Da ape a Uomo Ragno: le metamorfosi di un Carnevale

Ogni anno un costume diverso: dalla prima tutona gigante per te il primo febbraio quando avevi solo nove mesi e poi rimessa con più soddisfazione l’anno dopo.

E poi i due costumi fatti da me, quello da gnomo (il mio preferito di sempre) e quello da scimmia dello scorso anno. Quest’anno ho dovuto cedere alla tua passione per i supereroi e allora niente fai da te (mica vorrete che faccia Spiderman a mano?) ma non ho resistito e quel ben ragnone sul petto te l’ho fatto io con il pannolenci.

Piccino mio, sei meno rotondetto e ormai sei spietato nel rincorrermi con la schiuma per schizzarmi tutto, ma rimani il mio topolino



Precedente Pillole di Neve a Roma (ma è quella di una settimana fa) Successivo Dovete chiudere un po' gli occhi e immaginare quello che volete tanto io quello che dovevo immaginare l'ho già immaginato"

Lascia un commento

*