MADRE TERRA

Dea santa Terra


Rimedi naturali: limone

Rimedi naturali: limone


Posted By on Nov 12, 2017



Il limone contiene virtù incredibili

Rimedi naturali: limone

Giallo come il sole il limone, contiene virtù incredibili, ha proprietà antibatteriche e detergenti, depurative, disintossicanti dell’organismo, rimineralizzanti e antianemiche.

attiva e rinforza le difese immunitarie

PER LAVARE LA LANA
Provate a lasciare i vostri indumenti di lana per un giorno in acqua e succo di limone (due per ogni litro d’acqua): morbidezza garantita.

DETERGENTE PER I PIATTI 
Un cucchiaio di bicarbonato, un limone tritato finemente, aggiungete mezza tazzina da caffè di aceto, mescolate e passate sui piatti sporchi.
Potete strofinate mezzo limone sulla superficie delle stoviglie prima di metterle nella lavastoviglie.

PER LA SETA 
Per ravvivare la seta insaponate, sciacquate e lasciate a bagno per qualche ora in acqua e succo di limone.

TONIFICANTE
Il limone tonifica la pelle del viso. Basta strofinare le scorze direttamente sul volto, evitando gli occhi, oppure imbevete un batuffolo di cotone nel succo  e passatelo sulla pelle.

SGRASSANTE NATURALE 
Sgrassa le superfici lavabili della cucina, rendendo lucido l’acciaio.Preparate una pappetta con mezzo limone e sale, strofinate bene sui ripiani interessati.
Non utilizzate sul marmo o su materiali particolarmente delicati.

SBIANCANTE PER I DENTI 
Le fastidiose macchie provocate da fumo e caffè si possono trattare con il limone. Spremere il succo di un limone in un contenitore aggiungendo un cucchiaio di bicarbonato imbevete lo spazzolino e strofinatelo sui denti.
Da fare non più di una volta al mese.

ANTIACIDO 
Ogni mattina spremetene metà in un bicchiere d’acqua e bevete a stomaco vuoto.

BRILLANTANTE NATURALE
Per pulire e far brillare rame, ottone, alluminio e superfici metalliche basta strofinare il limone direttamente sulla superficie da trattare, risciacquare e asciugare.

LUCIDANTE PER CAPELLI 
Dopo aver lavato i capelli normalmente, versate il succo di due limoni, massaggiate il cuoio capelluto e risciacquate.

ADDENSANTE
Qualche cucchiaino di succo aggiunto alle marmellate fatte in casa serve per farle addensare

Aglio
L’aglio, uno dei rimedi più antichi e diffusi della medicina popolare, ha numerose proprietà.
Aloe vera
Le proprietà curative di questa pianta sono innumerevoli e i suoi effetti collaterali sono praticamente nulli.

Basilico
E’ una delle piante aromatiche più usate in cucina e grazie all’eugenolo, la sostanza che le dona il caratteristico profumo, il basilico assume un’importante funzione depurativa e antinfiammatoria

Garofano
L’ olio essenziale di garofano rientra nelle preparazioni farmacologiche utilizzate negli studi dentistici, proprio grazie al suo potere antimicrobico e alla sua azione analgesica pressoché immediata

Iperico
Alcuni studi clinici hanno dimostrato che l’iperico ha un’efficacia paragonabile ad alcuni psicofarmaci nella cura della depressione lieve e moderata

Lavanda
L’olio essenziale di lavanda è uno degli oli essenziali più usati; non ha controindicazioni, salvo eventuali allergie a questa pianta.

Limone
Giallo come il sole il limone, contiene virtù incredibili, ha proprietà antibatteriche e detergenti, depurative, disintossicanti dell’organismo, rimineralizzanti e antianemiche, attiva e rinforza le difese immunitarie

Read More
Aloe la pianta dei miracoli

Aloe la pianta dei miracoli


Posted By on Ott 23, 2017

Aloe vera

La leggenda narra che, durante la guerra contro l’Egitto, dietro consiglio di Aristotele, Alessandro Magno inviò un esercito per conquistare l’isola di Socotra, vicino al Corno d’Africa.
Il motivo era assicurarsi una buona scorta di Aloe Vera, che nell’isola cresceva con immense piantagioni. La pianta era utilissima per curare le ferite dei soldati e nel frattempo sottrarla al nemico impedendogli così di prestare le prime cure ai propri uomini.

