Lo stoicismo del giocatore di calcetto

– Questi cerottoni funzionano anche per le botte alle caviglie? Chiede Aletopo dopo un’ora dal suo ritorno dalla partita di calcetto aziendale
– “No, non credo, questi sono specifici per la schiena, vedi la forma
– Ah, quindi non fanno nulla
– Non credo siano adatti
– E per le botte noi in casa non abbiamo nulla
– Non al momento no. Perchè non stai bene? E’ successo qualcosa?
– No, no, tutto a posto
– ….
– Mi hanno dato un colpo alla caviglia alla partita, ma davvero non è niente…
– Ma riesci a camminare?
– Siiiiii ma certoooo

Alzandosi dal divano vedo che invece Aletopo ha la caviglia gonfia e fa fatica a poggiare il piede

– ma Aleee un’altra volta, sarà possibile.. ogni volta che vai a giocare ti tronchi!! ma che bisogno c’è di impegnarsi tanto per un’ora di calcetto se poi ti fa male la gamba la settimana come l’altra volta??

– non rompere, cosa vuoi capire, vuoi che non lo sappia come funziona la mia caviglia? Io che giocavo tra le nebbie della pianura padana alle 7 di mattina ogni domenica, io che mi allenavo ogni sabato nella periferia di Milano, io che ho passato la mia vita a giocare a calcio, vuoi che non sappia se questa caviglia sta bene o male?
– Ma se ti fa male e non la poggi a terra io deduco che fa male, nebbie padane permettendo..
– Tze tze cosa vuoi capire, già sento che sto meglio.. domani andrà meglio
_ va bene

– Stamani non sono andato in ufficio, mi fa ancora un po’ male, ma è proprio in via di guarigione, guarda come la poggio in terr… ahi!
– Sì vedo, un appoggio perfetto
– Ho comprato la pomata, va molto meglio
– Certo, una buona idea, meglio metterla anche se non ti male
– Certo, perchè quando io giocavo da professionista sai quante botte ho preso? Lo sai? ma che ne sai tu? Io ogni domenica mattina
.. e si riparte col racconto dei campetti erbosi tra le nebbie padane come farebbe un reduce di guerre parlando della trincea.

E’ incredibile come una febbre possa riportare l’uomo allo stato di coniglio incrociato con Mario Merola, mentre un’autentica e dolorosa botta negli stinchi che fa un male cane, ma siccome è stata data sul campo da gioco bisogna sopportare, lo trasformi in uno stoico guerriero a denti stretti che tutto sopporta e ti va pure a fare la spesa zoppo pur di non ammettere che sì, si è fatto male giocando a calcetto

Precedente Una spilla per la Festa della mamma (la mia) Successivo E' primavera: orecchini in pannolenci fiori e fragole

Lascia un commento