Io sono papà

Vado a prendere Nictopino alle 16.00. Oggi compie 7 mesi e lo trovo seduto per terra su un materassone intento a giocare con dei cubi. Da pochi giorni riesce a stare seduto da solo per molto tempo senza sbracarsi di lato o all’indietro. E mi sembra che sia cresciuto tantissimo.
E’accanto alla tonda Andrè Marie, pure lei per terra, ma a lei dei cubi non gliene frega nulla e si guarda intorno.

La maestra prende Nictopino aggiornandomi sul bollettino pappa-merenda-pupù-progressi, intanto vedo una testolina ad altezza della mia coscia che vaga…
Abbasso lo sguardo e un nano medio.. (forse due anni, ma scarsi) mi fa un sorrisone buttando la testa all’indietro. Contenta di aver fatto colpo sul nano medio, socializzo con lei.
“Ciaooo e tu chi sei??? Cosa ci fai qui con i piccoli che tu sei un bimbo grande?” Chiedo sicura di instillare in lui sentimenti di superiorità sui mini nani
“Pa.. pa…. (ti chiami paolo? pablo? pancrazio? …?) Io sono papà!”

Ho poi scoperto dall’illuminante maestra che il bimbo si chiama Simone e ha un folle amore per Nictopino, unito a istinto di protezione.
Devo dire ad Aletopo che è stato spodestato dal suo ruolo da uno più basso 90 cm

Precedente Ninna nanna pessimista Successivo Spleen

Lascia un commento