Mercatini: come allestire un banchetto ‘accattivante’

 

Innanzitutto una precisazione sulla vendita dato che come ho spiegato qui se si espone nei mercatini, perlomeno in certi mercatini artigianali (per le grosse fiere è un altro discorso) si tratta di scambio di prodotti person to person, direttamente tra privati, dove manca lo svolgimento “professionale” dell’acquisto per la rivendita e deve trattarsi di attività meramente occasionale non di un vero lavoro; di conseguenza non potendosi parlare di commercio in senso proprio non sorge il problema dell’apertura della partita IVA.

Sciolti questi dubbi che alcuni mi avevano posto, oggi vorrei scrivere due o tre cose sull’esposizione e la vendita delle vostre creazioni o comunque della merce sul banchetto al mercatino. Di norma non sarete soli ad esporre e di norma questi posti sono pieni di gente super brava che fa cose bellissime quindi il compratore potrebbe perdersi tra i vari espositori e inebriato da tante forme e colori, potrebbe succedere che neanche si fermi davanti al vostro banchetto perchè attratto da qualcos’altro.
Ecco noi dobbiamo fare in modo di essere quel qualcosa che attira l’attenzione oggettiva di più persone possibili, e l’attenzione deve essere quella di un pubblico il più possibile eterogeneo, così la soddisfazione è doppia. Anche se alla fine può capitare che un cliente guardi per mezz’ora tutto ciò che esponete andandosene a mani vuote,è tutto di guadagnata: gli sarete rimasti impressi, magari tornerà a visitare il vostro sito web (per questo non dimenticate mai volantini o biglietti da visita anche fatti a mano).

Vediamo qualche trucchetto furbo che ho avuto modo di imparare sul campo osservando chi gira per mercati da tanto tempo o semplicemente chi ha gusto e creatività anche nell’allestimento perchè il banchetto è la vostra vetrina e come tale deve essere perfetto

– le vostre creazioni dovranno essere presentate divise per tipo e non ammucchiate – non esponete tutto subito, meglio pochi oggetti ben visibili

– la merce deve essere esposta con molta cura, ordine e dando risalto ai pezzi più belli e appariscenti. Allestisci la bancarella standole davanti dalla parte dei compratori e allontanati spesso di qualche passo per vedere con occhio critico ‘l’effetto che fa’

– Non mettere troppe creazioni tutte assieme, sovrapposte e mischiate, rischi che le persone si perdano nel marasma dei prodotti pur apprezzandoli ed alla fine non acquistino niente perchè ‘ubriacati’ da tanta carne al fuoco

– Se esponi bigiotteria o abiti o accessori devi assolutamente avere uno specchio della giusta dimensione e pulito per far provare le cose ai clienti

– Tutti gli oggetti o gli abiti realizzati in tessuto, devono tassativamente essere puliti, freschi e stirati. Se esponi usato puoi farne a meno ma tirni a mente che l’occhio vuole la sua parte e i clienti sono esigenti anche su oggetti che costano un euro

– Anche se non puoi esporre il prezzo non lasciare gli oggetti senza cartellino, ma realizza un tuo bigliettino da visita stampato in tipografia o fatto mano, originale e creativo che riporti il tuo nome e il nome della tua piccola attività e, se l’hai pensato, anche un piccolo logo (e un recapito, magari il sito o il blog con il tuo ‘catalogo’

– Sempre perchè la presentazione e i dettagli sono importanti è brutto mandar via un cliente mettendo semplicemente in una busta di plastica ciò che ha acquistato, allora meglio pensare ad una confezione originale per i tuoi prodotti venduti, magari usando un sacchetto in carta riciclata decorato a mano, scatole di cartoncino o carta di riso, bustine di plastiche colorate, sacchetti di tessuto, la scelta è illimitata

– Durante i mercatini che coincidono con periodo festivi o prefestivi organizzati di conseguenza esempio a Natale, se hai delle decorazioni natalizie da vendere, portati magari un vecchio albero di Natale finto per esporre gli addobbi o un coniglio di pelouche per oggetti a tema pasquale o cuori e orsetti per San Valentino

– Per esporre la merce possono essere utili anche cestini, piatti colorati e altri contenitori, così da suddividere le creazioni in categorie e confondere meno alla vista

– Come dicevo sopra le feste e le ricorrenze vanno sfruttate perchè i compratori in quei periodo sono alla ricerca di regali: Natale, Pasqua, festa della mamma, del papà, dei nonna, San Valentino, compleanno, onomastico, segni zodiacali, Halloween… proponete idee regalo pronte con tanto di bigliettino

 

IL MIO ACCOUNT SU TWITTER

LA PAGINA FAN DEDICATA ALLE MIE CREAZIONI CON IL NOME VYRTUOSA CREAZIONI (se diventate fan mi farà molto piacere :-P)

LE MIE BOARDS SU PINTEREST (RIPINNATEMI)

Precedente Era una casa molto carina, senza soffitto senza cucina Successivo Di cotolette panate al mare

2 commenti su “Mercatini: come allestire un banchetto ‘accattivante’

Lascia un commento