Se lavori su internet non capiscono cosa fai

Io lavoro su internet da 10 anni ormai, 10 anni sono tanti, soprattutto se pensi che ora è facile trovare gente che non solo lo usa (quello tutti ormai spero) ma che ne ha fatto una professione in qualche modo. 10 anni fa no e tuttora, con molta gente, quando dico quello che faccio, devo usare dei sinonimi meno ostici. 10 anni fa non capiva quasi nessuno quello che facevo e devo dire che all’inizio lo capivo poco anche io. inserivo i miei articoli in un foglio elettronico bianco e me li vedevo pubblicati online. l’html era un mistero e non avevo ben chiaro come facessi a fare quello che facevo. 

assorbivo come una spugna quello che chi lavorava con me faceva. Ora sono passati 10 anni, tra pochi giorni un’importante scadenza, l’ennesima in questi anni che son passati velocemente, mi sta assorbendo totalmente. Il mio lavoro consiste nel gestire editorialmente i tre portali femminili del gruppo Banzai, ovvero Girlpower, Pianetadonna e Pianetamamma, ma forse, se mi leggete questo lo saprete già.

10 anni fa ho cominciato, fresca di Polimoda, a scrivere di musica e moda per la stessa società per la quale lavoro oggi. Società che è cambiata in un iperbole di acquisizioni e cambiamenti fino ad oggi. Perchè scrivo questo? Innanzitutto per chiarire cos’è questo lavoro su Internet e perchè io vivo praticamente sempre online. E poi perchè mi sono rotta di

bella vita!

fai un lavoro fighissimo (vero, non lo cambierei mai, ma è un lavoro e ognuno aspira all’erba del vicino)

cioè ma tu i siti li fai proprio per lavoro? ti pagano?

certo non ti stanchi come chi lavora in fabbrica (non detto da chi veramente lavora in fabbrica)

anche la figlia di mia cognata scrive nel giornale della parrocchia

ma se hai fatto il Polimoda perchè non fai la stilista??

Precedente Accessori per capelli, nuova collezione decorata con bottoni e non solo.. Successivo 26 Settembre 2010: ritorna il mercatino del Pigneto a Roma

Lascia un commento