utilizzato su ulcere, eczemi e punture d’insetti.

L’uso del gel di Aloe ha dimostrato un’attività antinfiammatoria efficace, la sua applicazione nelle zone infiammate garantisce un immediato sollievo dal dolore e dal gonfiore.
Anche in caso di psoriasi si ha un più veloce ricambio cellulare che permette una rapida desquamazione della pelle.
L’Aloe può essere assunta come bevanda per la cura di svariate malattie che colpiscono l’apparato gastrointestinale.
L’azione lassativa dell’Aloe è una fra quelle conosciute sin dall’antichità.
Numerosi studi condotti sull’uomo hanno dimostrato che il consumo d’Aloe diminuisce il valore del colesterolo, dei trigliceridi e di fosfolipidi.

Precauzioni d’uso:
Un caso in cui bisogna realmente prestare attenzione al consumo dei prodotti contenti Aloe è in caso di diabete insulino dipendente.
Per le donne in gravidanza è meglio evitare l’assunzione di Aloe, vista la sua azione drasticamente purgante che induce spasmi intestinali.
Ovviamente prima di assumere qualsiasi tipo di sostanza è meglio rivolgersi al proprio erborista di fiducia.

Aloe vera
Le proprietà curative di questa pianta sono innumerevoli e i suoi effetti collaterali sono praticamente nulli.
Basilico
E’ una delle piante aromatiche più usate in cucina e grazie all’eugenolo, la sostanza che le dona il caratteristico profumo, il basilico assume un’importante funzione depurativa e antinfiammatoria
Garofano
L’ olio essenziale di garofano rientra nelle preparazioni farmacologiche utilizzate negli studi dentistici, proprio grazie al suo potere antimicrobico e alla sua azione analgesica pressoché immediata
Iperico
Alcuni studi clinici hanno dimostrato che l’iperico ha un’efficacia paragonabile ad alcuni psicofarmaci nella cura della depressione lieve e moderata
Limone
Giallo come il sole il limone, contiene virtù incredibili, ha proprietà antibatteriche e detergenti, depurative, disintossicanti dell’organismo, rimineralizzanti e antianemiche, attiva e rinforza le difese immunitarie