Sì vabbè bravi,ma nella realtà è un casino

Ci sono fior fior di studi e articoli e libri e blog e pubblicazioni e opuscoli, su come si fa il genitore e su come il genitore si deve comportare in determinate situazioni. Ci sono regole, trucchi, suggerimenti e decaloghi, e chi lo sa meglio di me che faccio (anche) questo lavoro? – dicevo ci sono regole e insegnamenti per tutto ciò che a che fare con la genitorialità, l’essere coppia e famiglia, il corretto sviluppo, gli aspetti psicologici da tenere presenti ogni volta che facciamo qualcosa e, puntualmente, d’estate, spuntano fuori dappertutto le regole per il benessere dei bambini al caldo, al sole, in spiaggia. Anche il Ministero della salute ha stilato delle regole ad hoc sull’argomento.
Noi ci mettiamo con impegno a fare quello che dicono loro, ma vediamo nel dettaglio come applicare i suggerimenti di esperti e dottori nella vita reale, con genitori mediamente normali, bambini VERI, e una vita più o meno incasinata in una Roma rovente e caotica:

fate areare la macchina prima di far salire i bambini: io lascio la macchina in un piazzale assolato dove non esistono parcheggi all’obra, essendo che Nictopino ha pure lui il nido lì, passo a prenderlo poi saliamo insieme nella macchina arroventata. Quando dovrei arearla?? o dovrei pagare qualcuno che me la arei?
dare frutta e verdura ai bambini: certo quelli delle pubblicità mangiano tutti immonde zuppe verdi e cetrioli crudi, Nictopino no, in qualsiasi salda verdurosa tu gliele presenti. mangia la frutta che vuole lui e quando vuole lui e vaglielo a spiegare a 22 mesi che deve mangiarla per il suo bene
– non fate uscire i bambini nelle ore più calde: sacrosanto ma a volte capita, perchè siete tu e tuo marito a Roma senza aiuti e a volte Nictopino lo devi portare fuori alle 2 del pomeriggio e non puoi lasciarlo da solo in casa al fresco del condizionatore
in spiaggia sempre protetti dalla crema: mi impegno tantisismo in questo coi risultati di cotoletta impanata che ho già detto, ma quando il nano fa la spola tra ombrellone e bagnasciuga, bagnato e impanato, senti che ogni tuo potere decisionale è inutile
teneteli lontani dagli insetti: certo, basta parlarci con le zanzare e loro carinissime non si avvicineranno a noi..

non sto esagerando, non voglio fare la simpatica, è che a volte è proprio un mondo difficile, per fortuna che è venerdì sera

Precedente Banchetto ai mercatini: espositori, mensole e supporti fai da te Successivo Vita di quartiere

Lascia un commento