I segnali dell’innamoramento e del rinnamoramento

paura

Vignetta di Chiara Rapaccini

Le donne hanno sempre discettato tra loro dei segnali che secondo loro, dimostravano in maniera schiacciante, l’interesse o addirittura l’innamoramento, ma che dico, la passione accecante, di un uomo per loro.

.. Mi ha guardata insistentemente tutta la sera, mi ha detto che gli piace il mio tatuaggio, abbiamo la stessa canzone nell’iPod, siamo andati a prendere l’aperitivo nello stesso posto per anni e non lo sapevamo, non staccava gli occhi dalle mie gambe, ha detto che assomiglio alla sua ex, ha detto che assomiglio a sua madre, ha detto che non mi manca nulla per essere la donna dei suoi sogni, mi ha offerto da bere, mi ha dato un passaggio fino a casa tre volte, ha detto che preparo bene il mojito, si è toccato le labbra guardandomi negli occhi, si è toccato gli occhi guardandomi le labbra, mi ha aiutato a far partire il motorino, ha detto che gli piacciono i bambini, mi ha chiesto dove vorrei andare in vacanza quest’estate, è passato a trovarmi a lavoro.. anzi no è passato a trovare il mio collega che è suo fratello.. però ha visto anche me..

In tutto ciò potrebbe celarsi dell’interesse, potrebbe nascere un amore, potrebbe venirne fuori una storia di sesso, ma tutto questo non basta.
E soprattutto tutto questo non vuol dire niente.
Se ti guarda ma non si avvicina, se ti aiuta a fare qualcosa (ma già questo è tantissimo non scordarlo, meglio di una storia d’amore..) ma non dimostra di interessarsi a dove andrai con il motorino che ti ha fatto ripartire o chi chiamerai col telefonino che ti ha resettato, se ti ha chiesto dove andrai in vacanza ma sai che lui ha già prenotato con suo cugino per fare rafting in Svizzera, lui è stato solo carino, lui è un amico, lui è una persona piacevole, lui è una persona disinteressata ad un coinvolgimento sentimentale con te.

Tutte ci siamo passate, tutte ci passeranno perchè non è ancora stata inventata la scuola-guida del segnale amoroso. Quel che si può è fare tesoro del passato e di tutti quesi segnali che ci eravamo illuse fossero amore, invece non solo non erano un calesse ma manco un monopattino.

Cosa ci può consolare in questo? Che per gli uomini è uguale, solo che se ne accorgono in ritardo. Il che è peggio
Non ci credete, non credete sia possibile’ volete un esempio pratico?
E allora vi racconterò di X che anni addietro lanciava manciate dei segnali di cui sopra ad Y, che innamorata e contorta li raccoglieva a piene mani e li trasformava in amore, così tanto amore che bastava sia per lei che per lui.
E li faceva stare insieme.
Poi X ha smesso di lanciare segnali, ha smesso di stare con lei, ha spezzato ogni legame, ogni filo, ha sporcato ogni bellezza, ha tradito, rinnegato.

Y ha pianto, Y ha cercato X in altri Z, Y è cresciuta e il fantasma di quell’amore le è scivolato di dosso come un cappotto a primavera.
Ecco che allora per Y è arrivato il momento dell’amore, il momento perfetto, il momento della simbiosi. tanti anni dopo. Tanti anni dopo è tornato ad ammettere che quei segnali che pareva che X si fosse sognata erano veri, lui li aveva mandati, per lui significavano amore, passione, unica donna importante della sua vita, che bastava aspettare, che ora lui era pronto.

La morale potrebbe voler dire che come tante Penelopi, a volte basterebbe aspettare, ma poi per cosa? Per un segnale a lunga conservazione come il latte? Per dimostrare di aver avuto ragione? No, la morale non c’è, ma un po’ pensare una storia come questa, lo fa

IL MIO ACCOUNT SU TWITTER

LE MIE BOARDS SU PINTEREST (RIPINNATEMI)

Precedente Muffin al cioccolato Kinder per Giovedì Grasso Successivo Anche alle più dure può sbriciolarsi il cuore

Lascia un commento