All’orizzonte, Venezia

Venezia che muore, Venezia appoggiata sul mare,
la dolce ossessione degli ultimi suoi giorni tristi, Venezia, la vende ai turisti,
che cercano in mezzo alla gente l’ Europa o l’ Oriente,
che guardano alzarsi alla sera il fumo – o la rabbia – di Porto Marghera…
Guccini

Domattina un treno porterà me e Aletopo a Venezia. Probabilmente ci sarà l’acqua alta, forse non ci sarà sole, però saremo tra le calli, i canali, il riverbero del marmo in laguna, lo scintillio dell’ro e del vetro, l’arte e il baccalà mantecato …
anche il Casinò (motivo del weekend un prestigiso torneo di poker)
saremo a Venezia e saremo insieme, ed è sempre un buon motivo per prendere un treno

Precedente Di tuffi in tangenziale e lune di cereali Successivo Venezia. impressioni di settembre e.. zavora...

Lascia un commento