Dalla Maglieria Magica al tricotin: il mondo della maglia tubolare

Maglieria Magica. Cercando sul web si vede che molti l’hanno amata, pochi l’hanno veramente usata, molti ora vorrebbero riusarla ma non trovano il libretto di istruzioni. Beh io ce l’ho e soprattutto sono fiera di avere quella non firmata Barbie, ma una gialla e arancione, sempre Mattel ma non brandizzata. E’ completa di tutto, manca solo l’agone per raccogliere le maglie ma supplisco con un uncinetto.
Insomma a me la maglia piace da morire e invidio chi la sa fare bene. Io so cominciare, vado pure avanti ma proprio non è cosa per me, come invece accade per il ricamo, il decoupage etc. quindi cercavo un modo per realizzare dei giochi in lana per Nictopino, morbidi e colorati, ad esempio degli animaletti senza dover usare i ferri.

In un negozietto di Sovana (GR) che vende oggetti in legno di uso comune nei tempi andati e giochi antichi ho comprato pure la chainette che ho scoperto chiamarsi più comunemente Tricotin. Si tratta di un telaietto cilindrico in legno che sta in una mano e ti permette, armandoti di santa pazienza di tessere, lunghe e sottili maglie tubolari.

Dopo aver pubblicato il post sulla resurrezione della mia maglieria magica direttamente dagli anni Ottanta e perfettamente funzionante tutt’oggi, molte di voi mi hanno scritto per chiedermi info, dato che pare non siamo in molti ad avere ancora il libretto di istruzioni. Allora, sperando di fare cosa gradita, lo scorso sabato, ho fotografato le pagine (un po’ sguacite) del suddetto libretto, così, se vi interessa riesumare la fantastica maglieria e non sapete da che parte iniziare, ora non avete più scuse 🙂

Ecco qui la gallery con le foto del Libretto di istruzioni della Maglieria Magica o clicca sulla foto qui sotto

E in questo weekend mi sono invece data al tricotin, all’inizio non riuscivo a cominciare ma grazie a questo video adesso vado come un treno, tutto sta a partire.. ora sto macinando tubolari di colori diversi rimuginando sul cosa farci e ho già un po’ di idee.. no non sono collane…

Precedente Noi e Ikea: 'il regno effetto betulla' di Nictopino Successivo Tricotin mon amour

Lascia un commento

*