Vecchiaia sulla rampa di lancio

No no, non parlo di nessun tenero vecchino scorto su una panchina, nè di un nonno, nè di come sarò io da vecchia. Parlo di me, qui e ora.
Perchè a 31 anni sì sì sei una giovane donna ma un par di scatole. Non sei più una ragazzina, a volte (ma ancora non sempre) ti chiamano signora e a te viene da girarti per vedere con chi chiacchierano.
Ma insomma tutta sta manfrina è per annunciare l’inizio del mio decadimento fisico. Nooo non le tette, perchè ad averle piccine qualche benefit c’è, nooo non le rughe, perchè ancora tra me e Gollum si riescono a scorgere nette differenze… nooooo nemmeno i capelli bianchi, perchè non ce li ho nonostante Aletopo faccia finta di strapparmene.

Parlo degli acciacchi.
Due giorni fa stavo nella sala d’aspetto del mio medico di famiglia, che di famiglia non è manco per niente perchè la residenza a Roma l’ho presa da due anni e quello di famiglia vero è un altro. Insomma aspettavo il mio turno tra orde di vecchietti veri catarrosi e incattiviti dall’attesa e dal riscaldamento a mille, e pensavo che era da quando ero incinta che non andavo lì. E poi sto dottore mi sta anche sulle scatole, lo abbiamo scelto a caso tra una lista di nomi perchè vicino a casa. Non è che non sia bravo, ma che sembra Magalli incrociato col nano del Signore degli Anelli, e quindi insomma, già a vederlo… ti faresti segnare la ricetta per l’antinausea.

Ma andiamo avanti, facendo forward tra i vecchietti in sala d’attesa…

– Buonasera dottore
– Ciao siediti pure (perchè mi dai del tu bischero?)
Intanto anche un apprendista in camice immacolato (perchè gli specializzandi di Grey’s anatomy non specializzano sulla Tiburtina?) e tutto proteso, fingendo interessamento, mi ascolta
– Dunque: da qualche giorno, verso l’ora di cena mi sale la febbre, poi vado a dormire e la mattina sto bene e continuo a stare bene fino alla sera dopo
espressione piatta
– A questo punto se mi prescrive delle analisi generali
– Ahh ma io qui vedo al quarto mese di gravidanza..
– Sì dottore na volta.. Nictopino ha quasi 15 mesi, balla il walzer, mangia l’hamburger e dà i baci
– Ahh beh allora bisognerebbe aggiornare (certo nano delle caverne, fai con comodo)
– – Va bee, allora queste sono le analisi che deve fare, poi mi fa sapere? (non lo so se ti faccio sapere)

Morale della favola, pure la febbre si è spaventata con Nanomaglli e non è più venuta, e io le analisi non le ho ancora fatte causa forza maggiore tipicamente femminile e tipicamente scassapalle.
Roma è allagata, Nictopino mi abbraccia e si autodefinisce Nindolò, Aletopo mi ha vinto un nuovo pc tuttopemmè a poker!!
Non so, è positivo sto bilancio?

Precedente Era una notte buia e tempestosa Successivo Le mie amiche stelle

Lascia un commento