Sano distacco

No. Io non ce la faccio. Se Nictopino ha la febbre a 37.2, se Nictopino smocciola dal naso piangendo dalla frustrazione di non saperselo soffiare (o forse è mia la frustrazione di non poterglielo soffiare). Se si sveglio col broncio e piange per addormentarsi. Se non finisce il suo adorato biberon, IO MI PREOCCUPO.
e cambio umore. E somatizzo. E mi viene la febbre pure a me.
E penso a cosa fargli mangiare se il latte non gli va. E penso a sistemargli l’orsetto preferito più vicino se durante la notte l’ha allontanato e lo cerca con le manine.
Aletopo dice che sono esagerata e io gli invidio sinceramente il distacco, seppur vigile e preoccupato, che ha.
Il distacco che gli fa pensare che un’influenza è solo un’influenza, e passerà.
Io non ce la faccio e mi butto giù.

Precedente Piccino picciò Successivo Una pazza con un bambolotto in braccio

Lascia un commento