Le prime testimonianza sull’uso dell’Aloe risalgono a 4300 anni prima di Cristo: sui muri di un antico tempio egizio sono state rinvenute raffigurazioni riguardati il suo utilizzo.
Gli egizi chiamavano l’Aloe la “Pianta dell’Immortalità” poiché rientrava nella composizione degli unguenti utilizzati per, imbalsamare il corpo dei Faraoni.
Sembra che anche Cleopatra utilizzasse l’Aloe nelle sue creme di bellezza al fine di mantenere la pelle sempre giovane e idrata.

Uno dei primi documenti dettagliati che descrivono l’uso della pianta e una serie di formule e miscele è il Papiro Ebers.
greci e i romani erano soliti applicare il gel di Aloe sulle ferite, avendone scoperto la capacità di accelerare il processo di cicatrizzazione.
Nel Medioevo e nel Rinascimento l’uso di questa pianta si diffuse rapidamente anche nelle terre con clima freddo.
Purtroppo, nel corso dei secoli, l’uso dell’Aloe Vera diminuì in seguito ad erronee credenze. Dobbiamo attendere gli anni ’30 quando, grazie al supporto della documentazione scientifica, furono riscoperte e confermate le molteplici virtù medicamentose dell’Aloe.

Il nome Aloe probabilmente deriva dal greco “Als” o dall’ebraico “Alua” che significa “mare” o “amaro”, infatti, il succo dell’Aloe ha un sapore amaro-salato che ricorda l’acqua del mare.

Spesso è chiamata la Pianta del Miracolo o il Guaritore Naturale.

E’ una pianta perenne, che possiede un corto fusto legnoso e foglie lanceolate, carnose, molto grandi che terminano a punta acuta e sono provviste di spine ai margini. Dal centro della rosetta di foglie spicca uno stelo colmo di fiori color giallo o rosso porpora.

Le proprietà curative di questa pianta sono innumerevoli e i suoi effetti collaterali sono praticamente nulli.
I prodotti che si possono ottenere dall’Aloe sono essenzialmente due:
– Dalle incisioni degli strati superficiali della foglia si ottiene il succo amaro e giallastro che viene poi solidificato ottenendo un prodotto lassativo.
– Dalle incisioni fogliari profonde si ottiene, invece, una soluzione usata in dermatologia e cosmetica, conosciuta come Aloe Vera gel.
Questo gel possiede proprietà cicatrizzanti e lenitive e può essere utilizzato su ulcere, eczemi e punture d’insetti.

L’uso del gel di Aloe ha dimostrato un’attività antinfiammatoria efficace, la sua applicazione nelle zone infiammate garantisce un immediato sollievo dal dolore e dal gonfiore.
Anche in caso di psoriasi si ha un più veloce ricambio cellulare che permette una rapida desquamazione della pelle.
L’Aloe può essere assunta come bevanda per la cura di svariate malattie che colpiscono l’apparato gastrointestinale.
L’azione lassativa dell’Aloe è una fra quelle conosciute sin dall’antichità.
Numerosi studi condotti sull’uomo hanno dimostrato che il consumo d’Aloe diminuisce il valore del colesterolo, dei trigliceridi e di fosfolipidi.

Precauzioni d’uso:
Un caso in cui bisogna realmente prestare attenzione al consumo dei prodotti contenti Aloe è in caso di diabete insulino dipendente.
Per le donne in gravidanza è meglio evitare l’assunzione di Aloe, vista la sua azione drasticamente purgante che induce spasmi intestinali.
Ovviamente prima di assumere qualsiasi tipo di sostanza è meglio rivolgersi al proprio erborista di fiducia.

