I miei occhi implacabili, Camillo Sbarbaro.

I miei occhi implacabili

I miei occhi implacabili

che sono
sempre limpidi pure quando piangono
Amicizia non vale ad ingannare.
Quando parliamo troppo forte o quando
d’improvviso taciamo tutti e due,
vedono essi il male che ci rode.

/


Col rumor della voce noi vogliamo
creare fra noi quel che non è;
quando taciamo non sappiam che dirci
ed apre degli abissi quel silenzio.

/


Allacciarci non giova con le braccia
se distinti restiamo ai nostri occhi.


/


A ingannarli non vali neppur tu,
Dolore. Quando allenti la tua stretta,
il mio padre e le mia sorella anch’esse
s’allontanano paurosamente.


/


Certe volte vedendo una bestiola
che lecca una bestiola e gioca seco,
mi morde il cuore una crudele invidia.


/


Con gli occhi vedo che mi sei negata,
gioia di voler bene a quelcheduno.

—  I miei occhi implacabili poesia di Camillo Sbarbaro, estratta dal libro Pianissimo

 

Seguimi su Instagram e leggi questi articoli:
I miei occhi implacabili
Photo: Oziel Gomez
I miei occhi implacabili. Quando parliamo troppo forte o quando d’improvviso, taciamo tutti e due.