Piccino picciò

Pochi giorni fa è nato un bimbo. Anzi un piccolo elfo, piccolo piccolo, piccino picciò come si dice nelle favole.
E’ nato a fine marzo, ma doveva nascere a luglio. E’ nato di nemmeno un chilo, è nato di nemmeno sei mesi. E’ nato e sta lottando.
Sta in una incubatrice, con un cappellino piccolo per il suo piccolo capino. E la sua manina stringe forte quella del babbo che, orgoglioso, lo guarda da dietro il vetro.
Luca è uno in gamba.
Se nasci di 900 g. sai già come va il mondo, sai già che non è tutto rose e fiori.
E anche la mamma e il babbo di Luca lo sanno. sanno che non c’è niente di facile. e che tutto può succedere indipendentemente da quanto stiamo attenti, indipendentemente dalla nostra volontà.
Ora Luca ce la deve fare. per diventare grande e forte ha un tempo infinito
Per pensare ai miracoli che accadono davvero, lontano dalle canonizzazioni e dai negozi di souvenir, a noi basta un minuto.
Un minuto per pensare che siamo un niente. Ma per esserlo ci vuole la forza di mille giganti

Precedente Sangue freddo Successivo Sano distacco

Lascia un commento

*