Aglio
L’aglio, uno dei rimedi più antichi e diffusi della medicina popolare, ha numerose proprietà.
Aloe vera
Le proprietà curative di questa pianta sono innumerevoli e i suoi effetti collaterali sono praticamente nulli.
Basilico
E’ una delle piante aromatiche più usate in cucina e grazie all’eugenolo, la sostanza che le dona il caratteristico profumo, il basilico assume un’importante funzione depurativa e antinfiammatoria
Garofano
L’ olio essenziale di garofano rientra nelle preparazioni farmacologiche utilizzate negli studi dentistici, proprio grazie al suo potere antimicrobico e alla sua azione analgesica pressoché immediata
Iperico
Alcuni studi clinici hanno dimostrato che l’iperico ha un’efficacia paragonabile ad alcuni psicofarmaci nella cura della depressione lieve e moderata
Limone
Giallo come il sole il limone, contiene virtù incredibili, ha proprietà antibatteriche e detergenti, depurative, disintossicanti dell’organismo, rimineralizzanti e antianemiche, attiva e rinforza le difese immunitarie

Read More
CHAKRA

CHAKRA


Posted By on Gen 17, 2021

CHAKRA

Chakra
Chakra picture produced by AuraStar2000TM bio-energy sensor

Chakra è una parola che viene dal sanscrito, antica lingua parlata dalle popolazioni indiane dell’Asia. Chakra significa ruota, circolo, e disco solare, ed è un attributo del dio hindú Vishnu.

I Chakra sono centri di energia della nostra forza vitale.

Ogni chakra corrisponde a una ghiandola endocrina del nostro corpo, ne controlla aree e funzioni fisiche specifiche. Il Chakra in cui si manifestano stress o malattie, risulta più scuro, opaco e torbido. Sbloccare e fare scorrere nuovamente l’energia in quel chakra può guarire il problema fisico.

Alcune medicine alternative, per esempio la cristalloterapia, fanno riferimento alla nozione del chakra sebbene non vi sia alcuna evidenza scientifica circa la loro esistenza.

Esistono sette chakra basici:
  • DELLA CORONA: si trova nella parte superiore della nuca. Corrisponde alla ghiandola pineale ed è responsabile del cervello e del sistema nervoso.
  • DELLE SOPRACCIGLIA: posizionato al centro della fronte (terzo occhio) corrisponde alla ghiandola pituitaria. E’ responsabile della fronte, delle tempie e del sistema carotideo.
  • DELLA GOLA: è alla base della gola e corrisponde alla ghiandola tiroidea. E’ responsabile del collo e del sistema branchiale.
  • DEL CUORE: si trova al centro del petto e corrisponde alla ghiandola timo. E’ responsabile del cuore, dei sistemi di circolazione e cardiaco, dei polmoni e della zona del petto.
  • PLESSO SOLARE: è posizionato tra l’ombelico e la parte inferiore dello sterno. Questo chakra che corrisponde al pancreas, è un centro di energia importante, responsabile dello stomaco, intestino e fegato. Degli occhi, della pelle e del sistema muscolare.
  • SACRALE: Posizionato al centro dell’addome, corrisponde alle gonadi (le ghiandole che hanno la funzione di elaborare gli ormoni regolatori dell’attività sessuale: nell’uomo i due testicoli, nella donna le due ovaie). E’ responsabile del sistema riproduttivo e dell’area lombare.
  • RADICE: si trova tra gli organi sessuali e l’ano. Corrisponde alla ghiandola surrenale. E’ responsabile della struttura ossea, compresi i denti, del nervo sciatico, delle gambe e delle anche.

A secondo delle varie culture, ai chakra, vengono attribuiti specifici colori, elementi della Terra e determinate pietre.

Read More
AGRIFOGLIO

AGRIFOGLIO


Posted By on Nov 22, 2019

PIANTE

Agrifoglio

L’agrifoglio racchiude in sé i colori del Natale: il vivace verde scuro del suo fogliame e il rosso acceso delle sue bacche.

Utilizzato come pianta decorativa già molto prima dell’avvento del Natale cristiano, viene identificato come un prezioso portafortuna.

Ritenuta una pianta dalle proprietà magiche, l’agrifoglio era intrecciato tra i capelli durante i riti sacrificali come portatore di buon auspicio ed era utilizzato durante ogni festività.

Era inoltre appeso fuori dalla porta delle case, come decorazione per onorare gli spiriti della foresta e regalato in rametti alle persone amate.

