Ratafia Ciociara

In questi giorni grazie al raccolto dell’orto e della frutta di stagione la mia cucina è un laboratorio sempre in attivo…sono in preparazione sia il liquore alle prugne selvatiche (dicono che sia la versione originale) della Ratafia Ciociara. Facendo varie ricerche ho notato delle diverse versioni della ricetta in alcuni casi vengono utilizzate le ciliege rosse e la grappa mentre in altre ricette visciole e vino rosso. Oggi vi propongo la versione con ciliegie nere e grappa…nel ricettario troverete anche la versione con vino rosso e visciole.

Ingredienti

  • 1 kg di ciliegie nere denocciolate
  • 2 lt di grappa
  • 1 lt di alcool etilico a 95°
  • 1 lt di acqua
  • 1 kg di zucchero
  • 1 stecca di cannella

Procedimento
Dopo aver raccolto e lavato le ciliegie disponetele su una tovaglia piegata a metà (io uso sempre quelle vecchiotte) e ricopritele con l’altra metà della tovaglia e lasciatele asciugare per circa mezza giornata. Preparete tutti gli arnesi, contenitori e ingredienti (denocciolatore, ciotole, vasi ermetici, tagliere grappa, alcool, pestacarne, tagliere di legno) e quindi procedete con la seconda fase della preparazione della Ratafia Ciociara.
Iniziate con il denocciolare le ciliege quindi in una ciotola versate il succo delle ciligie e la polpa e in un altra ciotola i noccioli; in un vaso con chiusura ermetica versate i 2 litri di grappa e la polpa e il succo raccolto, chiudete bene il vaso e posizionatelo al sole per più di un mese.
Ora passiamo ai noccioli, su di un tagliere di legno disponete i noccioli e con un pestacarne cercate di sminuzzarli quasi a formare una poltiglia, versatela in un vaso (sempre con chiusura ermetica) e versate l’alcool a 90° chiudete e posizionatelo anche questo al sole (ricordate di scuotere ogni tanto i vasi durante il mese).
Siamo giunte alla terza fase della preparazione, preparate lo sciroppo con 1 litro d’acqua e  1 kg di zucchero (lasciatelo raffreddare) poi con un colino filtrate sia la grappa che l’acool in un unico contenitore a cui unirete lo sciroppo di zucchero,mescolate con un cucchiatio di legno e  imbottigliate il liquore e lasciate riposare, in un posto buio e fresco, la Ratafia Ciociara per circa 2 mesi.

La Ratafia ancora non è imbottigliata presto vi pubblicherò le foto

Precedente Torta rustica patate speck e provola affumicata Successivo Liquore alle Albicocche