Durante la festa celtica di Yule, al solstizio d’inverno, era celebrata la rinascita del Sole, che era simbolicamente rappresentata come una lotta tra la quercia estiva e l’agrifoglio invernale.

Anche nei Saturnali romani, le bacche rappresentavano la prosperità, il ritorno della luce dopo le tenebre.

Un vero portafortuna per l’anno che doveva venire.

Dalla festa di Yule, deriverebbe l’uso decorativo come simbolo del perdurare della vita durante l’oscurità e il freddo invernale.

Agrifoglio

L’Agrifoglio è una pianta sempreverde appartenente alla famiglia delle Aquifoliaceae, originario dell’Asia occidentale e dell’Europa.

Può raggiungere l’altezza di 10-20 metri. La sua chioma è a forma piramidale con la corteccia liscia e grigia. I rami sono di colore verdastro, le foglie di un verde scuro lucente, con i bordi a volte di color bianco, crema o giallo.

Il loro margine spinoso è una delle caratteristiche che lo distinguono.

I suoi frutti sono delle bacche polpose di colore rosso vivo, velenose per l’uomo, ma particolarmente gustose per gli uccelli, mentre i fiori sono piccoli, bianchi o rosati.

Read More
Taco Navajo

Taco Navajo


Posted By on Nov 11, 2018

/ 5
Grazie per aver votato!

Read More
Pianeti: Marte

Pianeti: Marte


Posted By on Lug 31, 2018

Marte

Noto come il pianeta rosso per la sua colorazione visibile anche ad occhio nudo, Marte, se osservato al telescopio, rivela due bianche calotte polari, macchie di color rosso cupo e una serie di sottili strutture scure.

I canali individuati da Schiaparelli nel 1877, per la loro disposizione regolare, fecero pensare all’esistenza di civiltà extraterrestri. In seguito fu accertato che i canali non erano altro che illusioni ottiche dovute a turbolenze atmosferiche.

Le calotte sono costituite da uno strato di ghiaccio d’acqua ricoperto da un altro di ghiaccio secco (anidride carbonica solida), il quale fonde durante l’estate marziana poichè la temperatura ambientale (-68 °C) è superiore a quella di liquefazione dell’anidride carbonica (-125 °C), secondo la pressione atmosferica di Marte.

L’atmosfera marziana è composta prevalentemente di anidride carbonica con tracce di azoto e di vapore acqueo; è molto rarefatta, dato che è circa 100 volte meno densa di quella terrestre, e quindi risulta piuttosto agevole studiare la superficie del pianeta.

La superficie di Marte è stata fotografata a partire dal dagli anni ’60 dalle sonde della serie Mariner e Viking e presenta caratteristiche fortemente diverse da una zona all’altra del pianeta.

Nell’emisfero settentrionale predominano infatti regioni pianeggianti e desertiche coperte da rocce rossastre e da detriti ricchi di ferro e di idrossidi di ferro.
L’emisfero meridionale, invece, appare molto accidentato e ricoperto da numerosi crateri, segno di antichi bombardamenti meteoritici.

In questo emisfero, ad esempio, si trova Hellas, uno dei più grandi bacini da impatto del sistema solare, che ha un diametro di 1800 km e una profondità di 3 km.

Caratteristiche sono anche le due vaste regioni Tharis ed Elysium, situate al di sopra dell’equatore di Marte: presentano una concentrazione di vulcani di notevoli dimensioni, quale il Monte Olimpo, alto 26 km.

La zona meridionale della Tharis è, inoltre, solcata dalla Valles Marineris, un’enorme frattura che si estende per più di 5000 km, pari ad 1/6 della circonferenza di Marte , ed è larga in alcuni tratti anche 100 km.

Marte ha due satelliti, Phobos e Deimos, scoperti nel 1877 da A. Hall, entrambi sono molto piccoli e di forma irregolare – il diametro medio di Phobos è di 25 km, quello di Deimos è di 13 km – ed hanno la superficie quasi completamente ricoperta di crateri di varie dimensioni.

a cura di Cristina Tartaglino

Read More
Terra – I quattro elementi

Terra – I quattro elementi


Posted By on Nov 4, 2017

La Terra è la Grande Madre feconda

Quattro elementi: terra

Il concetto di “Madre Terra” è presente in ogni cultura, la Terra è l’archetipo della “Grande Madre feconda”, perché la Natura con la sua linfa vitale alimenta ogni forma vivente.

La Terra è il luogo della metamorfosi, della germinazione: dal seme che si macera nella terra nasce la nuova pianta, è il ventre materno che racchiude in sé la vita, simbolo della funzione materna, della fecondità e della rigenerazione.

E’ la Madre universale dalla quale ogni creatura è stata generata e alla quale ritornerà; l’uomo è legato alla Terra da uno scambio di elementi e di energie: la Natura agisce sull’uomo e l’uomo agisce su di essa.

L’anima della Terra è il movimento di sviluppo della coscienza, collegando elementi della Terra e spirituali operiamo un’evoluzione partecipando alla trasformazione della qualità di coscienza della Terra.

Ogni uomo, a suo modo, opera la trasformazione della realtà, chi trasformando la pietra, chi i metalli, chi il terreno.

Trasformazione è evoluzione,
questo è il senso del laboratorio della nostra vita.

L’uomo da sempre usa le leggi della natura per progredire, ma deve sapere che la natura ha leggi immutabili che devono essere rispettate, non si può disubbidirle, la furia degli elementi naturali può schiacciarlo e distruggere tutto ciò che egli ha costruito.

Si possono spiegare alcune misteri della Terra?

Per quale alchimia il carbonio si trasforma in diamante e un metallo diventa oro?
Qual è l’energia che muta la roccia facendo apparire nuovi metalli?

La scienza può descriverne il processo, ma non dirne il perché, è questo uno dei misteri della Terra e delle leggi della natura.

Nel pensiero collettivo la Terra è l’aspetto materiale della vita, la concretezza, ciò che ha volume e occupa spazio, in contrapposizione al cielo, all’elevazione, al divino.

Il pensiero collettivo distingue il cielo e la Terra, l’alto e il basso, l’anima e il corpo, lo spirito e la materia, questa distinzione ha portato ad attribuire alla Terra significati opposti alla spiritualità.

La Terra e il cielo si chiamano a vicenda avendo le stesse leggi, energie diverse ma convergenti.

L’uno senza l’altra non ha esistenza.
In alto come in basso”, insegnavano gli Iniziati, l’uomo riunisce Cielo e Terra

Alchemy water symbol.svgACQUA
Troviamo nei testi indù “tutto era acqua”, nel Tao “le acque non avevano rive”, nella Genesi “Lo spirito di Dio era sulla superficie dell’acqua

Alchemy air symbol.svgARIA
L’aria, come il fuoco, è considerata un elemento attivo e maschile simbolo dello spirito, dell’attività mentale, rappresenta quindi l’energia della vita che è associata al respiro.

Alchemy fire symbol.svgFUOCO
Il fuoco rappresenta l’energia universale, il suo simbolo è riferito al sole che con i suoi raggi concede l’energia necessaria alla vita, riscalda e illumina

Alchemy earth symbol.svgTERRA
Il concetto di “Madre Terra” è presente in ogni cultura, la Terra è l’archetipo della “Grande Madre feconda”, perché la Natura con la sua linfa vitale alimenta ogni forma vivente.

Read More
Oroscopo celtico: tiglio

Oroscopo celtico: tiglio


Posted By on Nov 21, 2014

tiglio

Caratteristiche generali
Il tipo Tiglio, più di ogni altra cosa, desidera starsene in pace. Detesta la competizione, lo stress da carriera ed evita se possibile ogni pur piccolo litigio o grattacapo.

Per questo accetta continui compromessi e a volte rinuncia a esperienze importanti pur di non sentirsi sotto pressione. E’ comunque una persona molto dinamica, anche perché preferisce l’eclettismo alla specializzazione.

Amore
Il Tiglio piace istintivamente per i suoi modi equilibrati e riposanti. E’ anche un partner caldo, dolce e fantasioso, purché il rapporto non riveli complicazioni emotive o richieda eccessivi sacrifici o scelte dirette. Nocciolo, Olmo o Cipresso possono essere partner adatti.

Amicizia
Con gli amici il Tiglio è molto protettivo e tollerante. E’ sempre disposto a capire, pazientare o perdonare, e di solito è lui che fa da mediatore se in compagnia nasce qualche conflitto.

Difficilmente si lascia andare a una critica, altrettanto difficilmente la accetta, ma con il Cipresso o il Castagno può fare un’eccezione.

Affinità con gli altri alberi
Senza ombra di dubbio il nato del Tiglio si trova a proprio agio soprattutto con i nati del Cipresso.

Appartengono a questo albero
Gianni Agnelli, Asia Argento, Antonio Bassolino, Bernardo Bertolucci, Greta Garbo, Isabelle Huppert, Luciano Ligabue, Sofia Loren, Reinhold Messner, Liza Minnelli, Marcel Proust.

 

Read More
Oroscopo celtico: salice

Oroscopo celtico: salice


Posted By on Nov 21, 2014

salice

Caratteristiche generali
Il tipo Salice ha una personalità complessa e a volte un po’ nevrotica. Di grande sensibilità, tende a essere malinconico e sembra preferire il mondo dell’arte, della poesia o del sogno alla vita reale.

Non è comunque fragilissimo e la sua tendenza ad autocommiserarsi nasconde forse una sottile presunzione da “incompreso” che tuttavia, si sa, fa tanta tenerezza.

Amore
Il Salice vive l’amore come un estatico tormento: romantico e appassionato, non sa risolvere un certo “complesso di abbandono” e quindi non riesce ad essere mai completamente felice di un rapporto, spesso soffocando il partner con la sua gelosia.

E’ rassicurato e spronato da Faggio e Noce.

Amicizia
La vita sociale non piace molto all’introverso Salice, che di solito passa il tempo libero a leggere poesie o ad ascoltare musica, meditando sul tempo che passa.

E’ interessato solo a rapporti empatici, come quelli che può avere con i tipi Nocciolo o Pioppo; con l’Acero riesce ad abbandonarsi, e forse anche a crescere.

Affinità con gli altri alberi
Le relazioni migliori del Salice sono quelle che si instaurano con i più solidi nati del Faggio e dell’Ulivo.

Appartengono a questo albero
Lucio Battisti, Lucio Dalla, Miriam Makeba, Gabriel Garcia Marquez, Anna Magnani, Paola del Belgio, Pierpaolo Pasolini, Cesare Pavese, Sergio Pininfarina, Peter Sellers.

 

Read More
Oroscopo celtico: ontano

Oroscopo celtico: ontano


Posted By on Nov 21, 2014

ontano

Caratteristiche generali
Introverso, intelligente e in genere di ottima cultura, il tipo Ontano ha soprattutto un ottimo senso pratico che gli permette di pianificare bene la propria vita e il proprio lavoro.

Per questo si fa apprezzare più per la serietà che per la generosità o la simpatia. E’ anche un fine parlatore e potrebbe essere un ottimo critico d’arte.

Amore
L’Ontano ha un incredibile autocontrollo ed è raro che lasci trasparire emozioni: ciò non significa che non le provi, anzi, il suo cuore si infiamma di rado ma con grande intensità!

Purtroppo trasferisce anche in campo affettivo l’istinto a organizzare, e questo ostacola l’espressione spontanea dei suoi sentimenti. Lega più facilmente con i tipi Ulivo, Quercia, Olmo.

Amicizia
Anche se è abbastanza solitario, l’Ontano considera l’amicizia molto importante: lo spaventa meno dell’amore e quindi gli permette di aprirsi e rapportarsi agli altri in modo meno rigido o prudente.

Con gli amici ama condividere interessi culturali più che passatempi ricreativi.

Affinità con gli altri alberi
Il nato Ontano può vivere una relazione molto forte e importante con i nati della Quercia e dell’Olmo.

Appartengono a questo albero
Ingrid Bergman, Sean Connery, Vittorio Gassman, Richard Gere, Luca Goldoni, Luca Cordero di Montezemolo, Gioacchino Rossini, Elizabeth Taylor, Teo Teocoli.

 

Read More